agosto 4th, 2018

Attenti ai piccoli oggetti che i bambini possono ingoiare: ami, monete, pile, parti di giocattolo

Pubblicato il 04 Ago 2018 alle 12:04pm

Attenzione ai bambini possono ingoiare di tutto e di più. Oggetti molto pericolosi per la loro salute e soprattutto vita, se non scoperti in tempo e recuperabili.

Soprattutto se si parla di bambini molto piccoli che non sanno parlare e non sanno dire che sono hanno ingerito.

Ecco allora alcuni oggetti recuperati dal corpo di bambini più piccoli, raccolti in una bacheca esposta nel reparto di chirurgia Endoscopica digestiva dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

“Qui, al ritmo di una o due volte a settimana, vengono effettuati interventi di rimozione di corpi estranei ingeriti dai piccoli”.

A rivelarlo è la pediatra – gastroenterologa Paola De Angelis, che da 22 anni si occupa di questi particolari «ripescaggi».

“Un piccolo di quasi 4 anni ha ingerito una pila a bottone di uso comune nei videogiochi e in altri dispositivi. L’ha messa in bocca e poi l’ha ingoiata. – Racconta la dottoressa De Angelis – Poco dopo ha iniziato a avvertire forti dolori addominali che hanno costretto i genitori, ignari di quanto fosse accaduto, a portarlo subito in ospedale”.

La pila però essendo molto piccola era del tutto invisibile all’esame ecografico e ad altri tipi di indagini: dopo giorni di ansia sono stati i medici del Bambino Gesù hanno scoperto la presenza della piccolissima batteria nell’esofago del piccolo grazie a una radiografia addominale, che gli ha salvato la vita.

Altro caso è quello della bambina che ha ingoiato una monetina caduta nel carrozzino.

“Caterina – racconta la dottoressa De Angelis – era una lattante di pochi mesi di vita che, chissà come, era riuscita a inghiottire una moneta da 5 centesimi facendola passare nel suo piccolissimo esofago. L’aveva trovata direttamente nel passeggino, in quanto caduta dalle tasche della mamma. I genitori se ne sono accorti perché la piccola piangeva, sembrava soffocare e cercava di vomitare. Corsi al pronto soccorso, la monetina è stata estratta con l’endoscopio. Si era fermata dietro la gola, proprio all’inizio dell’esofago, molto vicina alle vie aeree”.

Altri casi, dice la dottoressa, sono quelli di bambini che nel mangiare il lecca lecca, ingoiano anche il bastoncino di plastica difficile da visualizzare in quanto nelle radiografie non c’è traccia, unico modo per scovarlo è l’endoscopio.

La De Angelis, infine, spiega che oltre a questi oggetti, nella sua lunga esperienza clinica le sono capitati casi di ami, spilli, piccole parti di giocattoli, palline, chiavi e chi più ne ha ne metta.

Attenzione, dunque, tenete sempre d’occhio i vostri bambini, evitate di tenere in casa piccolissimi oggetti, o a portata di mano, basta un piccolo istante di distrazione e possono rischiare di perdere la vita!

Anna, la giovane che ha sconfitto il linfoma di Hodgkin. Ecco cosa vuole fare per gli altri

Pubblicato il 04 Ago 2018 alle 11:24am

Nina, così come si firma online Anna Francesca Fiora, 29enne torinese che attraverso il suo profilo instagran Ninaintown ha raccontato a colpi di post coloratissimi i lunghi mesi di lotta contro il tumore che l’aveva colpita. (altro…)

Ospedale di Desio, “Presidio di Nati per leggere”, un interessante progetto per i più piccoli

Pubblicato il 04 Ago 2018 alle 8:14am

Non solo curare ma anche prendersi cura dei piccoli pazienti. L’ASST di Monza ha avviato un nuovo progetto di promozione della salute e del benessere, in questo caso rivolto ai più piccoli. (altro…)

RisorgiMarche: annuncio a sorpresa, il 5 Agosto il concerto di Lorenzo Jovanotti

Pubblicato il 04 Ago 2018 alle 7:34am

Si conclude con l’annuncio di un concerto a sorpresa di un grande protagonista della musica italiana la seconda edizione di RisorgiMarche, il festival di solidarietà per le comunità colpite dal sisma ideato e promosso da Neri Marcorè. (altro…)

Harry mette in vendita la sua lussuosissima auto, secondo indiscrezioni Meghan aspetta un figlio

Pubblicato il 04 Ago 2018 alle 7:31am

Il principe Harry ha messo in vendita la sua lussuosissima Audi RS6 Avant del 2017.

L’auto con cui aveva portato l’allora fidanzata hollywoodiana Meghan Markle al matrimonio di Pippa Middleton, nel maggio 2017.

Un anno dopo, esatto, la lussuossima Audi RS6 Avant del 2017, aveva fatto la sua splendida apparizione al Royal Wedding degli stessi Meghan Markle e Harry.

Ma non solo. Dopo il cambio d’abito per il passaggio dalla cerimonia in chiesa al ricevimento al castello di Carlo (ovvero, per quanto riguarda il lato fashion della sposa, il passaggio dal bianco nuziale by Givenchy al bianco alta moda by Stella McCartney), i due erano volati via salutando con la manina proprio da quella macchina.

E adesso, dopo pochi mesi, da simili gioie, Harry decide di disfarsi della sua amatissima auto, Audi RS6 Avant del 2017, presente nel parco macchine dell’altrettanto lussuoso rivenditore Overton Prestige nel Derbyshire: il cui prezzo da listino è pari a 71.900 sterline che sarebbero 92.000 dollari.

In pratica, 80.000 euro con optional aggiunti dal duca dal valore di 12.000 euro: tetto panoramico, vetri oscurati e altro ancora, fino al Dynamic Pack che aumenta la velocità fino a 280 km orari.

Ma la domanda è: perché? Non tanto perché Harry ha messo in vendita un’auto a cui teneva tanto, ma perché disfarsene così tanta fretta?

I media Brit se lo sono chiesti subito: la risposta è che l’Audi RS6 Avant non adatta per una prossima famiglia.

Sì, avete capito bene. Con buona probabilità, la duchessa di Sussex è incinta.

Colazione con latte e cereali, ecco cosa si rischia ogni mattina

Pubblicato il 04 Ago 2018 alle 6:43am

Una buona colazione è essenziale per affrontare al meglio una nuova giornata. E per questo, non va mai saltata.

Attenzione, però, a stare attenti a ciò che si consuma. Questo, perché, anche quegli alimenti che sembrano sani e leggeri possono nascondere invece insidie per la salute, causando, ad esempio, elevati picchi di zuccheri nel sangue.

L’allarme arriva da un recente studio realizzato dalla Stanford University School of Medicine, che ha seguito per due settimane un campione di 57 persone, quasi tutte in buone condizioni di salute, monitorando il glucosio di continuo.

In particolare, i ricercatori hanno osservato l’effetto di tre tipi di colazioni diverse: latte e cornflakes, sandwich al burro e arachidi con barretta proteica.

Ebbene, i risultati registrati hanno fatto emergere qualcosa di veramente sorprendente: nell’80% dei partecipanti si è registrato un aumento della glicemia dopo aver mangiato cereali e latte.

Secondo Michael Snyder, professore di genetica a Stanford e autore senior dello studio, “ci sono molte persone che hanno picchi di livelli di glucosio e non lo sanno nemmeno”.