agosto 9th, 2018

Sanremo 2019: Paola Cortellesi e Beppe Fiorello al fianco di Claudio Baglioni?

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 3:11pm

Il cantautore italiano Claudio Baglioni è già al lavoro con il suo staff per la realizzazione della 69esima edizione del Festival di Sanremo 2019. Dopo il clamoroso successo dell’edizione di quest’anno, seguita da 10.869.000 telespettatori e il 52,16% di share, Baglioni oltre a bissare, punta a fare anche di più. (altro…)

Parto cesareo, in Italia viene preferito per un parto su tre, primo figlio a 32 anni

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 9:11am

Nel 2015 è emerso che il 34,2% dei parti è avvenuto con taglio cesareo. A darne notizia è un Rapporto Cedap (Certificato di assistenza al parto) del ministero della Salute sulle nascite nel nostro Paese, dal quale emerge che sono ancora troppi i parti in Italia che vengono svolti per via chirurgica sebbene ci siano sensibili differenze tra regione a regione. (altro…)

Treno investe famiglia a Brancaleone: morti due bambini, madre molto grave

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 8:49am

Due bambini sono morti dopo essere stati investiti da un convoglio mentre attraversavano i binari insieme alla loro madre lungo la linea jonica a Brancaleone. Si tratta di un’insegnante milanese in vacanza con il compagno, sempre insegnante di Milano ma originario di Brancaleone, che al momento dell’incidente era poco distante dal gruppo travolto dal treno in corsa. L’uomo stava parcheggiando l’auto per poi raggiungerli.

La donna si chiama Simona dell’Acqua e i suoi figli avuti dall’ex marito Lorenzo e Giulia Pipolo. E’ in gravissime condizioni, ha anche una figlia più grande di 16 anni.

L’incidente è avvenuto in contrada “San Giorgio”, tra Brancaleone e Locri. La donna e i due figli stavano attraversando i binari per raggiungere il mare. I tre, secondo una prima ricostruzione, non si sarebbero accorti del sopraggiungere del treno, che li avrebbe investiti di lì a poco.

I due bambini, un maschio ed una femmina, avevano 12 e 6 anni. La madre, di 49 anni, è stata ricoverata negli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria. Secondo una prima ricostruzione, l’incidente potrebbe avere avuto origine dopo che la la bambina è scappata dalla mano della madre mentre insieme a lei ed al fratellino attraversavano i binari.

La donna sarebbe stata poi costretta ad inseguire la figlia per raggiungerla e fermarla affinché si allontanasse dai binari insieme al fratello più grande.

In quel momento sarebbe sopraggiunto il treno regionale partito da Reggio Calabria e diretto a Catanzaro Lido che ha travolto in pieno il gruppo familiare, uccidendo sul colpo i due bambini.

“Sono sconvolto per la morte dei due bimbi travolti da un treno in corsa a Brancaleone, in Calabria. La mia totale vicinanza alla madre ferita e ai familiari. Stiamo verificando i fatti e stiamo perlustrando il luogo dell’incidente, centimetro per centimetro“. Lo scrive il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli su Facebook. “Ma state certi – si legge ancora nel post – che faremo di tutto per evitare che accada di nuovo. Investiremo di piu’ in ogni ambito della sicurezza ferroviaria, compresa la sensibilizzazione dei cittadini rispetto ai comportamenti piu’ corretti da tenere quando ci si trova nei pressi di un binario“.

Verso la pace fiscale per gennaio 2019, per cartelle esattoriali sotto i 100.000 euro

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 8:24am

La pace fiscale partirebbe da gennaio 2019. E’ una delle ipotesi su cui sta lavorando il governo in vista della prossima manovra che dovrebbe essere inserita anche nel decreto fiscale che dovrebbe accompagnare la legge di Bilancio. (altro…)

Eseguito intervento d’avanguardia all’Ospedale del Mare di Napoli su paziente 91enne affetto da un tumore laringeo

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 8:16am

E’ stato eseguito con successo all’ospedale del Mare a Ponticelli, in provincia di Napoli un intervento d’avanguardia su di paziente 91enne a cui è stato asportato un tumore della laringe, presso il dipartimento di otorinolaringoiatria e patologia cervico-facciale diretta dal professor Giuseppe Tortoriello.

L’intervento è stato effettuato attraverso la bocca del paziente con un potentissimo laser a CO2 ultrapulsato di ultima generazione. Grazie alla innovativa tecnologia laser l’operatore ha potuto eseguire un intervento mini invasivo rapido e particolarmente efficace, tale da consentire al 91enne di riprendersi subito dopo l’operazione.

Senza questa tecnologia al paziente sarebbe dovuto essere praticata una tracheotomia, decisamente invalidante, e invece così non è stato.

Vaccinazioni in gravidanza, le raccomandazioni del ministero

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 7:52am

Il ministero della Salute sottolinea “l’importanza delle vaccinazioni come strumento di prevenzione da gravi patologie infettive in ogni fase della vita”, attraverso la circolare emanata ieri 7 agosto ai fini della salute femminile in età fertile, in previsione e durante la gravidanza.

“L’obiettivo è la protezione della donna e del nascituro da alcune specifiche malattie attraverso i giusti vaccini”, spiega il ministero.

Alcune malattie possono incidere negativamente sulla fertilità o avere conseguenze sull’esito di una gravidanza. Di conseguenza, per le donne in età fertile sono indicate, se non già immuni, le vaccinazioni contro morbillo, parotite, rosolia, varicella e papilloma virus (HPV). Di grande importanza è anche il richiamo decennale della vaccinazione contro difterite, tetano e pertosse.

Per questo motivo, in previsione di una gravidanza è necessario che le donne siano protette nei confronti di morbillo-parotite-rosolia (MPR) e della varicella, dato l’elevato rischio per il nascituro, derivanti dall’infezioni materna durante la gravidanza, specie se si verifica nelle prime settimane di gestazione è molto pericoloso.

Per la varicella contratta nell’immediato periodo pre-parto, il rischio, oltre che per il nascituro, può essere molto grave anche per la madre. Poiché sia il vaccino MPR che quello della varicella sono controindicati in gravidanza, è necessario che, al momento dell’inizio della gravidanza, la donna sia già vaccinata con due dosi da almeno un mese prima.

Nel corso di ogni gravidanza e per ogni successiva gestazione sono raccomandate le vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse (dTpa) e anti-influenza (nel caso la gestazione si verifichi durante una stagione influenzale). Di grande rilievo è la vaccinazione dTpa durante ogni gravidanza, anche se la donna sia già stata vaccinata o sia in regola con i richiami decennali o abbia avuto la pertosse. Infatti, la pertosse contratta dal neonato nei primi mesi di vita può essere molto grave o persino mortale e la fonte di infezione è frequentemente la madre. Il periodo raccomandato per effettuare la vaccinazione è il terzo trimestre di gravidanza, idealmente intorno alla 28a settimana, al fine di consentire alla gestante la produzione di anticorpi sufficienti e il conseguente passaggio transplacentare.

Il vaccino dTpa si è dimostrato sicuro sia per la donna in gravidanza che per il feto.

La vaccinazione anti-influenzale è raccomandata e offerta gratuitamente alle donne che all’inizio della stagione epidemica dell’influenza si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza.

Da evitare invece, durante la gravidanza i vaccini contro MPR e varicella, contenendo virus vivi attenuati, sebbene l’effettuazione accidentale della vaccinazione in donne che non sapevano di essere in gravidanza non ha mai fatto registrare alcun caso di aborto o malformazione.

Oltre questa, sconsigliata in gravidanza anche la vaccinazione anti-HPV , poiché non sono stati effettuati studi specifici su possibili effetti collaterali sulla mamma e il nascituro.

San Gerardo di Monza, tra i migliori ospedali dove curare la colangite biliare primitiva

Pubblicato il 09 Ago 2018 alle 6:31am

Una nuova terapia è arrivata presso il San Gerardo di Monza, una delle migliori strutture italiane per curare la Colangite biliare primitiva. A metterla a punto i ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca, del Centro per le malattie autoimmuni del fegato del San Gerardo di Monza e della University of Cambridge grazie ad uno studio clinico multicentrico, chiamato “Pretreatment prediction of response to ursodeoxycholic acid in primary biliary cholangitis: development and validation of the UDCA Response Score”. (altro…)