Anoressia adolescenti, cervello sordo al grido del corpo

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 14 Ago 2018 alle ore 8:58am

Secondo un recente studio pubblicato dalla rivista scientifica Translational Psychiatry – Nature da un gruppo di ricerca dell’Università di Uppsala, in Svezia, guidato dallo psichiatra italiano Santino Gaudio, il cervello delle adolescenti colpite da anoressia fatica ad avvertire le reali condizioni del proprio fisico fin dagli esordi della malattia.

Infatti, dice lo studio, si affievolisce la comunicazione tra le regioni cerebrali deputate alla percezione delle sensazioni fisiche e all’integrazione delle emozioni.

Lo studio, condotto su pazienti del centro clinico per i disturbi alimentari ‘La cura del girasole’ Onlus di Roma, ha confrontato l’attività delle connessioni nervose nel cervello di 15 adolescenti sane con quella di 15 coetanee con anoressia nervosa restrittiva da meno di 6 mesi: nelle fasi precoci della malattia, infatti, la struttura cerebrale risulta ancora normale e non colpita da atrofia come accade invece nelle fasi più avanzate.

“Abbiamo sottoposto le pazienti a risonanza magnetica funzionale per osservare l’attività del cervello a riposo”, racconta Gaudio all’ANSA. “I risultati sono stati esaminati con una nuova metodica di analisi (chiamata ‘Network based statistic analysis’) che consente di identificare le alterazioni nelle connessioni tra le diverse aree del cervello. Abbiamo così scoperto che le adolescenti affette da anoressia nervosa presentano una ridotta comunicazione tra le aree cerebrali coinvolte nella percezione del proprio corpo e nell’integrazione dei segnali corporei e delle emozioni.

Nello specifico, è di interesse l’alterazione del giro occipitale superiore, che è coinvolto nel riconoscimento del proprio corpo e dei suoi movimenti allo specchio”. Queste anomalie spiegherebbero “perché le pazienti hanno un’alterata percezione del corpo e non sono capaci di valutare le sue reali dimensioni anche quando sono sottopeso o in uno stato di grave denutrizione”.