Sordità: una proteina dell’orecchio può salvare l’udito

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 28 Ago 2018 alle ore 8:39am

I ricercatori avrebbero trovato una proteina sensore capace di tradurre suoni e movimenti della testa in segnali nervosi da trasmettere al cervello. Fondamentale per la sopravvivenza e per lo sviluppo dei rapporti sociali, la proteina sensore TMC1 è presente nei mammiferi, ma anche nei pesci e negli uccelli. Comprendere a pieno le sue caratteristiche può aprire a nuove cure contro la sordità, causata proprio dall’assenza di TMC1 o da un suo funzionamento scorretto.

Le ultime ricerche diffuse dagli esperti dell’Harvard Medical School di Boston spiegano che tale proteina si traduce in cellule ciliate, già all’interno dell’orecchio. La loro membrana presenta dei pori che si aprono tutte le volte che percepiscono nuovi movimenti e suoni, garantendo così il corretto funzionamento dell’udito.

La proteina in questione è stata confrontata con una proteina molto vicina, denominata TMEM16. I ricercatori hanno trovato diversi punti in comune tra le due proteine, avendo controllato 17 degli amminoacidi che costituiscono TMC1, ma soprattutto verificato se la loro sostituzione condizionasse o meno l’udito.