settembre 23rd, 2018

La bevanda detox fai da te per sgonfiarsi con cannella e alloro

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 7:22am

Ecco il super succo detox, fai da te, composto da solo due e semplici ingredienti: cannella e foglie di alloro. Naturale, semplice da fare e soprattutto efficacissimo. Per prepararlo serve solo 1 litro d’acqua, 2 stecche di cannella e 10 foglie di alloro. Una volta che vi siete procurate tutti gli ingredienti basta far bollire l’acqua con dentro le stecche di cannella e le foglie di alloro. Lasciare bollire l’acqua con gli ingredienti per 15 minuti, così che l’acqua assorba tutti i meravigliosi nutrienti dell’alloro e della cannella. Alla fine, dopo aver spento il fuoco, filtrare il tutto, aspettando che si intiepidisca un po’ e bere questo magico succo, che aiuta a dimagrire e a sgonfiarsi.

Se sentirvi più leggere, perdere qualche chilo di troppo ecco la bevanda detox che fa per voi!

Vi aiuta a depurarvi e a liberare l’organismo dalle tossine. A sgonfiare pancia e fianchi.

Affinché la bevanda faccia effetto, iniziate a berne una tazza a digiuno al giorno. Dopo 2 o 3 giorni bevetene 2 tazze al giorno (una al mattino e una al pomeriggio). Il metabolismo si riattiverà e soprattutto l’infuso sgonfierà la vostra pancia e drenerà i vostri tessuti. Attenzione però: non bevetene più di 2 tazze al giorno, in quanto la cannella contiene una sostanza chimica chiamata cumarina che può essere tossica se assunta in quantità elevate.

Evitate di berla se siete in gravidanza o soffrite di problemi allo stomaco, digestivi (ulcere o gastrite) o state assumendo antibiotici.

Milano Fashion Week: Alberta Ferretti lancia la tuta di pizzo, prossimo must have della primavera estate 2019?

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 6:30am

Durante la Milano Fashion Week 2018, Alberta Ferretti ha portato in scena sulla passerella la sua collezione per la prossima Primavera Estate 2019 con colori chiari e pizzo.

La stilista italiana ha lanciato poi un nuovo outfit: la tuta in pizzo. (altro…)

Trovate staminali umane di ossa e cartilagine utili per cure contro malattie degenerative come artrosi e osteoporosi

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 6:03am

La ricerca scientifica è riuscita a scovare le staminali umane che producono ossa e cartilagine. I ricercatori della Scuola di Medicina della Stanford University sono infatti riusciti a isolare le cellule, precedentemente osservate solo nei topi, dalle ossa di esseri umani adulti e ad ottenerle anche da staminali pluripotenti indotte. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Cell, apre la strada a nuovi trattamenti che mirano a rigenerare ossa e cartilagine in malattie legate all’età, come l’osteoporosi e l’artrite, o in lesioni come le fratture.

I ricercatori con a capo Charles Chan, hanno scoperto i processi di regolazione che restavano finora del tutto sconosciuti.

A differenza di alcuni vertebrati, che possono rigenerare intere porzioni dei propri arti, in topi ed esseri umani il tessuto scheletrico ha un potenziale più limitato: riesce a riparare solo danni piccoli o moderati e il tessuto cartilagineo negli adulti ha una capacità rigenerativa quasi nulla.

“Spero che entro i prossimi dieci anni o giù di lì questa nuova fonte di cellule possa davvero cambiare le carte in tavola nella medicina rigenerativa”, commenta Michael Longaker, uno degli autori dello studio. “Se potessimo usare cellule staminali per terapie relativamente non invasive – ha aggiunto – sarebbe un sogno che si avvera”.

Yogurt: uno recente studio mette in guardia dallo zucchero

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 6:01am

Gli yogurt, in gran parte di quelli che troviamo in vendita nei supermercati e nei negozi, contengono zucchero in grosse quantità, specialmente se per bambini e biologici. Fatta eccezione per lo yogurt greco e quello bianco naturale. (altro…)

Capelli, l’aroma di sandalo sintetico ne aiuta la ricrescita

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 5:43am

I nostri capelli hanno un ‘olfatto’ che permette loro di crescere più rapidamente quando entrano in contatto con l’aroma di sandalo sintetico: i ricercatori hanno scoperto infatti che questa sostanza è in grado di prolungare la prima fase del ciclo di vita del follicolo pilifero. Ma serviranno ulteriori test per capire se si possa davvero contrastare la calvizie.

I capelli hanno recettori olfattivi e, quando percepiscono l’odore di sandalo sintetico, si attivano e crescono. Questo è quanto sostengono i ricercatori della University of Manchester che sulla rivista Nature Communications hanno pubblicato lo studio intitolato “Olfactory receptor OR2AT4 regulates human hair growth”.

Ma come è possibile, tutto ciò?

Esistono diversi recettori olfattivi che sono espressi da diversi tipi di cellule in tutto il corpo umano e che sono in grado di regolare differenti funzioni cellulari oltre che all’olfatto stesso, spiegano i ricercatori che hanno preso in analisi il recettore OR2AT4. Questo infatti, secondo studi precedenti, è in grado di stimolare la proliferazione di cheratinociti nella pelle, in particolare quando messo in contatto con l’aroma sintetico del sandalo. Partendo da questa consapevolezza, gli esperti si sono chiesti quali effetti potesse avere sulla crescita dei capelli.

Considerando che la guarigione della pelle e la crescita dei capelli sono strettamente collegate, gli esperti hanno testato gli effetti benefici dell’applicazione dell’aroma di sandalo sintetico su campioni di cuoio capelluto e hanno rilevato che, nel giro di sei giorni, i follicoli piliferi trattati sopravvivevano più a lungo di quelli non trattati, inoltre hanno notato un incremento del fattore di crescita: l’aroma sintetico dunque di sandalo era effettivamente in grado di prolungare la crescita dei nostri capelli.

“Il Paese ritrovato”, è a Monza ed è il primo villaggio per i malati di Alzheimer

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 5:23am

Si chiama “Il Paese ritrovato”, è a Monza e accoglie 32 over 70 affetti da demenza lieve o moderata. Abitano in appartamento, si trovano al bar, dal parrucchiere, in palestra. E sono assistiti 24 ore grazie a braccialetti smart. (altro…)