ottobre 1st, 2018

Tex . 70 anni di un mito, la grande mostra alla Permanente di Milano dal 2 Ottobre al 27 Gennaio 2019

Pubblicato il 01 Ott 2018 alle 1:34pm

Era il 30 settembre 1948 quando nelle edicole italiane debuttava il primo albo a striscia di Tex, il personaggio creato da Gianluigi Bonelli e realizzato graficamente da Aurelio Galleppini destinato a diventare il più grande e amato eroe del fumetto italiano e uno dei più longevi del fumetto mondiale.

Nel 1982 poi, approdava alla Sergio Bonelli Editore anche un altro fumettista e illustratore italiano, Claudio Villa che veniva aggiunto allo staff di Martin Mystère. Dopo quattro episodi Villa venne chiamato a disegnare il personaggio più famoso della casa editrice milanese: Tex

A settant’anni di distanza, il fumetto che racconta il mitico west americano continua ad appassionare nuove generazioni. Il 2 ottobre infatti, apre a Milano una mostra che lo celebra, dal titolo dal titolo TEX. 70 ANNI DI UN MITO, aperta al pubblico fino al prossimo 27 gennaio 2019 al Museo della Permanente di Milano e patrocinata dal Comune di Milano.

Curata da Gianni Bono, storico e studioso del fumetto italiano, in collaborazione con la redazione di Sergio Bonelli Editore, la mostra racconterà come Tex sia riuscito, anno dopo anno, non solo a entrare a far parte delle abitudini di lettura degli italiani, conquistando diverse generazioni, dal 1948 a oggi, grazie al suo profondo senso di giustizia e alla sua innata generosità, ma anche a diventare un eroe e un vero e proprio fenomeno di costume, un nome che non ha bisogno di essere presentato.

Nei 70 anni della sua storia, Tex, l’avventuriero, il ranger, il saggio capo degli indiani Navajos, ha affrontato banditi e malfattori, salvato tribù indiane ingiustamente perseguitate, ha cavalcato sui sentieri polverosi del vecchio West, come nei deserti infuocati del Messico e nelle fredde regioni del Grande Nord lottando anche contro il suo nemico di sempre: Mefisto, incarnazione del male. Ora, grazie a disegni, fotografie, materiali rari e talvolta mai visti prima e attraverso installazioni a tema create appositamente per questo evento, la mostra TEX. 70 ANNI DI UN MITO, il più importante omaggio mai dedicato all’Aquila della Notte, ripercorrerà l’epopea di Tex Willer, che è anche quella della Frontiera americana, dalla sua creazione ai giorni nostri, attraversando gli eventi e i personaggi della serie e gli straordinari artisti della matita e del pennello che hanno reso Tex il mito che noi tutti conosciamo.

Attraverso le prime pagine dei quotidiani, TEX. 70 ANNI DI UN MITO ripercorrerà inoltre 70 anni di storia italiana, che racconteranno il parallelo tra le avventure a fumetti del coraggioso Ranger e quelle del nostro Paese, e offrirà ai visitatori l’occasione per cavalcare al fianco di Tex attraverso praterie, foreste e deserti, dall’Arizona al Canada, dal Rio Grande all’Oceano Pacifico, fronteggiando con lui fuorilegge e indiani ribelli, ma anche maghi vudù e sette segrete…

La mostra sarà inoltre accompagnata da un ricco calendario di appuntamenti che permetteranno ai lettori di incontrare autori, disegnatori, curatori legati al mondo di Tex e della Casa editrice: Michele Masiero (direttore editoriale di Sergio Bonelli Editore), Mauro Boselli (curatore di Tex), Gianni Bono (curatore della mostra), i disegnatori Claudio Villa, Alessandro Piccinelli, Maurizio Dotti e Pasquale del Vecchio.

Per conoscere tutti i dettagli, visitate il minisito dedicato alla mostra: www.Tex70lamostra.it

Per rimanere sempre aggiornati, seguite l’account Instagram www.instagram.com/sergiobonellieditoreufficiale/

Per non perdere tutte le novità, seguite anche la pagina Facebook della Casa editrice www.facebook.com/SergioBonelliEditoreUfficiale

e la pagina Facebook di Tex www.facebook.com/TexSergioBonelliEditore/

Video mostra Tex.70 anni di un mito

Il caffè, un valido alleato contro il dolore

Pubblicato il 01 Ott 2018 alle 9:06am

Bere regolarmente caffè e altre bevande contenenti caffeina aiuta a sopportare meglio il dolore. Aumenta infatti la soglia di tolleranza. A rivelarlo è un nuovo studio condotto dallo psicologo Burel Goodin, della University of Alabama a Birmingham e pubblicato sulla rivista scientifica Psychopharmacology. La notizia è stata resa nota a pochi giorni dalla Giornata Internazionale del Caffè istituita dall’International Coffee Organization (ICO), avviato in collaborazione con l’ONU per migliorare la cooperazione tra le nazioni che consumano, distribuiscono e producono caffè.

Goodin ha coinvolto 62 individui dai 19 ai 77 anni e stimato per l’intero campione un consumo medio di caffeina di 170 milligrammi al giorno, pari a circa due tazzine di caffè, sebbene il 15% dei partecipanti consumasse oltre 400 milligrammi al giorno di caffeina. Ha condotto un test per misurare la soglia individuale del dolore: ebbene i volontari venivano stimolati sull’avambraccio con applicazione di calore e pressione a intensità crescenti e decrescenti e veniva chiesto loro di dire quando il dolore diveniva insopportabile e quando invece tornava a essere un fastidio tollerabile.

Da qui è emerso poi che pur tenendo conto di altri fattori noti che possono influenzare la soglia del dolore (ad esempio sesso, consumo di alcolici e fumo etc), la capacità di sopportazione individuale cresce al crescere del consumo giornaliero di caffeina.

Gatti: fanno bene al cuore, allungano la vita e allontanano stress e depressione. Dal 1 ottobre al via la campagna di adozione

Pubblicato il 01 Ott 2018 alle 7:39am

I gatti allungano la vita, fanno bene alla salute del cuore, tengono a dovuta distanza stress e depressione e riducono il rischio di mortalità nei pazienti cardiologici. Per queste motivazioni a partire dal primo ottobre la Fondazione Iseni e il Centro Cuore Malpensa (facente capo alla clinica Istituti di Ricovero e Cura Gruppo Iseni Sanità) avvieranno una campagna ad hoc, proponendo l’adozione di un felino ai pazienti con problemi cardiaci. (altro…)

In arrivo un film sulla vita di Bud Spencer

Pubblicato il 01 Ott 2018 alle 7:39am

Bud Spencer: presto la sua vita diventerà un film. È stato lo stesso figlio dell’attore scomparso, Giuseppe Pedersoli, a dare la notizia nel corso della cerimonia d’apertura del Terni Pop Film Fest.

“Non potevamo non cominciare con lui – hanno spiegato i direttori artistici del festival, Simone Isola e Antonio Valerio Spera, che con Giuseppe Pedersoli hanno ospitato anche la sorella Diamante e il nipote dell’attore Alessandro – visto che i suoi film hanno segnato quattro generazioni”.

“Per noi è quasi come non se ne fosse mai morto – ha spiegato il figlio di Bud Spencer – abbiamo riscontrato, anche aprendo una pagina Facebook in suo ricordo, come la gente da tutto il mondo lo senta come uno di famiglia. Lui diceva sempre di non essere un attore, dopo molti anni ho capito il senso di quella frase. Lui sul set non interpretava nessun personaggio, era esattamente come era nella vita”.“

Crema contorno occhi, come sceglierla

Pubblicato il 01 Ott 2018 alle 6:58am

La crema per il contorno occhi è il cosmetico più ricercato e apprezzato dalle donne che ben conoscono l’importanza di prendersi cura della zona più delicata del proprio viso.

Creme Contorno Occhi Insieme al contorno labbra, la zona periorbitale è in assoluto la più delicata e soggetta ad attacchi atmosferici, inquinamento ed irritazioni da trucco: per questo motivo, l’area interessata un trattamento particolare e specifico, estremamente delicato, in grado di idratare, nutrire e ammorbidire la pelle in profondità.

I prodotti cosmetici più apprezzati in assoluto per il trattamento cosmetico del contorno occhi sono le creme e i sieri, che in commercio spopolano per le tante tipologie di principi attivi in esso contenuti.

Crema ideale Il contorno occhi richiede una certa costanza nell’applicazione di prodotti idratanti e nutrienti. Le formulazioni più apprezzate sono certamente creme leggere, sieri e gel facilmente assorbibili e non untuosi.

Come si applica La modalità d’applicazione di una crema per il contorno occhi è piuttosto semplice; tuttavia, per sfruttare il massimo del suo effetto benefico, è buona regola prestare una particolare cura nella pulizia del viso, indispensabile per preparare la pelle ad accogliere al meglio gli i principi attivi funzionali contenuti nel prodotto. Prima di applicare una crema per il contorno occhi, si raccomanda dunque di eliminare dal viso ogni traccia di trucco con latti detergenti molto delicati e specifici. Particolare attenzione deve essere posta anche alla rimozione del trucco intorno agli occhi e alle palpebre: il latte detergente non dev’essere troppo acido per evitare di irritare inutilmente la congiuntiva che riveste l’occhio. I prodotti per rimuovere il trucco dal contorno occhi devono inoltre presentare una bassa viscosità per evitare di dover strofinare eccessivamente gli occhi con il dischetto di ovatta o cotone: uno strofinio troppo energico nella zona del contorno occhi potrebbe, infatti causare gonfiore ed arrossamenti palpebrali, fino a predisporre alle occhiaie nel caso portasse alla rottura dei sottili e delicati capillari dell’area perioculare. In alternativa al classico detergente struccante, l’eliminazione del trucco dagli occhi e dal loro contorno può essere effettuata mediante l’uso di acqua micellare specifica per la detersione di quest’area del volto.

Crema Idratante La pelle del contorno occhi dev’essere profondamente idratata per minimizzare il rischio di rughe precoci e zampe di gallina. A tale fine una crema per il contorno occhi ideale dovrebbe avere al suo interno ingredienti attivi ad azione idratante ed elasticizzante.

Ecco allora che un cosmetico molto adatto per il contorno occhi è l’acido ialuronico. Non solo idrata in profondità l’epidermide, ma è anche in grado di restituire alle pelli secche e mature la loro naturale elasticità. Altro prodotto molto efficace è l’Aloe vera gel. Idrata e lenisce la pelle del contorno occhi.

Poi abbiamo le creme che contengono sostanze emollienti eudermiche, come burri vegetali (es. burro di cacao, burro di karité); oli vegetali (olio di mandorle dolci, olio di germe di grano, olio d’oliva); cere liquide (es. olio jojoba). Queste sostanze naturali sono estremamente efficaci per ammorbidire il contorno occhi, ripristinare la funzione/barriera della pelle conferendo un aspetto morbido e levigato.

Cacao ricco di vitamina D2

Pubblicato il 01 Ott 2018 alle 6:00am

Il cacao e gli alimenti a base di cacao contengono una quantità notevole di vitamina D2, nota anche come ergocalciferolo. A scoprirlo è un recente studio condotto dalla Martin Luther University Halle-Wittenberg e dal Max Rubner-Institut, in Germania ha rivelato anche come il burro di cacao e il cioccolato fondente siano i cibi con il più alto contenuto di vitamina D2, mentre il cioccolato bianco è quello che ne assicura di meno.

“La vitamina D è fondamentale per il corpo umano ed è disponibile in due tipi: vitamina D2 e D3”, spiega Gabriele Stangl della Martin Luther University. “La vitamina D3 – prosegue ancora lo scienziato – è prodotta dalla pelle attraverso l’esposizione al sole. Gli esseri umani ottengono il 90% del loro fabbisogno di vitamina D in questo modo. Il resto viene consumato attraverso il cibo, come il pesce grasso o le uova di gallina. La vitamina D2 si trova invece nei funghi: le fave di cacao sono sensibili alla contaminazione da funghi e spesso contengono quantità considerevoli di ergosterolo, il precursore della vitamina D2, proprio per questo motivo”.