ottobre 18th, 2018

Marco Mengoni – In rotazione da domani gli inediti “Voglio” e “Buona vita”: annunciate le prime date di #MengoniLive2019

Pubblicato il 18 Ott 2018 alle 11:48am

Da venerdì 19 ottobre arrivano in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali i nuovi inediti VOGLIO e BUONA VITA. Per la prima volta MARCO MENGONI sceglie due brani di anticipare il suo prossimo disco di inediti che uscirà il prossimo 30 novembre su etichetta Sony Music.

L’ANTEPRIMA >> La release di venerdì è stata preceduta da una speciale anteprima in cinque città italiane dove, grazie alla collaborazione con Musement, Marco ha incontrato alcuni fortunati fan e ha condiviso con loro il primo ascolto dei due singoli. Milano e l’Orto Botanico di Brera, Roma e il Chiostro del Bramante, Firenze e Palazzo Strozzi, Venezia e Cà Pesaro, Napoli e il Museo Pietrarsa: queste le cinque città e i luoghi dove la bellezza, uno dei temi portanti del progetto, viene esaltata.

LA MUSICA >> Entrambe le tracce segnano un’importante svolta per Marco dal punto di vista artistico, grazie ad un sound inaspettato che passa attraverso esperienze musicali molto diverse. In pittura e in fotografia, il contrasto è mancanza di sfumature nei colori, e così la giustapposizione di luce e ombra è il filo conduttore di questi primi due brani, che aprono una prima importante finestra sull’intero disco. I due brani usciranno per la prima volta in contemporanea nei paesi di lingua spagnola nelle due versioni Quiero e Buena Vida.

VOGLIO >> è un’esplosione di energia, di vita e di desiderio, un uptempo scritto da Marco insieme ad Andrea Bonomo e Gianluigi Fazio. “VOGLIO gioca con il contrasto senza sfumature, con un tempo verbale che poche volte ho usato nella mia vita e qui viene ripetuto quasi a perdere valore e significato originario – racconta Marco – Questo pezzo prende ad esempio luoghi comuni, modi di dire e atteggiamenti di vita quotidiana che vengono ribaltati ed esasperati frase dopo frase, dove tutto è il contrario di tutto. Io e miei musicisti abbiamo lavorato in studio e l’arrangiamento è quindi istintivo e “sporco”, in un rimpallarsi veloce di battere e levare coerente con il contrasto che il pezzo stesso rappresenta.

BUONA VITA >> cambia nettamente l’approccio testuale e il suono. Scritto da Marco a quattro mani con Fabio Ilacqua e prodotto da El Guincho (già produttore dell’ultimo lavoro di Rosalia), questo brano lascia spazio a sonorità inedite che accompagnano un manifesto per augurare il meglio a chi c’è e a chi non c’è più. “In superficie è una canzone allegra, armonicamente in maggiore che però nasconde un significato molto profondo – spiega Mengoni – Un allontanamento da tutti i compromessi a cui la vita ci ha obbligato, volere bene a prescindere dalle esperienze e quindi augurare un buon percorso a tutte le persone che hanno fatto, fanno e faranno parte del nostro vissuto. Il contrasto ritorna anche in questo brano, vestito da influenze latine e allegre che ho incontrato durante il mio viaggio. Ho ascoltato musica molto lontana dalla nostra e, in questo caso, ho preso spunto da un genere che nasce in una piccola isola dei Caraibi, dove canzoni apparentemente leggere raccontano storie molto profonde e importanti”.

Ma per questo nuovo progetto torna anche il live con il #MengoniLive2019. Annunciate infatti le prime date del tour prodotto e distribuito da Live Nation che partirà il prossimo 27 aprile da Torino (PalaAlpitour), poi arriverà a Milano (Mediolanum Forum – 1 maggio), Roma (8 maggio – PalaLottomatica), Bari (13 maggio – Palaflorio), Caserta (16 maggio – Pala Decò), Eboli (18 maggio – Palasele), Firenze (21 maggio – Nelson Mandela Forum), Verona (24 maggio – Arena di Verona), Rimini (29 maggio – RDS Stadium), Bologna (30 maggio – Unipol Arena).

I biglietti per #MengoniLive2019 saranno eccezionalmente acquistabili sulla app ufficiale Marco Mengoni per 48 ore a partire dalle ore 10.00 di lunedì 22 ottobre. Dalle ore 10.00 di martedì 23 ottobre partirà la prevendita My Live Nation riservata agli utenti registrati su www.livenation.it, mentre dalle ore 11.00 di mercoledì 24 ottobre si potranno acquistare su tutti i canali ufficiali e i punti vendita autorizzati.

Radio Italia è radio ufficiale di #MengoniLive2019.

Un test del sangue o della saliva sarà in grado di indicare la strada per dire addio al fumo

Pubblicato il 18 Ott 2018 alle 7:54am

Un test sulla saliva o del sangue per “cronometrare” il metabolismo della nicotina nell’organismo potrebbe aiutare a individuare la strategia più giusta per dire addio al fumo.

Grazie ad uno studio condotto su oltre cento fumatori italiani per la prima volta in assoluto, si scopre che gli individui con un metabolismo della nicotina più rapido hanno un minor rischio di dipendenza rispetto ai fumatori con metabolismo più lento, nonostante le abitudini al fumo siano le stesse.

Ecco dunque che il primo studio italiano sulla correlazione fra la velocità del metabolismo della nicotina e il grado di dipendenza dal fumo, condotto dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa e presentato in occasione del XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP) a Venezia, apre la strada in un prossimo futuro, a strategie mirate, addirittura su misura, individuate con semplici test che misurino quanto rapidamente l’organismo sia in grado di smaltire la nicotina.

I dati preliminari, in controtendenza rispetto a quanto noto a oggi, indicano infatti che i fumatori con un metabolismo lento della nicotina hanno una maggiore dipendenza dal fumo, tendono ad accorciare i tempi fra una “bionda” e l’altra, hanno bisogno di più sigarette per soddisfare il desiderio di fumare. Per questi soggetti potrebbe perciò essere indicato un trattamento che fornisca dosi costanti di nicotina, per esempio in cerotto, in modo da ridurre il desiderio della sostanza e facilitare la disassuefazione.

“Purtroppo smettere di fumare è ancora molto difficile: la maggior parte dei fumatori non riesce a farlo da sé e anche con l’aiuto di trattamenti integrati, dal counseling ai farmaci, tanto che le percentuali di individui ancora in astinenza a 3, 6 e 12 mesi dall’ultima sigaretta sono basse, pari rispettivamente al 32%, 21% e 14% – afferma Stefano Nardini, presidente della SIP -. Nel complesso, il tentativo di smettere di fumare fallisce nell’80% dei casi; a oggi inoltre non esistono indicazioni su quale farmaco sia da considerarsi più efficace, né è chiaro quali fumatori possano trarre maggiori benefici da uno o dall’altro trattamento. Lo studio della velocità di smaltimento della nicotina attraverso un test sul sangue o sulla saliva potrebbe rivelarsi perciò un metodo relativamente semplice per individuare coloro per i quali è più difficile smettere a causa di una dipendenza più marcata, così da intervenire in maniera più incisiva”.

Secondo i dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno perdono la vita oltre 7 milioni di persone per i danni causati dal fumo e di queste circa 890mila vittime sono non fumatori esposti al fumo passivo. Il fumo attivo rappresenta in Italia la principale causa di mortalità prevenibile: le stime parlano di oltre 70mila decessi ogni anno, di cui il 25% riguarda individui di età compresa tra 35 e 65 anni.

In arrivo l’holter del respiro

Pubblicato il 18 Ott 2018 alle 7:34am

E’ in arrivo l”holter del respiro’. Il primo braccialetto che registra i livelli di ossigeno nel sangue e monitorizza la funzionalità respiratoria nei pazienti con patologie cardiopolmonari, in modo accurato e continuo 24 ore su 24. (altro…)

Come arricciare i capelli senza stressarli, solo con una fascia. Prova anche tu!

Pubblicato il 18 Ott 2018 alle 7:22am

Se volete avere capelli mossi ma al naturale e senza stressarli troppo ecco cosa dovete fare.

Non avrete bisogno di alcuna piastra o ferro per arricciarli, ma vi basterà una semplice fascia morbida per capelli.

Procuratevi dunque il seguente occorrente: – una spazzola, – una fascia per capelli dal tessuto piuttosto morbido, – alcune forcine, – lacca, – uno spray anti crespo – una cuffia da doccia, (la cuffia è facoltativa), serve solo per fissare i capelli in modo che non si muovano, ma se li avete da medi a lunghi, potete farne a meno.

E guardate il nostro video tutorial

Se avete i capelli puliti vi basterà inumidirli con uno spruzzino, altrimenti fate lo shampoo come di consueto. Tamponate i capelli per eliminare l’eccesso d’acqua, pettinateli accuratamente, è molto importante che non presentino nodi, applicate un prodotto anticrespo, questo passaggio è indispensabile sia che abbiate i capelli ricci che mossi o lisci. Fatto ciò, prendete la fascia per capelli e inseritela attorno alla testa, sulla fronte, come una sorta di coroncina, per fare questo passaggio vi consiglio però, di legare le lunghezze in una coda morbida, così i capelli resteranno ben fermi. Quando la fascia è sistemata, slegate i capelli e partendo dalla parte davanti, prendete una piccola ciocca, pettinatela e arrotolatela attorno alla fascia, cercate di tirare il più possibile i capelli, unite la parte finale della prima ciocca alla seconda e procedete cosi per tutta la testa. Quando avrete terminato, se il vostro taglio è scalato, fissate i ciuffi alla testa con alcune forcine. Guardandovi allo specchio dovreste vedere una sorta di acconciatura a corona anni 20, simile a quelle che facevano le ballerine di Charleston. Spruzzate della lacca e lasciate asciugare i capelli per tutta la notte. Se avete fretta, potete aiutarvi con il calore del phon, prestando attenzione a non far svolazzare troppo i capelli all’attaccatura, altrimenti risulteranno crespi e senza forma.

Milano, Palazzo Reale, aperta al pubblico dal 18 ottobre al 17 febbraio 2019 la mostra ‘Picasso Metamorfosi’

Pubblicato il 18 Ott 2018 alle 7:15am

Apre a Milano, a Palazzo Reale, dal 18 ottobre la mostra ‘Picasso Metamorfosi‘: dedicata al rapporto multiforme e fecondo che il genio spagnolo ha sviluppato, per tutta la sua straordinaria carriera, con il mito e l’antichità, che si propone come fine principale quello di esplorare per la prima volta da questa particolare prospettiva il suo intenso e complesso processo creativo. Promossa e prodotta da Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e MondoMostreSkira, la mostra curata da Pascale Picard, direttrice dei Musei civici di Avignone, resterà aperta sino al prossimo 17 febbraio 2019. (altro…)