Contraccezione gratis, soprattutto per i giovani. Nei Lea sì ma non solo la pillola

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 06 Nov 2018 alle ore 7:15am

Contraccettivi gratis, prima di tutto per i giovani. A pensarla così sono alcune Regioni, e se ne discute anche in Parlamento e con il ministero della Salute. A volerlo anche molte associazioni che si battono affinché vengano sempre più adoperati e diffusi tra giovani e giovanissimi. Al fine di prevenire malattie e gravidanze indesiderate.

Sappiamo inoltre che la contraccezione è essenziale per una migliore sessualità di tutti ma sopratutto per la salute delle donne che devono poter scegliere il metodo più appropriato da seguire.

Ad esempio in un consultorio la donna dovrà essere informata su più metodi disponibili, sui loro vantaggi e svantaggi. Informata che non esistono solo le pillole ma anche altri metodi contraccettivi tra l’altro ancora più sicuri, secondo l’OMS, come le spirali, gli impianti e le sterilizzazioni. Poi la donna potrà scegliere in base alle sue diverse motivazioni anche metodi meno sicuri, quali i metodi cosiddetti naturali, se vuole semplicemente rimanere incinta.

Ci sono criteri medici, dunque, “Medical eligibility criteria”, anche questi pubblicati ed aggiornati dall’OMS, che medici e ostetriche devono conoscere bene per poter aiutare al meglio giovani donne e over a scegliere i metodi meno rischiosi in caso di patologie.

Se si sceglie la spirale quella più economica e valida per la maggior parte delle donne e sarà in rame. Ma in caso di mestruazioni abbondanti sarà necessario usare le costose spirali medicate con progestinico, che lo stato potrebbe mettere a disposizione gratuitamente, almeno in questi casi, per una terapia efficace, risparmiando su esami e terapie inutili o menomanti come l’isterectomia.

E’ un vero peccato che AIFA dica che non è competente per i dispositivi (spirali e impianti) e che non si sappia chi può renderli gratuiti in farmacia (tecnicamente rimborsabili) e prescrivibili con ricetta specialistica. Sarebbe almeno utile trovarli gratuiti nei consultori, il luogo migliore per fare un buon counseling e per procedere alle pratiche conseguenti, compresa l’applicazione di spirali.