Bruna Sartori dona all’ospedale le apparecchiature che hanno migliorato la vita al marito dializzato

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 23 Nov 2018 alle ore 7:13am

Bruna Sartori è la donna che ha annunciato al Prof. Enrico Fiaccadori, direttore della Nefrologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, la sua intenzione di donare ben sette apparecchiature per dialisi che andranno a sostituire quelle più obsolete e rinforzeranno la dotazione del reparto che potrà così offrire ai pazienti ricoverati nelle strutture del Maggiore le tecnologie più avanzate per la cura dell’insufficienza renale.

L’idea è arrivata alla donna insieme ai figli. Per questo motivo.

“Queste apparecchiature hanno consentito a mio marito di vivere per 13 anni nonostante la malattia e così, insieme ai miei figli Pietro e Stefano, abbiamo deciso di ringraziare il reparto dove abbiamo trovato tanta professionalità e tanta umanità in ogni momento della nostra lunga frequentazione”.

Una donazione importante quella della signora Sartori che come unico ringraziamento ha chiesto di dedicarla al marito Ugo Sandei, recentemente scomparso. “L’ho fatto con il cuore – afferma la signora – sperando che migliori sempre di più le condizioni di vita dei pazienti che dipendono da queste macchine”.

E il suo obiettivo sarà raggiunto, come spiega il professor Fiaccadori in quanto “Le nuove apparecchiature sono molto versatili e consentono un trattamento personalizzato a seconda delle condizioni in cui si trova il paziente. Inoltre sono semplici da usare, con un indubbio vantaggio in termini di sicurezza sia per i pazienti sottoposti al trattamento che per il personale sanitario. Sono facili da trasportare al letto del paziente in qualsiasi reparto esso si trovi ricoverato, ad esempio Rianimazione, evitando il notevole disagio di un suo spostamento”.

Il trattamento dialitico dell’insufficienza renale cronica è notevolmente impegnativo, infatti richiede almeno quattro ore di tempo, e deve essere effettuato almeno tre volte alla settimana. E nel caso dei dializzati cronici – sono circa un centinaio i pazienti seguiti direttamente dal Centro di Nefrologia del Maggiore – per 52 settimane all’anno. In alcuni casi di insufficienza renale acuta in terapia intensiva il trattamento può essere giornaliero e può durare anche 12 ore.