Depressione: tra 5 anni un esame del sangue potrà diagnosticarla

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 06 Dic 2018 alle ore 6:47am

Arriva una nuova svolta nella diagnosi della depressione, una novità a livello mondiale, che nasce dal lavoro e dallo studio di un ricercatore sardo.

Lo scienziato di origine oristanese di fama internazionale Graziano Pinna, insieme al collega Dario Aspesi, ha dimostrato come fra cinque anni sia possibile grazie ad un semplice test del sangue rivelare la malattia. Tale test sarà anche in grado di predire chi è più a rischio di manifestarla.

Lo studio, realizzato alla University of Illinois di Chicago dove il ricercatore sardo è da tempo in forze, è stato pubblicato sulla “Expert reviews of proteomics”, e presentato proprio da Pinna a Dallas in occasione della XIII conferenza dei ricercatori italiani nel mondo.

Secondo Pinna il test, che “valuterà la presenza o assenza di marcatori legati alla malattia”, potrebbe entrare nella pratica clinica già nel giro di 5 anni.

Ma in cosa consiste questo esame?

“Anzitutto – spiega Pinna – vengono misurati i livelli ematici di molecole che vengono prodotte nel nostro cervello, ma che sono anche presenti nel sangue e alterate dallo stress, come i neurosteroidi. Analizzate, queste molecole possono indicare in modo oggettivo eventuali disturbi legati all’umore e quindi malattie psichiatriche come la depressione e il disordine da stress post-traumatico (Ptsd)”.

Il test del sangue studiato da Pinna va alla ricerca “almeno di 20 molecole”, considerate appunto determinanti nella diagnosi della depressione o di stress post traumatico. E il vantaggio di chi si andrà a sottoporre a un simile esame è anche legato alla terapia, che diventerà particolarmente mirata e, di conseguenza, più efficace.

Attualmente la diagnosi dei disturbi psichiatrici o dell’umore viene effettuata mediante il colloquio e la visita dello specialista e attraverso questionari, cui il paziente risponde sulla base dei sintomi. Un test come quello ideato da Pinna promette dunque una svolta rivoluzionaria, sia in ambito diagnostico che terapeutico.