dicembre 18th, 2018

Roberto Bolle: l’Etoile dei due mondi torna dal 1 – 7 Gennaio su Rai1 con lo show “Danza con me”

Pubblicato il 18 Dic 2018 alle 2:53pm

Dopo il grande successo di critica e pubblico ottenuti con la passata edizione, e dopo aver vinto il prestigioso premio internazionale del Rose D’Or come miglior programma di entertainment a livello europeo, Rai1 torna a puntare sull’arte e sull’eccellenza italiana per inaugurare il nuovo anno con DANZA CON ME, il grande show di Roberto Bolle, qui non solo protagonista, ma anche direttore artistico e ideatore.

Se portare la danza in prima serata su Rai1 sembrava una sfida quasi impossibile, questo eccezionale risultato di DANZA CON ME, sembra invece averne rivelato l’opportunità storica di “segnare un cambiamento culturale in cui la danza e il balletto possano essere percepiti come una forma d’arte vicina alle persone e in grado di arrivare ai loro cuori e smuovere emozioni” – come ha sottolineato lo stesso Bolle alla consegna del Rose D’Or. Una scelta che la Rete Ammiraglia ha ribadito riconfermando la prestigiosa collocazione nel palinsesto del primo giorno del nuovo anno, per sottolinearne l’importanza simbolica dal punto di vista editoriale oltre che il gradimento dimostrato dal pubblico.

DANZA CON ME – prodotto da Rai1 in collaborazione con Ballandi Multimedia e Artedanza – torna quindi a inaugurare il nuovo anno con la sua formula unica che unisce il ballo alla contemporaneità, la classicità all’innovazione, l’arte all’ironia. Un modo di essere e di concepire la danza di Bolle che si è fatto format televisivo.

Centrale in questa nuova edizione l’elemento narrativo che idealmente raccoglie la “danza danzata” e la arricchisce con storie e racconti di “danza parlata”. L’affabulazione si avvale della collaborazione ai testi di Stefano Massini, scrittore e drammaturgo di fama mondiale ed è affidata allo stesso Roberto Bolle e ai suoi ospiti narratori, in primis Pif – Pierfrancesco Diliberto – che tiene le fila del programma. Accanto a lui la bellissima Valeria Solarino e un ricco parterre di ospiti, tutti più o meno volenterosi di partecipare al motto del programma “Danza con Me”: Stefano Accorsi, Fabio De Luigi nelle insolite vesti di esperto di danza, Luca e Paolo, Ilenia Pastorelli e i “Moschettieri del Re”, al secolo Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Sergio Rubini e Rocco Papaleo desiderosi di riconquistare il cuore della spadaccina Solarino. A colorare di musica DANZA CON ME ci pensa Cesare Cremonini, generoso compagno di viaggio e di danze del programma con il quale Roberto duetterà in modi inaspettati e incredibili.

Fulcro di tutto, anche quest’anno, la grande danza di Roberto Bolle e dei suoi Friends – star del balletto giunti da ogni angolo del globo – che si misurano quest’anno con i grandi nomi soprattutto della coreografia contemporanea come John Neumeier, Christopher Wheeldon, Wayne Mc Gregor, Christian Spuck e Mauro Bigonzetti. Ma non mancano incursioni nel classico, come un grande affresco del balletto delle feste natalizie per eccellenza, Lo Schiaccianoci, nella versione pensata per le giovani dell’Accademia della Scala di Milano di Frédéric Olivieri. Tra le grandi partner di Bolle in questa nuova avventura, Alessandra Ferri con la quale si esibirà per la prima volta in tv in uno struggente passo a due. E poi artiste di primissimo livello come Polina Semionova – Prima Ballerina del Teatro di Berlino nonché interprete del sensuale passo a due sotto la pioggia Passage nella passata stagione – Melissa Hamilton (Prima Solista al Royal Ballet di Londra), Elisa Badenes (Prima Ballerina del Balletto di Stoccarda), Nicoletta Manni e Virna Toppi (entrambe Prime Ballerine del Teatro alla Scala di Milano) e Alexander Riabko (Primo Ballerino del Balletto di Amburgo).

Eccellente anche la presenza della rappresentanza di altre danze cui Roberto Bolle si dedica nella sua OnDance, la grande festa della danza che ha istituito nell’estate del 2018 a Milano, ma che non si fermerà solo qui il cui mood è letteralmente “invadere la città con il ballo”. Ecco allora spuntare tra il cast di ballerini classici, Neguin campione mondiale di street dance della Red Bull Bc One e gli straordinari Vincenzo Fesi & Remy Kouakou Kouame, tra i più acclamati danzatori di swing. Molti anche i pezzi corali di grande impatto con ballerini provenienti da tutto il Paese.

Il risultato di tutti questi ingredienti mescolati, è un grande show insieme alto e divertente, studiato per essere fruito e apprezzato da un vasto pubblico, che quest’anno avrà la possibilità di seguire il programma con una serie di contenuti extra per i social, una sorta dl Libretto di Sala virtuale nel quale trovare curiosità e informazioni sulla danza rappresentata. Già lo scorso anno l’hashtag #danzaconme si era imposto come programma più discusso sui social nella settimana dal 1° al 7 gennaio.

Obesità infantile: in Europa 1 bimbo su 3 è in sovrappeso. In Italia fenomeno in crescita

Pubblicato il 18 Dic 2018 alle 1:01pm

In Europa un bambino su tre è in sovrappeso. Sono molto preoccupanti i dati emersi sull’obesità infantile da un nuovo nel nuovo Rapporto “Diamogli peso: l’impegno dell’Unicef per combattere la malnutrizione”, lanciato oggi.

Nel 2017 38,3 milioni di bambini sotto i 5 anni risultavano in sovrappeso, 8 milioni in più rispetto ai 30,1 milioni del 2000. Nel 2017, il 5,6% della popolazione infantile mondiale sotto i 5 anni risultava sovrappeso. In Europa 1 bambino su 3 è in sovrappeso. In Italia la percentuale di bambini e adolescenti obesi è aumentata di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975. L’obesità infantile in Italia – dice l’Unicef – non è dovuta soltanto ad una cattiva alimentazione (eccesso di consumo di zuccheri e di grassi), ma anche ad uno stile di vita troppo spesso sedentario. Secondo gli ultimi dati Istat la quota dei bambini sedentari è molto alta nella fascia di età compresa tra i 3 e i 5 anni (48,8%) che diminuisce nelle fasce di età successive, ma inizia a risalire e a mantenersi alta a partire dalla fascia di età 18 – 19 anni (20,8%). Il Rapporto evidenzia inoltre che a livello internazionale, nei soggetti di età compresa tra i 9 e i 14 anni, il 7,1% dei maschi e il 13,4% delle femmine presenta un comportamento alimentare disturbato. I disturbi del comportamento alimentare si presentano con maggior frequenza nei paesi industrializzati e ad alto reddito.

“Quando si parla di malnutrizione il nostro immaginario ci porta direttamente a situazioni legate ai paesi più poveri – ha dichiarato Francesco Samengo, presidente dell’Unicef Italia – Infatti, uno dei maggiori problemi per l’infanzia nel mondo è quello dei bambini malnutriti a causa della sotto-alimentazione. Tuttavia, malnutrizione non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche mangiare in modo errato o malsano. Per questo, attraverso questo rapporto, vogliamo mettere in luce anche il problema dell’obesità infantile che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia. Infine, grazie al contributo di esperti, vogliamo presentare altri due aspetti legati alla questione della cattiva alimentazione, in particolare nel nostro paese – conclude Samengo – . Il primo è quello della sicurezza alimentare: anche in Italia bambini e bambine che vivono nei nuclei familiari più poveri non hanno accesso a fonti di cibo sicure e sufficienti. Il secondo è quello dei disordini alimentari, che porta alla luce una forma crescente di disagio tra gli adolescenti e presta il fianco ad una serie di altre problematiche quali quelle del bullismo legato all’immagine fisica”.

Alla Rinascente di Milano i presepi di Ferrigno e la sfogliatella di De Riso per unire Nord e Sud

Pubblicato il 18 Dic 2018 alle 8:25am

Nord chiama Sud: Napoli con il presepe e Pompei con la sfogliatella rispondono siamo qua. (altro…)

Magnesio, fondamentale per regolare i livelli di vitamina D. Ecco quali cibi mangiare

Pubblicato il 18 Dic 2018 alle 6:30am

Un recente studio di ricercatori del Vanderbilt-Ingram Cancer Center indica che il magnesio è in grado di ottimizzare i valori di vitamina D, aumentandoli nelle persone con carenze e abbassandoli nelle persone con livelli alti. Lo studio, pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition, è importante scoperta in vista dei risultati controversi della ricerca condotta sull’associazione tra livelli di vitamina D, tumore del colon-retto e altre malattie ad esse collegate. Conferme che arrivano anche da un precedente studio osservazionale condotto nel 2013 che collegava bassi livelli di magnesio con bassi livelli di vitamina D. (altro…)

Piedi, come eliminare il cattivo odore

Pubblicato il 18 Dic 2018 alle 6:13am

Dopo una giornata di lavoro, ore e ore di sport, caldo e stanchezza, per attenuare la sudorazione ed i cattivi odori, ecco alcune soluzioni che fanno per voi. (altro…)

Come essere belle, luminose e naturali anche in inverno

Pubblicato il 18 Dic 2018 alle 6:05am

Ad ogni inizio stagione, vengono proposte nuove tendenze di bellezza, sia per i capelli sia per il viso che per il make-up. Ora che la stagione fredda è ormai arrivata, ecco allora alcuni semplici ed essenziali consigli da seguire.

1. Bellezza al naturale. I trend di questo inverno 2018-2019 seguono una sola regola: la naturalezza. Ciò significa che non dobbiamo puntare a una bellezza artefatta, ma semplicemente ad essere la versione migliore di noi stesse. Per riuscirci, è fondamentale curare molto la pelle e i capelli con cosmetici mirati.

2. Capelli effetto specchio. Dimenticate le onde morbide che hanno spopolato negli anni passati, i capelli di questo inverno 2018/19 sono lisci e sopratutto lucidissimi, effetto specchio. Un trend che negli USA ha già un nome: glass hair. Ispiratevi dunque a Kim Kardashian e Bella Hadid, che hanno scelto un caschetto liscio, luminoso e con riga centrale.

3. Colori sempre naturali. Addio allo shatush, al balayage, ai colori troppo accesi, pastello e a tutte le tinte che non danno un aspetto naturale: i capelli questo inverno 2018/2019 sono al naturale, almeno apparentemente. Sì dunque ad un biondo cenere, un castano cioccolato che da’ un tocco di lucentezza e di riflesso, il rosso rame.

4. Pettinature anni ’80. Se siete ricce potete ritenervi anche fortunate, in quanto non dovrete più necessariamente impazzire a lisciare i vostri capelli. Per ottenere l’effetto specchio di cui vi abbiamo parlato, perché saranno di moda anche i capelli ricci, voluminosi e cotonati che si portavano negli anni ’80, magari legati con uno scrunchie, l’elestico di stoffa grosso e arricciato. Vi basterà solo un po’ di spuma e qualche altro prodotto hair stile ed il gioco è fatto! Se siete lisce, potete sempre diventare ricce o divertivi ad arricciare i vostri capelli con rimedi naturali anche casalinghi, fai da te!

5. Pelle luminosa dall’effetto nude. Il make-up di questo inverno, deve essere naturale, deve conferire a tutte una pelle fresca, luminosa, come se non fosse truccate e naturalmente perfetta.