Come profumare la casa con bucce d’arancia

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 Dic 2018 alle ore 8:00am

Se siete stanche di tornare a casa la sera e di trovare un cattivo odore di chiuso, ecco la soluzione che fa per voi!

Il profumatore per ambienti, si sa, ha un certo costo, e non vale la pena comprarne tanti. Se ci pensate, però, in passato, come facevano le nostre nonne a tenere sempre la casa linda e profumata?

Uno dei metodi più utilizzati consisteva proprio nel riciclare i resti dell’arancia. Ecco come utilizzare le bucce d’arancia per profumare la casa.

In inverno dopo aver mangiato arance, e aver fatto il pieno di vitamina C, non buttate via le bucce perché potrete utilizzarle come profumatore! Se avete il caminetto acceso o una stufa potete, ad esempio, buttarle in mezzo alla cenere. In questo modo l’odore della cenere si confonderà con l’arancia e si diffonderà in casa un aroma meraviglioso!

Altra soluzione è quella di appoggiare le bucce d’arancia sul termosifone di casa. Lasciarle essiccare e sentirne il profumo fino ad un massimo di due giorni.

Terza alternativa, per sentire meglio le note profumate della scorza d’arancia, prendete un pentolino e versateci dentro circa mezzo litro d’acqua. Mettete insieme le bucce dell’arancia e se ne avete anche alcune scorze di limone. Lasciate sul fuoco acceso per circa dieci minuti fino a quando non bollirà. In questo modo le note agrumate si diffonderanno per tutta la stanza. Se non volete lasciare l’acqua nel pentolino potete versarla in un piccolo recipiente in ceramica e utilizzarlo come centrotavola profumato. Con bucce in ammollo per far sentire ancora più forte e prolungato l’odore. Oppure mettere un po’ di questo contenuto nelle vaschette deumidificatore che avete attaccate ai vostri termosifoni domestici.

Infine, potete creare delle fantastiche composizioni con pigne, fiori secchi, delle candele, tagliando la scorza di arancia a pettettini e lasciandola essiccare o addirittura delle fettine di arancia sempre da seccare.