gennaio 17th, 2019

Tumore al seno, percentuali sempre più alte di guarigione

Pubblicato il 17 Gen 2019 alle 6:20am

Il carcinoma della mammella, che, “pur continuando ad essere la patologia oncologica più diffusa tra le donne, presenta ormai percentuali molto alte di guarigione”.

A dichiararlo è il dottore Pasquale Zagarese che il prossimo 18 e 19 gennaio 2019 sarà impegnato in un convegno presso l’Una Hotel Il Molino di Benevento – organizzato dall’Azienda ospedaliera San Pio, per approfondimenti scientifici e di ordine più generale, con il coinvolgimento di istituzioni, cittadini ed associazioni che operano su tutto il territorio nazionale e campano.

“Nel trattamento di questa neoplasia – spiega il dottore Pasquale Zagarese, responsabile dell’Unità operativa di Senologia del Rummo – l’approccio multidisciplinare è diventato ormai la prassi, ciò è testimoniato sia dalla presenza di numerose Breast Unit in tutto il territorio nazionale ed europeo, sia dall’ormai imminente obbligo di certificare il lavoro di tali unità. In Italia, come in tutti i Paesi dell’Unione Europea, la legislazione prevede che le donne possano curarsi in centri di Senologia multidisciplinari totalmente dedicati, dalla diagnosi al trattamento del tumore al seno, strutture dove siano garantiti standard qualitativi omogenei. Di estrema importanza l’aspetto psicologico, l’accompagnamento, l’affiancamento sin dalle prime fasi. – Spiega lo specialista – E’ importante prendersi cura del proprio corpo, mantenersi quanto più possibile attive, aspetti che aiutano molto durante la terapia”.

Zagarese, infine che “anche quello di riflettere sulla malattia di genere che non riguarda solo la salute della donna, ma è tutto ciò che concerne comportamento ed attività riferiti sia all’uomo che alla donna. Il problema delle diseguaglianze della salute femminile rispetto a quella degli uomini è un problema reale che deve essere affrontato e risolto”.

Luce pulsata per la depilazione del viso: cosa c’è da sapere

Pubblicato il 17 Gen 2019 alle 5:49am

La luce pulsata e il laser sono due metodi di epilazione molto diffusi ai giorni nostri, per eliminare i peli superflui in maniera definitiva. O meglio, per risolvere il problema per un periodo di tempo abbastanza lungo, in modo da non dovercene occupare un po’ meno almeno in estate, quando scopriamo di più il nostro corpo e non vogliamo perdere tempo con cerette e rasoi. (altro…)

Magnesio e vitamina D, l’importanza di assumerli insieme

Pubblicato il 17 Gen 2019 alle 5:38am

Secondo i ricercatori, il magnesio è in grado di aumentare i livelli di vitamina D nei soggetti che necessitano maggiormente di questa vitamina, riducendone i livelli nei soggetti che ne presentano invece una quantità maggiore o eccessiva.

Il magnesio, sostengono i ricercatori, sembra fungere da regolatore dei livelli di vitamina D nel sangue.

I ricercatori sono arrivati a questa conclusione dopo aver condotto uno studio clinico randomizzato che ha coinvolto 250 soggetti considerati a rischio di cancro del colon-retto. Lo studio, pubblicato nel numero di dicembre 2018 dell’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato il ruolo del magnesio nella regolazione della vitamina D.

Un precedente studio dello stesso gruppo di ricercatori aveva già trovato un’associazione tra bassi livelli di magnesio e livelli bassi di vitamina D. Ma questa volta, questo nuovo studio ha anche notato che alcuni soggetti non riescono a aumentare i loro livelli di vitamina D nonostante la costante assunzione di integratori alimentari anche a dosi massicce.

Il dr. Qi Dai, principale autore di questo studio, professore di medicina al Vanderbilt University Medical Center, ha sottolineato: “La nostra ricerca ha messo in evidenza che una carenza di magnesio interrompe la sintesi e il metabolismo della vitamina D”.

Ecco il perché. Se manca il magnesio si fa fatica ad assumere vitamina d. E l’esposizione alla luce solare è la modalità principale affinché il corpo possa sintetizzare la vitamina D. Tuttavia, la carenza di questa vitamina capita molto spesso soprattutto nelle donne. Che col tempo hanno problemi osteoarticolari e muscolari soprattutto con l’avanzare dell’età. Per questo motivo è di vitale importante anche da parte di queste persone, mangiare cibi che la contengono, come salmone, pesci grassi, tuorli d’uovo, funghi, latte, formaggi, latticini, succhi con integrazione vitaminica.

In quanto, “L’insufficienza di vitamina D è stata riconosciuta come potenziale problema di salute su larga scala negli Stati Uniti – e come ha spiegato anche la dr.ssa Martha Shrubsole, coautrice dello studio e professore di ricerca presso il Vanderbilt University Medical Center – molti medici consigliano ai loro pazienti supplementi di vitamina D per aumentare i loro livelli della vitamina in relazione ai valori ematici. Oltre alla vitamina D, tuttavia, la carenza di magnesio è un problema ampiamente sottovalutato – ha continuato – Fino all’80% delle persone non consuma abbastanza magnesio in un giorno per soddisfare l’apporto alimentare raccomandato“.

I ricercatori hanno sottolineato l’importanza del magnesio grazie all’innumerevole quantità di ruoli vitali svolti all’interno dell’organismo umano: in quanto trattasi di un minerale essenziale per molte funzionalità cellulari. Ha un ruolo chiave nel salvaguardare la salute del cuore, la pressione sanguigna e, a la vitamina d nel regolarne i livelli.

Se carenti di vitamina d e magnesio è opportuno dunque integrarli nelle giuste quantità rivolgendosi ad un esperto. Raccomandata anche un’alimentazione ricca di alimenti che li contengono e l’esposizione solare giornaliera.

Casa: quali sono i migliori lavasciuga del 2019 e perché sceglierli

Pubblicato il 17 Gen 2019 alle 4:41am

Per scegliere il modello di lavasciuga per pavimenti più adatto alle vostre esigenze, e a quelle della vostra abitazione, dovete tener conto di alcuni fattori, di alcune caratteristiche tecniche che possono risultare determinanti alla durata e all’utilizzo dell’elettrodomestico. Dopo aver valutato, infatti, attentamente i dati tecnici di questa tipologia di prodotti, abbiamo selezionato 4 fattori decisivi per procedere con un acquisto il più possibile consapevole e ponderato. Il primo fattore che abbiamo deciso di includere nella nostra analisi è quello relativo alla struttura dell’apparecchio. Questo è infatti un aspetto particolarmente importante perché incide sul suo utilizzo, praticità e diversi tipi di pulizia.

In commercio esistono diverse tipologie di lavasciuga per pavimenti, a noi interessano al momento solo quelli di uso casalingo, ovvero quelli a traino e i modelli a scopa elettrica, ma in commercio ne esistono molteplici di grandi dimensioni, più indicati per pulizie di ambienti più grandi o industriali. Ad ogni modo, sia per quanto riguarda i lavasciuga a traino che quelli a scopa elettrica, le dimensioni del prodotto non sono affatto trascurabili: un modello ingombrante non soltanto sarà difficile da manovrare, specialmente in stanze molti piccole e piene di mobili, ma anche da riporre in uno spazio della casa non molto grande. Lo stesso dicasi per il peso, poiché incide sul trasporto da una stanza all’altra e la sua manegevolezza. La presenza o meno di un cavo dell’alimentazione costituisce poi un ulteriore elemento di ostacolo per una valutazione sulle qualità del lavasciuga. Quindi altro aspetto molto importante da considerare e non sottovalutare.

Infatti, alcuni modelli sono dotati di un cavo che permette un raggio d’azione variabile, mentre altri sono addirittura senza fili, dunque consentono una maggiore mobilità nel raggio di azione.

La lunghezza del cavo è importante perché influisce sul tempo impiegato per portare a termine la pulizia: un filo molto corto costringerà a cambiare presa elettrica abbastanza di frequente, viceversa uno sufficientemente lungo consentirà una buona libertà di movimento e di azione.

Impugnatura Poiché si tratta di uno strumento da utilizzare per un tempo piuttosto lungo, anche l’impugnatura ha la sua importanza per garantire un uso confortevole. Alcuni modelli sono dotati di un’asta reclinabile, che favorisce il raggiungimento dei punti nascosti sotto i mobili e l’adattamento alla propria postura.

Spazzola Dalla spazzola dipendono la qualità della pulizia e la capacità di trattare superfici di diversa natura, ma anche la possibilità di muoversi con agilità tra i mobili.

Dimensioni Le dimensioni e la forma della base variano a seconda del modello, così come la spazzola è spesso dotata di rulli in microfibra o altri materiali per lavare in modo accurato il pavimento. Gli apparecchi migliori hanno una funzione di autopulizia dei rulli per evitare di abbassare il livello delle prestazioni nel corso dell’utilizzo.

Potenza e alimentazione La potenza elettrica e il tipo di alimentazione di cui il lavasciuga dispone sono altro aspetto molto importante da considerare in quanto influenti sulle prestazioni sia in termini di aspirazione che di pulizia delle superfici. I modelli con filo hanno normalmente una potenza maggiore e offrono standard più elevati per quanto riguarda l’intensità dell’aspirapolvere, l’efficacia dell’asciugatura e la velocità dei rulli per il lavaggio. Siccome questi apparecchi comportano un consumo maggiore, i prodotti di fascia medio-alta sono solitamente progettati per risparmiare energia anche rispetto alle comuni aspirapolveri.

Prestazioni Alcuni modelli sono dotati anche di una funzione di autospegnimento, che viene attivata dopo un certo lasso di tempo di inattività, evitando inutili sprechi di energia elettrica. La potenza elettrica dei lavasciuga con cavo è solitamente espressa in watt: in questo modo è possibile trovare informazioni necessarie sull’etichetta energetica del prodotto, che ne certifica la classe di appartenenza, aiutando a valutarne anche l’efficienza in fatto di consumi e prestazioni. Tuttavia, essendo questi apparecchi dotati di una tecnologia specifica per ottimizzarne le performance, non sempre a un’elevata potenza elettrica corrisponde un alto livello prestazioni. Diversi, sono i fattori che contribuiscono a rendere efficiente un prodotto. Perciò è importante guardare i dati tecnici relativi a potenza e alimentazione, ma è anche importante, sempre, considerarli in un quadro d’insieme che permetta di giudicare le reali funzionalità del lavasciuga a cui si è interessati.

Tecnologia Altro aspetto da considerare è certamente quello che riguarda la capienza dei serbatoi, che solitamente sono due: uno per l’acqua pulita e uno per l’acqua sporca. Da questi dipende certamente il funzionamento dell’apparecchio e la sua autonomia. Le case produttrici indicano quest’ultima con un valore di metri quadrati. Ciò permetterà di capire se un prodotto può fare o meno al cso nostro. Coloro che hanno un appartamento di grandi dimensioni dovranno optare per un modello con una notevole autonomia, per non dover interrompere la sessione di pulizia e svuotare o riempire i serbatoi con una certa frequenza. Al contrario, chi ha una casa più piccola può scegliere un modello con autonomia limitata. Talvolta è possibile trovare anche dei LED che segnalano la quantità di liquido presente e avvertono quando è arrivato il momento di intervenire per aggiungere acqua pulita o svuotare quella sporca.

Filtro Essendo anche aspirapolvere, la maggior parte dei modelli sul mercato sono dotati inoltre di sistema di filtraggio sia per salvaguardare il motore da eventuali residui che per trattenere la polvere evitando di reimmetterla nell’aria. Chi soffre di allergie gravi o ha animali in casa dovrebbe pensare molto a questo aspetto. Per concludere il fattore relativo alla tecnologia, possiamo dire che in commercio esistono modelli che consentono di selezionare il tipo di funzione da adoperare per una pulizia specifica a seconda delle condizioni del pavimento da pulire.

Accessori La varietà di componenti aggiuntivi può aumentare in modo significativo la duttilità dell’apparecchio, consentendogli di adattarsi a differenti superfici e a diversi livelli di efficienza. Alcuni modelli dispongono di un set piuttosto ampio di accessori, mentre altri, soprattutto quelli di fascia medio-bassa, possono essere dotati di pochi strumenti per pulizie specifiche.

Marca Nella scelta dell’acquisto di un lavasciuga è importante considerare, anche la marca. Ci sono in commercio aziende produttrici che negli anni hanno acquisito una certa credibilità realizzando modelli divenuti bestseller in tutto il mondo. Il successo di questi prodotti è dovuto per lo più al livello delle loro prestazioni e alla loro affidabilità dal punto di vista della resistenza all’usura. Alcuni marchi come Philips, Bissell e Hoover si distinguono per la qualità della pulizia e l’offerta di particolari strumenti per rendere gli apparecchi di facile utilizzo, un buon rapporto qualità prezzo ma anche una tecnologia all’avanguardia nell’ambito delle pulizie domestiche.

Noi ve ne consigliamo alcuni tra i più venduti anche in rete Philips AquaTrio Pro FC7080/01, Bissell CrossWave 17132, Hoover Floormate FL700 011, Severin Hygenius Free LI30 SC 7148, il cui prezzo oscilla tra i 500 – 200 euro.