Maturità 2019: nella seconda prova scritta debutta la prova multidisciplinare

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 19 Gen 2019 alle ore 6:30am

Nella seconda prova scritta della maturità 2019 debutta la prova multidisciplinare. Al liceo Classico sono previsti latino e greco, mentre allo Scientifico matematica e fisica. “Comunichiamo le materie con largo anticipo – ha detto il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, rivolgendosi agli studenti – nella giornata di ieri. Come sapete da quest’anno ci sono delle novità. Per sostenervi organizzeremo delle simulazioni a febbraio, marzo e aprile”.

Scienze umane e diritto ed economia politica sono le materie previste per la seconda prova di maturità al liceo delle Scienze umane o economico sociale. Discipline turistiche e aziendali e inglese sono quelle per l’Istituto tecnico del turismo. Per l’indirizzo informatica gli studenti si cimenteranno invece con la prova di informatica, sistemi e reti. Scienza e cultura dell’alimentazione e laboratorio servizi enogastronomici sono le materie per l’Istituto professionale per i servizi di enogastronomia. Per l’indirizzo in agricoltura le prove prescelte son invece economia agraria e dello sviluppo territoriale e valorizzazione attività produttive e legislazione di settore.

All’orale pluridisciplinare lo studente dovrà pescare una busta su tre – Il decreto con le materie della maturità illustra anche le modalità di svolgimento del colloquio orale che sarà, come sempre, pluridisciplinare. Lo studente, il giorno dell’esame orale, potrà prendere una delle tre buste offerte all’interno del quale ci sarà lo spunto per l’avvio della prova. La commissione partirà proponendo agli studenti di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi che saranno lo spunto per sviluppare il colloquio di esame. I materiali di partenza saranno predisposti dalle commissioni, nei giorni prima delle prove orali.

All’orale sono previsti anche scuola-lavoro e Costituzione. Una parte del colloquio riguarderà, poi, le attività fatte nell’ambito di “Cittadinanza e costituzione”, sempre tenendo conto delle indicazioni fornite dal Consiglio di classe sui percorsi effettivamente svolti.

Sia la prima che la seconda prova scritta della maturità, da quest’anno saranno corrette secondo griglie nazionali di valutazione che sono state diffuse nel mese di novembre. Nel decreto con le materie sono individuate anche le discipline affidate a commissari esterni.