Calvizie: presto una cura ricavata dalle patatine fritte

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 29 Gen 2019 alle ore 6:46am

Buone e croccanti, seppur molto caloriche e non esattamente salutari, secondo un recente studio svolto Giappone presso la Yokohama National University, le patatine fritte potrebbero venir impiegate nella lotta contro la perdita dei capelli. O almeno una buona parte di esse.

Sarebbe infatti emerso che una componente chimica presente nell’olio di frittura delle patate, sia in grado di fare miracoli contro la calvizie. Questo elemento è il dimetilpolisilossano, che nell’olio consente una maggiore stabilità termica e impedisce il formarsi della schiuma.

“Il metodo è molto semplice, è un metodo robusto e promettente.” ha dichiarato Junji Fukuda, autore della scoperta “Speriamo che questa tecnica riuscirà a migliorare la terapia rigenerativa dei capelli umani utilizzata per trattare calvizie come l’alopecia androgenetica”.

Per giungere a questa scoperta, gli scienziati hanno reso calvi dei topi, per poi iniettare in loro la componente rilevata. Questa è riuscita a stimolare la produzione di cinquemila germi del follicolo pilifero, ossia cinquemila nuovi peli.