febbraio 18th, 2019

Caso Diciotti, gli iscritti 5 Stelle dicono “No” al processo contro il ministro Salvini

Pubblicato il 18 Feb 2019 alle 11:30pm

Il Movimento 5 stelle ha deciso di salvare il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini dal processo per il caso della nave Diciotti. E con lui anche il governo. Dopo le difficoltà avute nel corso della giornata per impedimenti tecnici sulla piattaforma Russeau, i militanti del 5 stelle sono riusciti a votare. 52mila di cui 30.948 ossia il 59,05% si sono espressi per il “no”, mentre i contrari per il “sì” 21.469 (40,95). (altro…)

Colon irritabile, ricerca stabilisce che si cura anche con l’attività fisica

Pubblicato il 18 Feb 2019 alle 11:06am

Secondo un’indagine condotta da ricercatori dell’università di Göteborg, che ha coinvolto un centinaio di pazienti con colon irritabile, problema molto diffuso (secondo alcune stime riguarda il 7 per cento degli italiani, principalmente donne) che comporta fastidi rilevanti per la qualità di vita: i sintomi gastrointestinali sono debilitanti e comprendono dolore intestinale, meteorismo, sensazione di distensione dell’addome accompagnati da stipsi e/o diarrea. Ma incrementare l’attività fisica può essere una valida soluzione per attenuarli o farli scomparire del tutto.

Nel corso dell’indagine, infatti, i pazienti che lo hanno fatto, hanno visto enormi benefici. A loro è stato proposto di aumentare l’attività fisica per arrivare a 20-60 minuti di attività da moderata a intensa tre-cinque volte a settimana. Alcuni hanno iniziato da zero, optando per la bicicletta o il camminare, mentre altri già attivi hanno pensato ad un programma di attività fisica personalizzata per l’incremento nel corso della settimana.

Ebbene, dai risultati ottenuti si è scoperto che dopo tre mesi di attività fisica moderata o intensa, oltre il 40 per cento dei pazienti aveva avuto miglioramenti nei sintomi del colon irritabile; effetti che sono poi proseguiti anche nel lungo termine, tanto che a distanza di cinque anni i partecipanti che avevano aumentato l’attività fisica riferivano di avere meno sintomi gastrointestinali rispetto a quando in passato erano più sedentari. «Chi soffre di sindrome del colon irritabile spesso limita le sue attività, invece muovendosi di più la funzione intestinale diventa più stabile e i pazienti sentono di riuscire a tenerla maggiormente sotto controllo – dice Elisabet Johannessen, responsabile dello studio – . Questo è vero anche per i pazienti in cui prevalgono gli episodi di diarrea, nei quali spesso si pensa che lo sport possa soltanto aumentare la motilità intestinale: anche questi soggetti riferivano di avere una maggior capacità di influenzare e tenere sotto controllo il proprio intestino. L’esercizio va comunque “dosato” e pensato per ciascun paziente, in modo che possa affrontarlo e trarne i maggiori benefici. Che sono anche psicologici: i partecipanti hanno riferito di avere una maggiore autostima e benessere mentale, proprio grazie all’attività fisica».

Tiroide, i consigli dell’esperto per mantenerla in salute

Pubblicato il 18 Feb 2019 alle 8:45am

In Italia sono 6 milioni le persone affette da disturbi tiroidei. Disturbi che colpiscono in prevalenza le donne: ben il 10% della popolazione è di sesso femminile e con probabilità di essere affetta da tale patologia, soprattutto dopo aver avuto una gravidanza.

Ecco allora che per prevenirli, spiega Claudio Casella, Professore Associato di Chirurgia e Docente di Endocrino-Chirurgia all’Università degli Studi di Brescia che – lo scorso 11 febbraio – alla Residenza Vittoria di Brescia di Korian Italia, gruppo europeo leader nei servizi per le persone anziane, ha tenuto un incontro a tema, è bene seguire i cinque basilari accorgimenti:

– Fumo e alcolici. Il fumo non incide solamente sulla salute del cuore, ma anche sul sistema endocrino e la tiroide: ecco allora che fumare espone ad un rischio maggiore di sviluppare l’ipertiroidismo. L’abuso di alcol, invece, a lungo andare può aumentare le probabilità di sviluppare un tumore maligno di questa importante ghiandola endrocrina.

– L’attività fisica. I benefici dello sport sono davvero tanti, sul sistema endocrino, in quanto, stimolano il corretto funzionamento della tiroide. Tuttavia, chi soffre di ipotiroidismo deve evitare gli allenamenti troppo prolungati ed intensi preferendo invece esercizi a corpo libero, che aiutano a costruire la massa muscolare aumentando anche la resistenza allo sforzo.

– La dieta. Per una tiroide in buona salute è anche importante una corretta alimentazione. Gli alimenti da preferire a tavola sono quelli ricchi di iodio: pesce, crostacei, alghe come il fucus, cereali senza glutine (riso, miglio, quinoa), tuberi (patate, ravanelli, barbabietole), uova, carne, affettati senza nitrati, nitriti e lattosio, verdura (lattuga, spinaci, finocchi, asparagi), frutta (banane, kiwi, pere, albicocche) e – per condire – sale iodato. Fondamentale anche l’assunzione di selenio, contenuto nel pesce, nella frutta secca, nelle verdure, nella pasta, nel riso e nei cereali. Da evitare, invece, cibi contenenti glutine, latte di origine animale e derivati, pomodori, melanzane, peperoni.

– Controllo pressione arteriosa. Gli ormoni tiroidei hanno effetti anche sul cuore e sui vasi sanguigni: chi soffre di problemi alla tiroide ha più probabilità di sviluppare ipertensione arteriosa secondaria e tachicardia.

– Ormoni. Gli ormoni tiroidei controllano il consumo di ossigeno delle cellule in tutti i tessuti, regolano il metabolismo basale e il metabolismo di grassi, zuccheri e proteine. Ecco dunque che, se la tiroide non funziona, a risentirne è tutto l’organismo.

Farmaci per la tosse a base di fenspiride, lo stop dell’Agenzia Europea dei Medicinali: “Possibili problemi al cuore”

Pubblicato il 18 Feb 2019 alle 7:18am

  L’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) ha lanciato un’allarme che riguarda le pasticche e gli sciroppi per la tosse contenenti fenspiride, usati sia per curare i fastidi nei bambini che negli adulti. In quanto, tale principio attivo causerebbe “un’alterazione del ritmo cardiaco”. Pertanto, si raccomanda ai medici di base “come precauzione di invitare che i pazienti utilizzino questi farmaci, e ne sospendano l’assunzione”.

Raccomandazione che arriva anche attraverso una nota diramata dal portale web dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa).

La sospensione, si precisa ancora, è una misura precauzionale per proteggere i pazienti, mentre il Comitato per la Sicurezza dei Medicinali dell’Ema (Prac) valuterà nuovamente il rischio, nell’uomo, di “anomalie dell’attività elettrica del cuore” dovuti all’uso del principio attivo utilizzato per alleviare la tosse dovuta a malattie polmonari.

Kate Middleton in rosa al gala conquista tutti. L’abito di Gucci è un sogno

Pubblicato il 18 Feb 2019 alle 6:24am

Kate Middleton, elegantissima con l’abito firmato dallo stilista italiano Gucci, in occasione della cena di gala “100 Women in Finance” che si è tenuto al Victoria and Albert Museum (di cui è stata madrina), alcuni giorni fa.

La moglie del principe, primogenito di Carlo e Diana, ha incantato i presenti nel suo abito rosa regale, con una cinturina in velluto e pochette di Prada bordeaux, ai piedi décolletées firmate Oscar de la Renta e orecchini di diamanti già indossati al matrimonio della sorella Pippa.

Dopo l’abito monospalla per il red carpet con William, e il look informale ma seducente, con un’uscita da vera regina, Kate non sbaglia mai. Sempre impeccabile, sempre rispettosa delle regole di corte e del galateo. Regina di stile ed eleganza.

Tumore al seno, prevenzione: a Padova la mammografia si fa in 3D

Pubblicato il 18 Feb 2019 alle 6:12am

Un prestigioso studio (“Malmö Breast Tomosynthesis Screening Trial”, condotto dalla Lund Univeristy e dallo Skåne University Hospital di Malmo e pubblicato sulla rivista Lancet Oncology) aveva detto che la mammografia in 3D permette di rilevare il 34% in più di tumori al seno rispetto all’esame tradizionale. Ed è ora tale strumento di ultima generazione è disponibile a Padova. (altro…)