Al Ca’ Foncello: una videcapsula che si prende come una pillola e trasmette immagini per 8 ore

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 20 Mar 2019 alle ore 12:41pm

Al Ca’ Foncello di Treviso si esegue l’endoscopia capsulare, sia per gli adulti che per i baby pazienti. L’indagine prevede l’utilizzo di una videocapsula monouso per l’indagine diagnostica del piccolo intestino (o intestino tenue). La metodica viene messa a disposizione dei pazienti adulti presso l’Unità Operativa di Gastroenterologia, diretta dal dr Stefano Benvenuti, e dei bambini presso l’Unità Operativa di Pediatria, diretta dal dr Stefano Martelossi.

L’endoscopia capsulare prevede l’utilizzo di una microcamera, della grandezza indicativa di una pastiglia di antibiotico, che viene ingerita dal paziente con un sorso d’acqua e, spinta dalla peristalsi, transita lungo tutto il tratto digestivo, acquisendo immagini per 8 ore circa (tempo che solitamente permette il transito dall’esofago fino al cieco). Le immagini raccolte durante l’esame vengono scaricate su un apparecchio portatile e poi trasferite su un computer: il filmato viene poi visualizzato dallo specialista.

“Il calibro del tenue è più ridotto – spiega il dr Benvenuti – per cui solo con l’utilizzo della videocapsula si riesce ad avere una visione ottimale. Le indicazioni principali per l’utilizzo di questa metodica sono, nell’adulto, le emorragie digestive dell’intestino tenue, che rappresentano circa il 5/10% di tutte le emorragie digestive. E’ quindi opportuno sottoporre a questo tipo di indagine i pazienti con sanguinamento del tenue sui quali siano già state effettuate, una gastroscopia e una colonscopia con esito negativo. Altre indicazioni, meno frequenti, a quest’esame sono il sospetto di malattie infiammatorie e tumorali del piccolo intestino. Una volta riscontrata la lesione, con strumenti endoscopici appropriati si cerca di raggiungerla e trattarla.

“Si tratta di un esame che nel bambino si rende necessario più raramente che nell’adulto – aggiunge il dr Martelossi -. Viene utilizzato nei casi di emorragie ma soprattutto per malattie infiammatorie e per poliposi congenita”.