Cicloturismo, in Italia in costante crescita

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 05 Apr 2019 alle ore 11:38am

Più dell’otto per cento del turismo italiano nel 2018 è avvenuto grazie alla bicicletta. I ciclisti che dedicano la vacanza alle due ruote sono in costante aumento, infatti un cicloturista su tre decide di salire in sella e pedalare lungo tutto il tragitto.

Dai dati raccolti con Bike summit 2019
emerge poi che i turisti nel 2018 sono stati 77,6 milioni, interessando ben sei milioni di persone che hanno preferito utilizzare la bicicletta piuttosto che un veicolo a motore. Di questi quasi due milioni (1,85) utilizzano la bici per tutto l’itinerario selezionato, più di quattro milioni la usano nei luoghi di destinazione, mentre settecentomila corrispondono ai ciclisti urbani che saltano ogni giorno in sella per andare a lavoro e non solo.

Il numero di cicloturisti è poi in costante crescita a partire dal 2013, un più 41 per cento al 2018 che porta un valore economico di 7,6 miliardi di euro all’anno, mentre il Pib (Prodotto interno bici) è vicino a dodici miliardi di euro. Una somma che raccoglie anche la produzione di biciclette e accessori, il cicloturismo nonché altri vantaggi legati dalla scelta della bicicletta come mezzo di trasporto in ambito turistico.

Numeri potenziali enormi, considerando che l’Italia è un Paese che ha ancora un basso livello di sviluppo del cicloturismo. L’Italia conta poi, circa 440 bici ogni mille abitanti, mentre nei Paesi Bassi o in Germania il rapporto è quasi di uno a uno.

Al #BikeSummit un workshop con i rappresentanti di tutte le ciclovie d’Italia. Norme tecniche, risorse e integrazione territoriale i temi di discussione. Con la richiesta che il nascente Sistema nazionale di ciclovie turistiche sia malleabile in base alle esigenze territoriali.

Secondo quanto stabilito dal rapporto presentato al Bike summit 2019 tra le principali regioni di partenza dei cicloturisti figurano diverse aree del Centro Sud (quasi un quinto dei cicloturisti dichiara di provenire dalla Campania, seguita da Lombardia e Lazio), mentre le principali destinazioni di soggiorno sono tutte collocate nell’area settentrionale del Paese (Trentino, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana). La Germania è il principale mercato estero di origine dei flussi interessati alle vacanze in bici, seguita da Francia, Stati Uniti e Regno Unito.