aprile 29th, 2019

Cattiva circolazione e ritenzione idrica, come fronteggiarle

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 1:48pm

Quattro donne su 10 soffrono di problemi alle gambe. Pesantezza, gonfiore, ma anche gli uomini, se fanno lavori particolari. Sono spesso all’impiedi o seduti. (altro…)

Ragusa, agente di polizia spara alla moglie e poi si toglie la vita. In casa anche i figli

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 1:47pm

Un poliziotto in servizio a Ragusa ha ucciso la moglie e con la pistola d’ordinanza si è poi tolto la vita. E’ accaduto nella notte tra domenica e lunedì nell’abitazione della coppia: i due avevano due figli di sei e sette anni che erano in casa al momento del tragico epilogo. Sono stati chiamati da loro i soccorsi, tra lo spavento e lo shock.

L’ultimo post su Facebook – Prima di uccidere la moglie, il poliziotto ha lasciato questo messaggio: “Ti ho dedicato tutta la mia vita. Ti amo”. Dell’uomo, che aveva 42 anni, sono state fornite per ora solo le iniziali, S. C. La coppia si era conosciuta in Piemonte dove il poliziotto prestava servizio nella Polstrada e si sono sposati otto anni fa.

Claudia Cardinale mette all’asta i suoi abiti più celebri

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 8:15am

Claudia Cardinale mette all’asta i suoi abiti più celebri. Centotrenta capi che l’attrice ottantunenne mette in vendita sul sito della casa d’aste Sotheby’s a partire dal 28 giugno e fino al prossimo 9 luglio e per soli due giorni (dal due al 4 luglio) e che saranno esposti al pubblico nella sede di Parigi. Lo annuncia la casa d’aste sul suo sito.

Tra i pezzi più pregiati, l’abito di paillettes nero lungo fino a piedi e con la scollatura vertiginosa bordata di fiori colorati firmato Nina Ricci che la Cardinale indossò alla cerimonia degli Oscar accanto a Steve McQueen nel 1965. Valore stimato tra i 6.000 e gli 8.000 euro. Di Nina Ricci, stilista che vestì l’attrice negli anni 60, anche l’abito da cocktail indossato nella scena finale de ‘Il magnifico cornuto’ di Antonio Pietrangeli (1964), che potrebbe raggiungere i 3.500. E ancora il costume da bagno della griffe Cole of California del film ‘Ne’ onore ne’ gloria’ con Alain Delon (700 euro) o il cappotto in pelle di ‘Ruba al prossimo tuo’ (2.000-3.000).

L’asta e la relativa mostra celebreranno la moda italiana dalla fine degli anni ’50 fino ai primi anni ’80 con abiti creati da Emilio Schuberth, Roberto Capucci, Irene Galitzine, Barocco e Balestra. La vendita includerà poi un abito lungo in organza fucsia ricamato con motivi floreali, indossato dalla Cardinale per la prima apparizione al Festival di Cannes nel 1961 (stima: 3.000 € – 4.000 €).

L’asta del guardaroba della Deneuve a gennaio realizzò la cifra record di ben 900.000 euro.

Morbillo, allarme Unicef: 110mila casi nei primi mesi del 2019

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 8:08am

Nei primi tre mesi dell’anno 2019 sono stati registrati oltre 110mila casi di morbillo nel mondo, il 300% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. A riferirlo è l’Unicef, in occasione della Settimana mondiale delle Vaccinazioni. Nel 2017, ricorda l’agenzia Onu per l’infanzia, circa 110mila persone sono morte, per lo più bambini, a causa della malattia, con un aumento del 22% rispetto al 2016. Due dosi di vaccino contro il morbillo sarebbero invece essenziali per proteggere i minori dalla malattia.

Tra il 2010 e il 2017, sono oltre 21 milioni di bambini all’anno che non hanno ricevuto neanche la prima dose del vaccino. In questo contesto, non brillano nemmeno i Paesi ricchi come gli Stati Uniti sono in cima alla classifica dei Paesi ad alto reddito con il maggior numero di bimbi che non hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il morbillo.

L’Italia è al quinto posto con 435.000 bambini non vaccinati. «Il morbillo è ancora troppo contagioso», sottolinea Henrietta Fore, Direttore generale dell’Unicef. «È importante – secondo Fore – non solo ampliare la copertura ma anche mantenere i tassi di vaccinazione alle dosi più adatte per creare un ombrello di immunità per tutti».

Tuttavia in Italia, osserva l’Istituto, dal 2013 al 2016 è stata registrata una diminuzione delle coperture vaccinali per diverse malattie prevenibili, che ha portato alla legge sull’obbligo.

Caterina Balivo con tubino nero del momento, il must have della stagione primavera estate 2019

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 7:40am

La Primavera 2019 vuole dare la prova di un tocco di rinnovo e di stile assoluto, e anche Caterina Balivo sembra essere in linea con tale tendenza, sino al punto di osare abbastanza, rispetto ai suoi soliti look, molto più castigati.

Su Instagram, la conduttrice tv ha postato una foto in cui indossa un succinto tubino nero. Una versione decisamente più energica del classico vestito alla Audrey Hepburn che siamo solite immaginare. Un vestito nero agguerrito, con le maniche lunghe che giocano su tessuto trasparente e total black, che creano un reticolato sulle braccia e sullo scollo piuttosto marcato. Sensuale, composto, elegante, raffinato, il vestito è un capo dalle mille sfaccettature e la tendenza moda promossa dalla Balivo, è quella di un look classico rivisitato, che trasforma il tubino nero in un capo ancor più versatile. Micro lunghezze abbinate ai sandali aperti, una posa statuaria e un outfit da ricordare: questa è la sintesi del look di tendenza proposto anche dalla bellissima e simpaticissima conduttrice tv, Caterina Balivo, che inaugura la Primavera 2019 con il tubino nero meno scontato e più attraente del momento.

I Figli del Fiume Giallo, un film di Jia Zhangke al cinema dal 9 Maggio

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 7:00am

Arriva al cinema, il 9 maggio prossimo, un film di Jia Zhangke I FIGLI DEL FIUME GIALLO. Un film con Zhao Tao, Liao Fan, Yinan Diao, Feng Xiaogang, Casper Liang distribuito da Cinema.

L’amore appassionato tra una ballerina e un gangster di una povera città industriale cinese.

Sinossi Datong, 2001. Qiao e Bin gestiscono una bisca, finché un agguato attenta alla vita di Bin. Per salvarlo Qiao spara e viene arrestata. Uscirà di prigione cinque anni dopo, ma Bin ha cambiato vita e non vuole più vederla. I figli del fiume giallo è un film in cui è possibile leggere l’intero percorso da cineasta di Jia Zhang-ke, da Unknown Pleasures a Still Life. Il regista, alternando pellicola e digitale, offre la sensazione anche visiva di attraversare un arco temporale in cui sono cambiati irreversibilmente la Cina, il cinema, Jia e la sua musa. Un’opera complessa che conferma la capacità dell’autore di leggere i mutamenti della contemporaneità, in un Paese che procede veloce come i suoi treni, quando attraversano senza ritorno le lande desertiche dello Xinjiang