maggio 3rd, 2019

Bere alcol in gravidanza, bimbi a rischio per problemi cognitivi

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 1:44pm

Gli scienziati analizzando i dati relativi ai pazienti che soffrono della sindrome alcolica fetale, sono giunti alla conclusione che i feti esposti all’alcol durante le gravidanza rischiano maggiormente di sviluppare problemi cognitivi. (altro…)

Torna lʼeducazione civica come materia obbligatoria per primaria e secondaria. Camera da’ il via libera all’unaminità

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 12:11pm

La Camera ha dato il via libera ieri alla proposta di legge che reintroduce l’educazione civica come materia obbligatoria nella scuola primaria e secondaria. I voti a favore sono stati 451, nessuno contrario, 3 gli astenuti. La proposta prevede le reintroduzione di 33 ore annuali, il voto in pagella e la valutazione finale. Approvato anche l’emendamento che prevede il superamento di sanzioni disciplinari ed espulsioni per i bambini delle elementari, ovvero superamento dei codici 412 al 414 del Regio Decreto 26 aprile 1928 numero 1297.

Raramente adottate per studenti più giovani, queste punizioni spariscono anche a livello ufficiale per “rafforzare la collaborazione con le famiglie” ed estendere alla scuola elementare il Patto educativo di corresponsabilità, oggi già previsto per le scuole medie e superiori.

Ora il testo dovrà passare al Senato per ricevere l’esame definitivo. (altro…)

Festival di Cannes 2019, in concorso anche il film di Quentin Tarantino “C’era una volta a Hollywood”

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 9:00am

Quentin Tarantino sarà in concorso al festival di Cannes, in programma dal 14 al 25 maggio, con il suo film “C’era una volta a Hollywood”. La pellicola con Leonardo DiCaprio e Brad Pitt è stata confermata dal delegato generale di Cannes Thierry Fremaux dopo che alla conferenza stampa a Parigi del 18 aprile scorso era stato detto che averla al festival “era una speranza”. Annunciato in gara anche il film Mektoub, My love: Intermezzo di Abdellatif Kechiche. (altro…)

Rughe come prevenirle con accorgimenti naturali e mirati

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 8:51am

Rughe, il terrore di ogni donna! Ma da come si dorme, a come ci si lava il viso ma anche a come si mangia, certamente ci sono delle sostanziali differenze che possono aiutare a mantenere la pelle del viso più elastica, luminosa e naturale.

Vediamo quali sono.

1 TRUCCO E STRUCCO – I prodotti di buona qualità sono sempre i più migliori, i più consigliati, ma bisogna prestare molta attenzione soprattutto a come ci trucchiamo e soprattutto come ci strucchiamo. Ai detergenti che usiamo per lavarci il viso che non devono seccare troppo la pelle, soprattutto nell’area oculare. Mai e poi mai tirarla per mettere eyeliner o matita. Stesso discorso vale anche per le operazioni di pulizia: usate accortezza e delicatezza, sempre, soprattutto nelle parti più sensibili. Ogni tanto usate gel all’aloe vera, rinfrescante, astringete e defaticante.

2 ALIMENTAZIONE – Una pelle sana passa anche attraverso una giusta e adeguata idratazione interna. Un apporto deve arrivare da acqua, succhi di frutta, vitamine da frutta e verdura. Attenzione, però anche alle proteine. Gli aminoacidi contenuti nel pesce e nella carne aiutano a creare la struttura della pelle.

3 INTEGRATORI – Possono aiutare ma non abbastanza. Soprattutto se assunti senza il parere di un esperto e per un periodo di tempo molto prolungato. In questi casi il fai da te è sconsigliato: si rischia di non avere alcun effetto o di avere anche delle controindicazioni. Puntare su quelli che contengono antiossidanti.

4 CIOCCOLATO – Oltre a fare molto bene all’umore è anche un alleato salutare per la pelle. Soprattutto quello chiamato Esthechoc. Una ricerca condotta dall’Università di Cambridge, sostiene che questo cioccolato (ricco di antiossidanti e polifenoli) pare dia ottimi risultati se assunto con una certa regolarità. In caso contrario anche quello fondente, extra può fare al caso vostro.

5 CREMA SOLARE – Provate a metterla tutto l’anno. Anche in inverno. E vedrete che differenza! Vi proteggerà dai raggi solari sia al mare, che quando siete in città all’aria aperta. Scongiurerete invecchiamento precoce e macchie solari antiestetiche. Sì anche ad un fondotinta che contenga fattore protettivo.

6 CREMA ANTIRUGHE – Scegliete una crema idratante, antiage per la vostra età.

7 GINNASTICA FACCIALE – Provate a mettervi davanti ad uno specchio e a a fare smorfie con occhi, fronte, bocca e naso. Trovate in rete tantissimi esercizi utili per ogni area da trattare.

8. DORMIRE BENE – Un buon sonno e il riposo sono i migliori alleati della pelle. Cosa certamente vera, ma attenzione però anche a come dormite. Posizione migliore è quella a pancia in su. Perché vi fa rilassare il viso, ed evitare la formazione di rughe, su guance, contorno occhi, collo e fronte. Problemi di deviazione nasale.

Al Mudec di Milano la mostra dei principali esponenti della Pop Art, Roy Lichtenstein

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 8:37am

Roy Lichtenstein, uno dei più importanti esponenti della Pop art, in mostra al Mudec di Milano. ‘Lichtenstein. Multiple Visions’, aperta dal 1° maggio all’8 settembre, racconta con circa 100 opere (stampe, anche di grande formato, sculture, arazzi, video e fotografie), come gli elementi di diverse culture siano confluiti sia nel lavoro dell’artista statunitense che nel suo stile di riproduzione seriale dell’immagine.

Il percorso della mostra è tematico, diviso in otto sezioni: nella sezione ‘Storia e Vernacoli’ emergono le influenze della cultura americana del periodo del far west e degli indiani d’America, mentre in ‘Interiors’ appaiono ambienti di vita quotidiana, ma anche lo studio ovale della Casa Bianca. In ‘Action comics’ ci sono le sue opere forse più note al pubblico, con i soggetti maschili e femminili rappresentati in stile fumetto. E poi è la volta della ‘Figura Femminile’ con la sua evoluzione che corrisponde a quella che nella società americana va dalla casalinga felice alla paladina femminista con l’arrivo fino agli anni Settanta.

Per saperne di più visita la pagina www.mudec.it

La sindrome da stanchezza cronica diagnosticabile con un esame del sangue

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 7:59am

La CFS, o meglio conosciuta come sindrome da stanchezza cronica, è una malattia particolarmente debilitante, ma che molto spesso viene fraintesa e chi ne soffre viene additato come pigro o ancora altro. In certi casi viene anche chiamata encefalomialite mialgica. Il fatto che al momento sembrano esserci pochi sintomi visibili e zero cause note rende difficile la diagnosi di questa malattia, ma dei ricercatori di Stanford hanno coperto che è possibile diagnosticarla con un semplice test del sangue.

Infatti, dopo aver condotto l’analisi di 40 campioni di individui, sono riusciti ad individuare in 20 pazienti esaminati la patologia basandosi semplicemente sull’esame del sangue. Quest’ultimo è servito per osservare il comportamento di alcune cellule del sistema immunitario e come esse reagivano allo stress.

Questa scoperta è stata possibile anche grazie ad uno particolare strumento chiamato nanoelettrico, il quale permette di monitorare gli eventi cellulari.

“Non sappiamo esattamente perché le cellule e il plasma agiscano in questo modo, o persino quello che stanno facendo. Ma ci sono prove scientifiche che questa malattia non è una fabbricazione della mente di un paziente, ma vediamo chiaramente una differenza nel modo in cui le cellule immunitarie della sindrome da fatica sane e croniche elaborano lo stress. Data l’importanza di questo test e la sua affidabilità, prevediamo che possa essere ampiamente impiegato in altri laboratori di ricerca e cliniche nel prossimo futuro come aiuto ai medici e ai nostri colleghi nella comunità di ricerca ME / CFS.” Dichiarano gli esperti, che hanno condotto la ricerca.