Perché mangiare il Pangasio è pericoloso per la salute, soprattutto dei più piccoli?

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 19 Mag 2019 alle ore 6:14am

Il pangasio, originario del Vietnam, è uno dei pesci più consumati al mondo per il suo basso costo, sapore delicato e presentazione del filetto senza pelle o spine. Nonostante il suo basso contenuto proteico e il suo livello ancora più basso di omega-3, presenta un’alta concentrazione di mercurio.

Il consumo continuativo può esporre infatti ad alti livelli proprio di mercurio, con possibili conseguenze a lungo termine anche sulla salute, specialmente dei bambini. Quindi, soprattutto per quest’ultimi, si raccomanda il consumo di altre varietà di pesce, tant’è che è stato bandito anche dalle mense scolastiche.

A suggerirlo diversi studi internazionali.

La forma di mercurio più preoccupante è il metilmercurio, quella che si accumula nei tessuti biologici. Il mercurio viene prodotto dai batteri e assimilato dai pesci, per questo sono continuamente controllati in modo mirato, per valutare il livello di contaminazione. Le fonti di esposizioni per l’uomo al mercurio è proprio il consumo dei pesci. Il mercurio può essere pericoloso alla salute umana con conseguenze a livello neurologico con sintomi quali: tremori, insonnia, perdita di memoria, effetti neuromuscolari, mal di testa. Altri sintomi possono essere invece legati ai reni, a una perdita di proteine ma anche corrosione di pelle, occhi e tessuti del tratto digerente.