Infezioni sessuali: un milione di nuovi casi al giorno, Oms lancia allarme

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 10 Giu 2019 alle ore 6:18am

Ogni giorno si registrano oltre un milione di nuovi casi di infezioni sessualmente trasmissibili (Ist) curabili tra persone di età compresa tra 15 e 49 anni. Questi i recenti dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità. Ciò equivarrebbe dunque a oltre 376 milioni di nuovi casi l’anno, soprattutto relativi a quattro infezioni particolari che colpiscono soprattutto le donne: clamidia, gonorrea, tricomoniasi e sifilide. «Stiamo assistendo a una mancanza di progressi nel fermare la diffusione delle infezioni trasmesse sessualmente in tutto il mondo», afferma Peter Salama, direttore esecutivo di Universal Health Coverage e Life-Course all’Oms.

«Questo è un campanello d’allarme che richiede uno sforzo concertato per garantire a tutti, ovunque, l’accesso ai servizi di cui hanno bisogno per prevenire e curare queste malattie debilitanti». Pubblicata online sul bollettino dell’Oms, la ricerca mostra che tra uomini e donne tra 15 e 49 anni d’età, nel 2016 ci sono stati 127 milioni di nuovi casi di clamidia, 87 milioni di gonorrea, 6,3 milioni di sifilide e 156 milioni di tricomoniasi. Queste infezioni sessualmente trasmesse hanno un profondo impatto sulla salute di adulti e bambini in tutto il territorio nazionale e comunità mondiale. Se non trattate, possono portare a gravi ripercussioni, patologie anche croniche, neurologiche e cardiovascolari, sterilità, gravidanze extrauterine, nascite di bambini morti e aumento del rischio di Hiv.

Solo la sifilide ha provocato circa 200.000 aborti e morti neonatali nel 2016, rivelandosi come una delle principali cause di perdita del bambino a livello globale.

Dopo gli ultimi dati pubblicati per il 2012 – rileva l’Oms “Non vi è stata alcuna diminuzione sostanziale né delle percentuali di nuove infezioni né di quelle esistenti. In media, circa 1 persona su 25 in tutto il mondo è affetta da almeno una di queste infezioni sessualmente trasmissibili, e alcuni pazienti hanno persino infezioni multiple. Le Ist – si ricorda – si diffondono prevalentemente attraverso il contatto sessuale non protetto. Alcune – compresi la clamidia, la gonorrea e la sifilide – possono anche essere trasmessi durante la gravidanza e il parto o, nel caso della sifilide, attraverso il contatto con sangue o prodotti ematici infetti e l’uso di droghe per via iniettiva. Sono prevenibili attraverso pratiche sessuali sicure, compreso l’uso corretto e coerente del condom e l’educazione alla salute sessuale. Test e trattamenti tempestivi e accessibili sono fondamentali per ridurre l’onere delle Ist a livello globale, insieme agli sforzi per incoraggiare le persone sessualmente attive a sottoporsi a screening”.

L’Oms raccomanda che le donne in gravidanza siano sistematicamente sottoposte a screening per la sifilide e l’Hiv. Tutte le infezioni batteriche possono essere trattate e curate con farmaci ampiamente disponibili. Carenze nella fornitura globale di penicillina benzatina hanno difficile il trattamento della sifilide.