Soffritto con olio extravergine di oliva fa bene, durante la cottura sprigiona sostanze bioattive di altri ingredienti salutari

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 17 Giu 2019 alle ore 10:37am

Da un recente studio spagnolo emerge che il soffritto con l’extravergine di oliva oltre ad esaltare i sapori aiuta anche a sprigionare le sostanze bioattive di ingredienti come pomodoro, aglio, cipolla, carote, migliorando così la capacità del nostro organismo di assimilare antiossidanti e vitamine contenute in questi ingredienti che madre natura ci dà. Pubblicato sulla rivista scientifica Molecules, da parte di un gruppo di scienziati della facoltà di Farmacia dell’Università di Barcellona, lo studio offre uno sguardo sui meccanismi biochimici attraverso cui la tradizione gastronomica mediterranea fa bene alla salute, spiega l’autrice principale Rosa Lamuela; non sono solo i singoli cibi a far bene, dunque, ma anche il modo in cui vengono preparati e arricchiti.

Lo studio ritiene al fine di trasferire i benefici per la salute tipici della dieta mediterranea, non sia sufficiente adottare il consumo dei cibi cardine della nostra alimentazione. L’esperta, sostiene, infatti, che gli effetti salutari della dieta mediterranea sono difficili da riprodurre in popolazioni non mediterranee, e probabilmente il motivo sta proprio nel modo in cui essi vengono cucinati.

Il soffritto con l’olio extravergine libera vitamine e antiossidanti da cipolla, aglio, pomodoro e carote, modificando chimicamente queste molecole naturali in modo che il nostro organismo le assorba meglio. Ad esempio, conclude, l’esperta “si è visto che le proprietà antinfiammatorie del pomodoro sono potenziate proprio dalla cottura con l’extravergine”.