Vitamina Q: a cosa serve, i cibi che la contengono

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 Giu 2019 alle ore 8:51am

La vitamina Q, conosciuta anche col nome di coenzima Q o ubichinone, è una molecola organica liposolubile. Che per quanto riguarda la sua struttura, è molto simile alla vitamina E e alla vitamina K.

Il suo ruolo è fondamentale e riguarda il trasferimento dell’energia delle cellule. Presente nelle cellule di organi come cuore, fegato e reni, ed è importante per ottimizzare l’elasticità cutanea. I suoi benefici sono veramente tanti.

Grazie alla vitamina Q, abbiamo la possibilità di contrastare il senso di stanchezza.

Secondo gli esperti di Humanitas, il fabbisogno giornaliero di coenzima Q è compreso tra i 100 e i 300 mg. Bisogna fare molta attenzione a cosa si mangia onde evitare possibili carenze, perché si potrebbe andare incontro a problemi di natura vascolare e respiratoria.

Tra i cibi che contengono la vitamina Q, abbiamo: tonno, pollo, salmone, castagne, uova, pistacchi, aringhe, per citarne alcuni.