luglio 4th, 2019

Roma blindata, arriva il presidente Putin

Pubblicato il 04 Lug 2019 alle 12:19pm

Roma blindata per l’arrivo del presidente Vladimir Putin. L’allerta massima scatterà alle ore 12.30 quando l’aereo presidenziale con a bordo il presidente della federazione russa Vladimir Putin, atterrerà all’aeroporto di Fiumicino per una visita “lampo” nella capitale che terminerà alle 22 di questa sera.

Il presidente russo incontrerà prima Papa Francesco in Vaticano, poi a seguire il presidente Sergio Mattarella al Quirinale, il presidente del consiglio Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini a Villa Madama. Al centro del vertice col premier il rilancio del dialogo Italia-Russia. Nell’agenda di Putin anche un incontro privato con Berlusconi. I due si conoscono e sono amici da quando Berlusconi era presidente del consiglio. (altro…)

Fumare danneggia la vista, ma in pochi lo sanno

Pubblicato il 04 Lug 2019 alle 11:26am

Il fumo di sigaretta è nocivo per i polmoni, ma può esserlo anche per la salute della nostra vista. Parola di esperti. (altro…)

De Gregori & Orchestra – Greatest Hits live, riprende il 5 luglio con la Notte Rosa

Pubblicato il 04 Lug 2019 alle 8:21am

Dopo il grande successo di pubblico (e di critica) ottenuto con le prime date, il tour di Francesco De Gregori, “DE GREGORI & ORCHESTRA – GREATEST HITS LIVE”, riprende il suo corso venerdì 5 luglio da Piazza Fellini a RIMINI nell’ambito de LA NOTTE ROSA. (altro…)

La grigliata fa male alla salute? Come evitare i possibili danni cancerogeni

Pubblicato il 04 Lug 2019 alle 7:13am

La grigliata è una tradizione ma bisogna stare molto attenti ai possibili danni. Quando si fa un barbecue infatti la cottura della carne può provocare la formazione di sostanze cancerogene: lo ricorda anche l’American Institute for Cancer Research, secondo cui con alcuni accorgimenti possono ridurre i danni sull’organismo. Vediamo quali sono.

“Diverse ricerche hanno mostrato che una dieta ricca di carne rossa e lavorata aumenta il rischio di tumori del colon – spiega Alice Bender, Senior Director of Nutrition Programs dell’istituto – e grigliare carne, sia bianca che rossa, ad alte temperature forma sostanze fortemente cancerogene”.

Il primo consiglio degli esperti è grigliare diversi tipi di alimenti, non solo carni rosse ma anche bianche, il pesce e la verdura. Anche la marinatura, prosegue il decalogo, aiuta a diminuire i rischi. Alternare carne e verdure su uno spiedo, avvertono ancora gli esperti, diminuisce l’area esposta alla fiamma ed è quindi più salutare. Erbe e spezie, sottolinea ancora Bender, è l’indicazione numero quattro, sono molto utili perché contengono antiossidanti naturali.

Poi ancora, il consiglio numero cinque è limitare l’esposizione al fumo, mentre il numero sei è pulire bene le griglie ogni volta che la si utilizza per eliminare i residui che rimangono attaccati che hanno la più alta concentrazione di cancerogeni.

Un altro accorgimento è molto importante, secondo l’esperta e ricercatrice, è quello di ridurre il tempo di cottura.

Consiglio numero nove è scegliere carbone di legni duri, che bruciano a temperature più basse e infine, dieci, prediligere carni più magre, o a cui è stato eliminato il grasso. In ultimo ma non meno importante, girare spesso la carne, in quanto questa procedura di cottura riduce i possibili rischi cancerogeni.

Istat: italiani 55 milioni, è declino demografico. -4% di nascite, minimo storico dall’Unità d’Italia

Pubblicato il 04 Lug 2019 alle 6:00am

Rallentato il declino demografico in Italia grazie all’arrivo di stranieri. A rivelarlo è l’Istat. Dal 2015 ad oggi la popolazione residente è in netta diminuzione, configurando così, per la prima volta negli ultimi 90 anni una fase di declino demografico. Il calo è interamente attribuibile alla popolazione italiana, che scende al 31 dicembre 2018 a 55 milioni 104 mila, 235 mila in meno rispetto all’anno precedente (-0,4%). Rispetto al 2014 la perdita di italiani è pari alla scomparsa di una città grande come Palermo (-677 mila).

L’Istituto di Statistica fa notare che negli ultimi quattro anni i nuovi cittadini per acquisizione della cittadinanza sono stati oltre 638 mila. E senza di loro il calo degli italiani sarebbe stato intorno a 1 milione e 300 mila unità.

Nel quadriennio dal 2015 al 2019 si è registrato anche un aumento di oltre 241 mila cittadini stranieri che ha permesso di contenere la perdita dei residenti. Al 31 dicembre 2018 sono stati rilevati 5.255.503 cittadini stranieri iscritti all’anagrafe; rispetto al 2017 aumentati di 111 mila (+2,2%) arrivando così a costituire l’8,7% del totale della popolazione residente.

Il Report dell’Istat sul bilancio demografico diffuso ieri, mercoledì 3 luglio 2019 certifica anche che il numero di cittadini stranieri che lasciano il nostro Paese è in lieve flessione (-0,8%) mentre è in aumento l’emigrazione di cittadini italiani (+1,9%), che decidono di trasferirsi all’estero per migliori condizioni economiche o lavoro.

La diminuzione delle nascite nel 2018 è di oltre 18 mila unità rispetto al 2017 (-4%), scrive in una nota l’Istat. Sono stati iscritti in anagrafe per nascita 439.747 bambini, un nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia. La popolazione residente in Italia è diminuita di 124.427 unità nel 2018 pari al -0,2%. Al primo gennaio 2019 risiedono in Italia 60.359.546 persone, di cui l’8,7% sono straniere. E’ del -3,2% il calo degli iscritti dall’estero è dovuto sostanzialmente a causa della diminuzione di immigrati stranieri.