Scozia mette al bando le punizioni corporali a scuola e in famiglia per l’educazione dei ragazzi o

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 06 Ott 2019 alle ore 7:00am

La Scozia mette al bando, per legge, gli scapaccioni dei genitori ai figli e qualunque forma di castigo fisico. Una normativa presentata al Parlamento locale di Edimburgo dal governo guidato dalla first minister Nicola Sturgeon. Si tratta del primo provvedimento in tal senso adottato dal Regno Unito, tradizione mai del tutto estirpata del sistema scolastico britannico come del retaggio familiare.

Finora la legge autorizzava – come continua a fare nel resto del Regno – un uso “ragionevole” della forza in famiglia e nell’educazione e castigo dei figli.

La proposta scozzese di abolire questa pratica piuttosto severa, è stata promossa da un deputato Verde, John Finnie, e ha il sostegno di laburisti e liberaldemocratici, oltre che dello Scottish National Party (Snp) di Sturgeon e di alcune ong per la tutela dell’infanzia. Contrari sono invece i Tory locali, come pure – stando ai sondaggi – una maggioranza popolare di scozzesi.