ottobre 20th, 2019

Fine vita, i medici: “Non daremo mai la morte”

Pubblicato il 20 Ott 2019 alle 7:48am

“Il medico non abbandonerà mai a se stesso il paziente, assicurerà sempre le cure si palliative per contenere il dolore sino alla sedazione profonda e sarà presente fin dopo il decesso, che certificherà, ma non compirà l’atto fisico di somministrare la morte”.

E’ questo ciò che dichiara, il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli ordini dei medici), Filippo Anelli, riassumendo la linea emersa a Parma all’interno della Consulta di Bioetica della Federazione.

La posizione verrà ora portata all’attenzione del Consiglio nazionale dei 106 presidente degli ordini locali prevista a Novembre in vista dell’avvio di un iter della legge che dovrà essere approvata in Parlamento cosi’ come indicato dalla Consulta dopo il caso di Dj Fabo e dell’accusa, poi caduta, nei confronti di Marco Cappato.

Robbie Williams, il 22 novembre il suo primo disco di Natale “The Christmas Present”

Pubblicato il 20 Ott 2019 alle 6:49am

Uscirà il prossimo 22 novembre “THE CHRISTMAS PRESENT” (Columbia Records / Sony Music UK), il primo album di Natale di ROBBIE WILLIAMS!

“The Christmas Present” sarà disponibile in digitale, in CD (standard e deluxe) e in vinile: un doppio album composto da “Christmas Past” e “Christmas Future”, con all’interno sia brani inediti che grandi classici della tradizione natalizia, eseguiti con alcune speciali guest star.

L’album è già disponibile in pre-order.

Il Disco 1 contiene i brani: “Christmas Past” include i classici “Winter Wonderland” (con i cori eseguiti dal coro LMA), “Santa Baby” in duetto con la cantante tedesca Helene Fischer, “Let It Snow! Let It Snow! Let It Snow!”, una cover di “The Christmas Song” (resa celebre da The Nat King Cole Trio), “Merry Xmas Everybody” di Slade featuring Jamie Cullum, e “It’s A Wonderful Life”, in cui Robbie duetta con suo padre Peter Conway.

Mentre il Disco 2: “Christmas Future” include gli inediti “Time For Change”, “Home”, “Fairytales” featuring Rod Stewart e “Bad Sharon” con il campione di box Tyson Fury, e le cover di ”Christmas (Baby Please Come Home)” in duetto con il cantautore canadese Bryan Adams e “I Believe In Father Christmas”.

La versione CD deluxe include quattro bonus track, compreso il duetto con Rod Stewart sulle note di “It Takes Two”

Robbie Williams ha dichiarato: “Sono davvero felice di annunciare il mio primo album di Natale. Ne ho fatti tanti nella mia carriera e realizzare questo disco è un altro sogno che si avvera. È stato davvero divertente registrarlo e non vedo l’ora di farvelo ascoltare.”

“The Christmas Present” è il 13esimo album in studio di Robbie Williams e aggiunge un nuovo importante traguardo nella già strabiliante carriera di uno degli artisti più amati del mondo. Scritto e registrato in diverse location tra cui Londra, Stoke-on-Trent, Los Angeles e Vancouver, questo album vede il cantautore lavorare ancora una volta con il suo collaboratore di vecchia data Guy Chambers, che ha prodotto la maggior parte del progetto insieme a Richard Flack.

Nicturia, in cosa consiste e come si manifesta

Pubblicato il 20 Ott 2019 alle 6:40am

La nicturia è un disturbo caratterizzato dalla necessità di urinare più volte nel corso della notte. Questo ripetuto stimolo determina risvegli frequenti durante le ore notturne, con impatto negativo anche sulla qualità della vita, di chi ne soffre. Per un sonno non ristoratore.

Cause La nicturia si verifica più frequentemente negli anziani. Le cause che provocano tale sintomo sono diverse, tra queste ricordiamo:

– disturbi genito-urinari;

– disfunzioni della vescica;

– problemi metabolici e alterazioni del bilancio idrico;

– patologie neurologiche che influenzano il controllo della vescica;

– effetto collaterale di alcuni farmaci;

– assunzione di bevande alcoliche e contenenti caffeina.

Fra le possibili cause della nicturia un’elevata assunzione di liquidi, la presenza di patologie come diabete, scompenso cardiaco, apnea ostruttiva del sonno, cistite, un eccesso di vitamina D, gonfiore alle gambe. Se il problema dovesse interessare la vescica potrebbero presentarsi disturbi come infezioni, infiammazioni e ostruzioni. Inoltre, il problema potrebbe essere anche associato alla presenza di tumori, fibromi o iperplasie benigne.

Come si manifesta? La nicturia rientra tra i segni precoci dell’ipertensione arteriosa a cui si possono associare mal di testa, ronzio auricolare, capogiri e dispnea. Inoltre, si può manifestare in caso di gravidanza, menopausa, ansia, stress, stitichezza e difficoltà legate al sonno.

Rimedi Naturalmente la scelta del rimedio più adatto per chi soffre di nicturia dipende dalla causa scatenante. In alcuni casi potrebbe essere sufficiente ridurre l’assunzione di alcune bevande o diuretici. Se la causa è collegata all’assunzione di determinati farmaci o altro, sarà opportuno parlarne con il proprio medico di famiglia. Un consiglio che può rivelarsi utile è quello di dormire con le gambe sollevate per ridurre l’accumulo di liquidi, esistono poi dei farmaci specifici per ridurre il problema, ma prima, è sempre bene consultare uno specialista.

Herpes genitale, in arrivo un vaccino

Pubblicato il 20 Ott 2019 alle 6:24am

Come l’herpes delle labbra, l’herpes genitale è un virus che non viene mai eliminato dall’organismo, ma rimane latente e può dare recidive perlopiù scatenate da stress e mestruazioni. La trasmissione avviene per contatto con le secrezioni genitali infette durante il rapporto sessuale. L’herpes è contagioso soprattutto durante l’episodio primario e le recidive, e può trovarsi anche nelle secrezioni genitali nei periodi di apparente guarigione.

Purtroppo questa infezione è in netto aumento. E causa delle più frequenti cause di erosioni genitali. Gli esperti del settore consigliano in chiave preventiva, l’impiego del profilattico per evitare il rischio di trasmissione.

Secondo un recente studio, pubblicato su Science Immunology, condotto negli animali e coordinato da Sita Awasthi, dell’Università della Pennsylvania, che ha preso in esame 64 topi, cui è stato somministrato il candidato vaccino, e poi ripetuto su porcellini d’India, visto che in questi animali l’infezione da herpes genitale assume caratteristiche più vicine a quella che si osserva nell’essere umano.

I risultati sono stati sicuramente interessanti, visto che dopo l’esposizione all’herpes virus di tipo 2, per 4 settimane dopo l’iniezione solo un topo ha contratto l’infezione (peraltro in forma del tutto silente, cioè senza alcun sintomo clinico della patologia), mentre gli altri avevano già raggiunto un valido livello di difese immunitaria. Lo stesso si è osservato anche nei porcellini d’India: in questi animali scelti proprio per la similitudine nello sviluppo dell’infezione con l’essere umano, sono stati però riscontrati due casi di infezione, peraltro del tutto inapparenti sul fronte dei sintomi.

Il vaccino agirebbe pertanto con un meccanismo combinato, attivo sia sul virus sia sulle difese dell’organismo, visto che porta alla produzione di anticorpi rivolti sia all’accesso del virus nelle cellule, fondamentale per la sua replicazione, sia per mantenere elevata la risposta difensiva, che viene in qualche modo “annullata” naturalmente dal virus.

Attenzione in gravidanza Secondo le statistiche, l’infezione da virus herpes 2 interessa circa una persona su dieci in età fertile e rappresenta una delle infezioni genitali più diffuse. Oltre a creare problemi a chi ne soffre, limitando i rapporti, nel caso della donna può avere particolari ripercussioni nel periodo della gravidanza perché il virus può essere trasmesso al neonato.

Un’infezione primaria genitale della madre può complicarsi con ritardo di crescita e prematurità. Se l’infezione primaria avviene al momento del parto, prima che gli anticorpi materni siano prodotti, può infatti essere trasmessa al bambino, rendendo necessario il parto cesareo.

barriera per il rischio di trasmissione virale