Tumori: arriva a Roma il primo macchinario per l’ipertermia profonda

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 25 Ott 2019 alle ore 6:53am

Arriva a Roma, il primo macchinario in Italia per ottenere maggiore efficacia nelle cure contro i tumori dalla sinergia tra ipertermia profonda, chemioterapia e radioterapia.

Con questo obiettivo entra in funzione per la prima volta nel nostro Paese presso il Polo di radioterapia oncologica di via Emilio Longoni dell’Università Campus Bio-Medico di Roma un sistema di ipertermia profonda per la cura dei tumori in grado di ottimizzare la risposta a chemioterapia e radioterapia.

Il macchinario, testato con successo su numerosi tumori che colpiscono ampie fasce della popolazione quali (dati I numeri del cancro, 2019): sarcomi, prostata (il tumore più frequente nella popolazione maschile a partire dai 50 anni), pancreas (in Italia nel 2019 la previsione è di 13.500 nuovi casi, 6.800 negli uomini e 6.700 nelle donne), colon-retto (il secondo tumore più diffuso in Italia), ma anche tumori della testa e del collo, della mammella (rappresenta il 30% delle neoplasie femminili) e della pelvi, è stato inaugurato pochi giorni fa presso il rinnovato Polo di radioterapia oncologica situato nel quartiere prenestino della Capitale.

Il Polo di radioterapia oncologica di via Emilio Longoni, rinnovato anche negli spazi dedicati ai pazienti è una struttura completamente convenzionata con il SSN che occupa una superficie di circa 1400 metri quadrati e garantisce oltre 90mila prestazioni annue. Vi accedono pazienti anche dal centro Italia e altre regioni italiane.