Biosensore nel ciuccio per monitorare la salute del bebè

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 28 Ott 2019 alle ore 6:53am

Per il monitoraggio dei livelli di glucosio in tempo reale nella saliva, è stato sviluppato un biosensore basato su un ciuccio, un possibile aiuto in futuro per la diagnosi precoce e la cura del diabete nei neonati. A realizzarlo alcuni studiosi dell’Università della California di San Diego, i cui risultati molto incoraggianti, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Analytical Chemistry. I ricercatori hanno precedentemente sviluppato biosensori indossabili che vengono incorporati negli indumenti o attaccati alla pelle. Tuttavia, l’uso a lungo termine di questi dispositivi può causare un disagio che i bambini non riescono a comunicare facilmente.

Finora, inoltre, tutti i device indossabili realizzati per i bimbi misurano solo le caratteristiche fisiche come la frequenza cardiaca o respiratoria e non i biomarcatori, come il glucosio. Per questo motivo è stato realizzato un ciucciotto con una tettarella dotata di un canale attraverso il quale la saliva può essere trasferita in piccole quantità in un’area di rilevamento. Lì, un enzima attaccato a una striscia di elettrodi è in grado di trasformare il glucosio rilevato nel fluido in un segnale elettrico debole, che può essere rilevato in modalità wireless da un’app per telefono cellulare. I ricercatori non hanno ancora testato il dispositivo sui bambini, ma hanno condotto un’analisi preliminare su pazienti adulti con diabete di tipo 1. Utilizzando il ciuccio, il team ha rilevato cambiamenti nelle concentrazioni di glucosio nella saliva dei pazienti prima e dopo un pasto.

Il dispositivo potrebbe un giorno essere configurato anche per monitorare altri biomarcatori di malattie.