Un test del sangue per diagnosticare tumore al seno 5 anni prima

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 07 Nov 2019 alle ore 6:00am

Il cancro al seno potrebbe essere diagnosticato fino a cinque anni prima che ci siano segni clinici e sintomi evidenti grazie a un esame del sangue capace di identificare la risposta immunitaria dell’organismo alle sostanze prodotte dalle cellule tumorali.

Secondo una nuova ricerca infatti, presentata alla Conferenza stampa sul cancro dell’NCRI del 2019 condotta dai ricercatori dell’Università di Nottingham, nel Regno Unito, le cellule tumorali producono proteine – i cosiddetti “antigeni” – che portano l’organismo a produrre anticorpi contro di loro (gli autoantigeni).

Con questo nuovo studio, è stato scoperto che questi antigeni associati al tumore (TAA) sono buoni indicatori del cancro: sviluppando, quindi, dei pannelli di TAA, già noti per essere associati al carcinoma mammario, per capire se ci sono autoanticorpi contro di loro nei campioni di sangue prelevati dai pazienti.

In uno studio pilota i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue da 90 pazienti al momento della diagnosi di carcinoma mammario e li hanno confrontati a campioni prelevati da un gruppo di controllo di altri 90 pazienti sani.
Tramite screening (microarray proteico), hanno individuato la presenza di autoanticorpi contro 40 TAA associati al carcinoma mammario e anche contro 27 TAA che non erano noti per essere collegati alla malattia.

“I risultati del nostro studio hanno dimostrato che il carcinoma mammario induce autoanticorpi contro pannelli di specifici antigeni associati al tumore. Siamo stati in grado di rilevare il cancro con ragionevole precisione identificando questi autoanticorpi nel sangue“, afferma Daniyah Alfattani, dottoranda che ha partecipato alla ricerca.

I ricercatori hanno identificato tre gruppi di TAA contro i quali testare gli autoanticorpi. L’accuratezza del test è migliorata nei pannelli che contenevano più TAA. Il gruppo di cinque TAA ha rilevato correttamente il carcinoma mammario nel 29% dei campioni dei pazienti affetti da cancro e ha correttamente identificato l’84% dei campioni di controllo come privo di cancro. Il gruppo di sette TAA ha identificato correttamente il cancro nel 35% dei campioni di cancro e nessun cancro nel 79% dei campioni di controllo. Il gruppo di nove antigeni ha identificato correttamente il cancro nel 37% dei campioni di cancro e nessun cancro nel 79% dei controlli.

“Dobbiamo sviluppare e validare ulteriormente questo test – dice la Alfattani. Ma questi risultati sono incoraggianti e indicano che è possibile rilevare in fase iniziale un segnale per il carcinoma mammario. Una volta migliorata la precisione del test, si apre la possibilità di utilizzare un semplice esame del sangue per migliorare la diagnosi precoce della malattia“.

I ricercatori stanno ora testando campioni di 800 pazienti contro un gruppo di nove TAA e si aspettano che l’accuratezza del test migliori ulteriormente.