novembre 15th, 2019

Polmonite, solo nel 2018 800mila bambini, con meno 5 anni di età, sono morti nel mondo

Pubblicato il 15 Nov 2019 alle 8:54am

Nel 2018, sono oltre 800mila i bimbi con meno 5 anni di età morti nel mondo a causa della polmonite: uno ogni 38 secondi. La maggior parte di loro aveva meno di due anni, e circa 153.000 bambini sono morti nel primo mese di vita. L’Unicef e altre organizzazioni mondiali (IsgGlobal, Gavi, Save the Children, Every Breath Counts, Unitaid) hanno lanciato un appello, per la Giornata mondiale contro la polmonite, per avviare un’azione globale.

“Ogni giorno, sono circa 2.200 i bambini sotto i 5 anni che muoiono a causa di una polmonite. Una malattia curabile e quasi sempre prevenibile”, a dirlo è anche Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef. Un maggior numero di bambini sotto i 5 anni è morto a causa di polmonite nel 2018 rispetto a qualsiasi altra malattia: 437.000 bambini sotto i 5 anni sono morti per diarrea e 272.000 per malaria. Oltre la metà delle morti di bambini a causa di polmonite è avvenuta in soli 5 paesi: Nigeria (162.000), India (127.000), Pakistan (58.000), Repubblica Democratica del Congo (40.000) ed Etiopia (32.000). Sempre nel 2018, 71 milioni di bambini non hanno ricevuto le tre dosi raccomandate di Pcv (vaccino pneumococcico coniugato), esponendoli a un rischio maggiore di contrarre la malattia. A livello globale, il 32% dei bambini con una sospetta polmonite non viene portato nelle strutture sanitarie. Oggi solo il 3% delle spese attuali per le ricerche per le malattie infettive a livello globale è destinata alla polmonite, nonostante la malattia causi il 15% delle morti nei bambini sotto i 5 anni. Le sei organizzazioni chiedono alle nazioni di attuare strategie per il controllo della malattia.

A gennaio ospiteranno i leader mondiali al Global forum sulla polmonite nei bambini che si terrà in Spagna insieme alle fondazioni “la Caixa” e Bill and Melinda Gates e Usaid.

Light of My Life, regia Casey Affleck, al cinema dal 21 novembre

Pubblicato il 15 Nov 2019 alle 7:15am

Esce al cinema il 21 novembre, il film drammatico LIGHT OF MY LIFE, regia Casey Affleck. Distribuzione: Notorious Pictures. (altro…)

Pancia gonfia, il dragoncello per sgonfiarsi e depurarsi

Pubblicato il 15 Nov 2019 alle 6:25am

Il dragoncello è un ottimo rimedio naturale per sgonfiare l’addome.

Il dragoncello non è semplicemente una pianta per insaporire le pietanze, ma anche ricca di proprietà benefiche. Aiuta infatti la digestione, a drenare i liquidi ed è anche antisettico.

Aggiungerla come spezia nella nostra alimentazione quotidiana apporta benefici molto importanti per la nostra salute.

Si caratterizza per il suo sapore intenso e aromatico, perfetto da aggiungere a molte pietanze, molto gustose. I suoi valori nutrizionali sono naturali alleati per la salute, ma soprattutto per chi vuole contrastare il gonfiore addominale. Questa spezia contiene pochissime calorie (295 ogni 100 grammi) a fronte di tante fibre, acqua e zero colesterolo.

Le foglie sono ricche di zinco, ferro, rame, manganese, potassio, sodio, calco e fosforo. Contiene moltissime vitamine A, B e C, utili per la nostra salute.

Il dragoncello favorisce la digestione, l’eliminazione di gas intestinali e ha proprietà depurative. Risulta perfetto per chi ha la pancia gonfia. Se assunto nelle giuste dosi è in grado di stimolare la bile e la diuresi, migliorare il funzionamento di fegato o cistifellea, purificandoli. E’ dunque un perfetto alleato per depurare l’organismo, con un effetto detox incredibile.