Occhi, come proteggerli con luteina e zeaxantina. In quali alimenti trovarle

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 27 Nov 2019 alle ore 6:00am

La luteina e la zeaxantina, sono due molecole naturali di cui è fatto il pigmento della macula del nostro occhio. Una piccola zona centrale della retina a livello della quale si forma l’immagine di ciò che guardiamo. In particolare, però, la luteina e la zeaxantina si concentrano soprattutto nella regione della fovea (la parte centrale della macula); la zeaxantina è più concentrata nelle zone più centrali, mentre i livelli di luteina tendono a predominare nelle zone più periferiche della retina.

Luteina e zeaxantina sono caratterizzate da una spiccata proprietà antiossidante. Sono capaci di contrastare le specie reattive dell’ossigeno, e a proteggere le membrane dai danni associati all’esposizione, nonché ai raggi ultravioletti e a ridurre la formazione di lipofuscina, il cui accumulo può anticipare la comparsa di problemi all’occhio a causa dell’invecchiamento. Inoltre la luteina e la zeaxantina possono agire anche come filtri naturali, attenuando così nel lungo periodo i danni causati da una prolungata esposizione a luce blu.

Fra luteina e zeaxantina, quest’ultima è quella che è considerata un antiossidante per eccellenza. Aiuta a prevenire i danni causati dagli ultravioletti meglio ancora della luteina, che invece esercita una migliore azione filtrante.

Diversi studi suggeriscono che un’eventuale supplementazione possa ridurre il rischio di degenerazione maculare senile e, soprattutto se in fasi precoci, aiutare a migliorare o a conservare le capacità visive.

Queste queste due sostanze associate, sono anche in grado di ridurre e scongiurare il rischio di cataratte.

Ma come assumerle?

Sia la luteina, che la zeaxantina devono essere assunte per forza di cose attraverso l’alimentazione. Fra gli alimenti che ne sono più ricchi ci sono il tuorlo d’uovo e il mais. Inoltre sono presenti in grandi quantità anche nei kiwi, nelle zucchine, nella zucca, negli spinaci e altre verdure a foglia verde, e ancora, cetriolo, piselli, peperoni verdi, uva, cavolini di Bruxelles, scalogno, fagiolini, arance e broccoli. Le carote contengono invece quantità trascurabili.

Se si assumono luteina e zeaxantina sotto forma di integratori è importante non esagerare nelle quantità. Secondo l’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) la dose di luteina sicura è di 1 mg per kg di peso corporeo a giorno. Tuttavia, per i fumatori assumerne più di 10 mg al giorno potrebbe essere pericoloso. Inoltre un eccesso di luteina può causare ingiallimenti della pelle, un problema reversibile che può essere evitato limitando non assumendone dosi superiori a 14 mg al giorno per tempi prolungati (2-5 mesi). Per tutti questi motivi gli eventuali integratori assunti non dovrebbero apportare più di 6 mg al giorno di luteina, soprattutto se assumerli da fumatore.

Infine, la salute degli occhi può essere protetta anche con altri accorgimenti. Occhiali da sole e cappelli con visiera, per esempio, aiutano a difenderli dagli agenti esterni, mentre l’uso di gocce oculari può aiutare ad alleviare irritazioni e rossori e a rinfrescare occhi affaticati.