Proteine vegetali, alleate della longevità

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Dic 2019 alle ore 7:00am

Uno studio, pubblicato di recente su Jama International Medicine, guidato da ricercatori del National Cancer Center di Tokyo, che dopo aver esaminato i consumi alimentari di 71mila adulti, seguiti in media per 18 anni, rivela che un elevato consumo di proteine vegetali può essere associato a un ridotto rischio di mortalità.

La sostituzione della carne rossa e conservata con proteine vegetali, associata a una riduzione del rischio di mortalità totale, per malattie cardiovascolari e tumori. Per i vegetariani potrebbe essere opportuno consumare un quantitativo di proteine leggermente superiore, poiché la digeribilità delle proteine vegetali sarebbe inferiore a quella delle proteine animali.

“Fabio Galvano, professore di Alimentazione e Nutrizione Umana all’Università di Catania -, il primo consiglio da trarne è che è importante scegliere bene le fonti proteiche. E anziché limitarsi alla distinzione tra proteine vegetali e animali, è bene considerare l’alimento nella sua totalità. È infatti assai probabile che, nel caso dei vegetali, la presenza vari altri composti quali fibre e antiossidanti possa contribuire agli effetti benefici associati alle loro proteine mentre, per le “proteine animali”, gli effetti possono variare anche in base al tipo di grassi (nei pesci è diverso da quello degli insaccati), di certi ingredienti aggiunti per la conservazione, delle modalità di cottura”.

“Secondo quanto chiarisce Giuseppe Grosso, professore di Alimentazione e Nutrizione Umana all’Università di Catania – valorizzare maggiormente i legumi che, anche in una nostra revisione degli studi, sono risultati associati a una riduzione dell’incidenza della malattia cardiovascolare. Questi alimenti apportano, oltre alle proteine vegetali, vari altri composti utili, hanno un costo contenuto e un ridotto impatto ambientale. Per questo andrebbero previsti almeno 2-3 volte alla settimana, con porzioni medie di 150 grammi per i legumi freschi e 50 per quelli secchi». Per favorire il consumo di proteine vegetali, si possono sperimentare nuove ricette, come i burger vegetali o utilizzare farine di legumi come nella farinata e nelle pancake con farina di ceci”.