dicembre 11th, 2019

Comunità Ebraica di Milano al fianco dei City Angels per i senzatetto con pasti caldi e spese medico-legali gratuite

Pubblicato il 11 Dic 2019 alle 7:23pm

La Comunità ebraica di Milano ha deciso di aiutare i senzatetto attraverso una partnership con i City Angels della città. (altro…)

Gli staccano la luce e il gas. Ha 4 figli piccoli a carico ma un benefattore gli salda tutto il debito

Pubblicato il 11 Dic 2019 alle 5:04pm

Una storia a lieto fine, quella raccontata dal Gazzettino online, un bel gesto di solidarietà avvenuto a Conselve, nel Padovano proprio a ridosso delle festività di Natale. (altro…)

Make up mal conservato ricettacolo di batteri

Pubblicato il 11 Dic 2019 alle 7:05am

Batteri potenzialmente letali si possono annidare nella maggioranza di cosmetici se scaduti o non conservati bene.

Soprattutto spugnette, pennelli, mascara e rossetti. L’allarme arriva da uno studio condotto dall’ Università di Aston di Birmingham nel Regno Unito, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Applied Microbiology. Nella ricerca in oggetto, si legge infatti, che i prodotti contaminati variano dal 79 al 90% del totale.

L’Escherichia Coli, lo Stafilococco, il Citrobacter freundii, ma anche Enterobatteriacee e funghi, sono i più frequenti presenti nei prodotti da make up, a causare malattie della pelle. Attraverso le mucose di occhi, naso e bocca però possono raggiungere anche il sangue e così avvelenarlo.

Il rischio diventa importante soprattutto per tutte quelle persone che hanno problemi di immunodepressione, anziane che hanno meno difese immunitarie contro questo tipo di batteri.

Solo il 7% delle consumatrici è abituata a lavare le spugnette e i pennelli da trucco dopo l’uso con prodotti cosmetici. E se messi via ancora umidi, in un ambiente caldo- umido, viene favorita anche la moltiplicazione dei batteri.

La prima regola da seguire è quella di mantenerli in buone salute. Se abbiamo ancora due terzi di un ombretto scaduto va buttato via, lo stesso dicasi nel caso del fondotinta, del fard, e di altri trucchi e creme, e oli per la detersione o nutrizione della pelle.

Il consiglio che danno anche gli esperti, è sicuramente anche quello di non rimanerli in borsa.

Gli astucci con i trucchi devono essere conservati in luoghi ben asciutti e non troppo caldi, esposti al sole. Il clima caldo-umido è preferito per la proliferazione dei batteri.

Particolare attenzione posta anche per lucidalabbra e rossetti. Si raccomanda di chiuderli sempre in modo molto accurato e se si ha herpes o afte di gettarli via.

Infine, mai condividere prodotti con persone della stessa famiglia o estranee. Sono di uso strettamente personale.

Frutta con pochi zuccheri per dimagrire

Pubblicato il 11 Dic 2019 alle 6:35am

Se si vuole perdere chili di troppo, non si deve necessariamente dire addio alla frutta, eliminandola completamente dalla nostra alimentazione. Perché convinti che faccia male, essendo ricca di zuccheri. Perché, se è vero che alcuni tipi di frutta, non vanno certamente bene con la nostra linea, altri invece sono da includere necessariamente e non escludere.

Nello specifico, il sito Shape elenca una serie di frutti che potrebbero essere inclusi anche in un regime alimentare cheto. Vediamo quali sono.

– I limoni. Un limone fornisce 24,4 calorie, 7,8 grammi di carboidrati e 2,4 grammi di fibre. Equivale dunque a 5,4 grammi di carboidrati netti ed è ricco di vitamina C.

– Mirtilli. Una tazza di mirtilli freschi fornisce 84,4 calorie, 21,4 grammi di carboidrati, 3,6 grammi di fibre e 17,8 grammi di carboidrati netti. Mangiarli può essere un aiuto per migliorare la funzione dei vasi sanguigni e diminuire la pressione arteriosa. È in chi ne ha assunto 200 grammi per un mese uno studio ha osservato questi benefici, per lo più attribuibili al ‘blu’ di questi frutti dato dagli antociani, un tipo di fitochimico con proprietà antiossidanti responsabile di questi colori.

– Lamponi. Ottima opzione low carb da incorporare in una dieta a basso contenuto di carboidrati. Una tazza di lamponi freschi fornisce 64 calorie, 14,7 grammi di carboidrati e 8,0 grammi di fibre (o 6,7 grammi di carboidrati netti che è inferiore rispetto ad altri frutti di bosco).

– Lime. Contiene 20,1 calorie, 5,2 grammi di carboidrati netti e 1,9 grammi di fibre. Poi ci sono le fragole e apporta 46,1 calorie, 11,1 grammi di carboidrati e 2,9 grammi di fibre, ovvero 8,2 grammi di carboidrati netti. Bene anche l’anguria. Una tazza di frutta a dadini fornisce 45,6 calorie, 11,5 grammi di carboidrati e 0,6 grammi di fibre (o 10,9 grammi di carboidrati netti).

Avocado. Un intero frutto fornisce 322 calorie, 17,1 grammi di carboidrati, 13,5 grammi di fibre alimentari e 29,5 grammi di grassi per lo più monoinsaturi.

More: aiutano a combattere il colesterolo cattivo nel sangue. Dicasi lo stesso, per il melone di Cantalupo.

Solo nel 2018 morte 140mila persone per morbillo. Soprattutto bambini

Pubblicato il 11 Dic 2019 alle 6:35am

Solo nel 2018 sono state 140mila, le vittime morte per morbillo. Soprattutto bambini di meno di 5 anni. Dati impressionanti per una malattia evitabile con la vaccinazione e che denota un fallimento collettivo, spiega l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il fatto che un bambino muoia a causa di una malattia prevenibile tramite la vaccinazione è francamente un’offesa”, (in inglese outrage, una cosa che indigna), ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreysus, direttore generale dell’Oms, “e un fallimento collettivo nella protezione dei bambini più vulnerabili in tutto il mondo”.

“Per salvare vite dobbiamo assicurare che ogni persona possa beneficiare dei vaccini”, prosegue il direttore Oms, “il che implica di investire nell’immunizzazione e nella qualità delle cure sanitarie come un diritto per tutti”. I paesi più colpiti dalle epidemie, con circa la metà dei casi verificati ed esaminati, sono Congo, Liberia, Madagascar, Somalia e Ucraina. E il 2019 vede purtroppo in prima linea le isole Samoa.

Il problema del morbillo non riguarda però soltanto i paesi a medio-basso reddito ma anche Usa, dove si è registrato il più alto numero di casi degli ultimi 25 anni, mentre in ben quattro paesi europei – Albania, Repubblica Ceca, Grecia e Regno Unito – il morbillo, che era stato completamente eliminato, ha fatto la sua ricomparsa.

In Africa, si sono registrati 1,8 milioni di contagi con quasi 53mila morti, in America (sia del Nord, sia centrale sia del Sud), quasi 84mila i casi, verificati, nelle regioni del Mediterraneo orientale quasi 3 milioni di casi e 49mila morti, in Europa (862mila).

‘Nuove Gallerie di Leonardo’, a Milano la mostra nell’anno delle celebrazioni del 500esimo anniversario dalla morte del grande genio

Pubblicato il 11 Dic 2019 alle 6:19am

Si parla di 170 opere, 39 installazioni multimediali (sviluppate con l’ausilio di 36 videoproiettori laser Sony equipaggiati con ottiche adatte alle varie installazioni), una superficie espositiva di oltre 1.300 metri quadrati. L’Italia ha dedicato a Leonardo da Vinci, al suo genio più illustre di sempre, a uno dei figli che ne esaltano il senso di orgoglio e appartenenza, un ‘tesoro’ destinato a entrare nei circuiti più visitati di Milano, la città per eccellenza dell’innovazione e della modernità del nostro Paese. (altro…)