dicembre 27th, 2019

Mangiare molto la sera mette a rischio di malattie cardiovascolari e non solo

Pubblicato il 27 Dic 2019 alle 7:55am

Mangiare molto di sera fa aumentare il rischio di malattie cardiovascolari come ad esempio, infarto, ma anche diabete, soprattutto se si è donna. E’ quanto è emerso da un recente studio presentato nel corso della sessione scientifica dell’American Heart Association a Philadelphia.

I ricercatori hanno seguito un campione di 112 donne con un’età media di 33 anni e coloro che assumevano molte calorie dopo le 18 avevano generalmente una salute cardiaca peggiorata. In particolare, più era la quantità di calorie assunta la sera più saliva la pressione sanguigna, aumentava l’indice di massa corporea e il livello di zuccheri nel sangue.

Peggiorava la salute e si allargava il girovita. A sottolinearlo l’autore principale dello studio, Nour Makarem, “questi risultati preliminari indicano che un’alimentazione consapevole dei tempi e della percentuale di calorie nei pasti serali può rappresentare un comportamento semplice e modificabile che può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache”.

Già in passato un altro studio, condotto nel 2017 alla Perelman School of Medicine della University of Pennsylvania, aveva evidenziato che mangiare tardi fa male alla salute, influenzando in modo negativo il metabolismo lipidico, facendo salire i livelli di insulina e colesterolo e aumentando così anche il rischio di imbattersi nel diabete e patologie cardiovascolari.

Diabete, trovate cellule bersaglio e possibili cure

Pubblicato il 27 Dic 2019 alle 6:46am

I microscopici ‘canali’ molecolari, presenti sulle membrane delle cellule che producono insulina sono al centro dello sviluppo del diabete e di una possibile terapia. Si è visto infatti che se questi canali (che fanno entrare molecole di calcio nella cellula) sono ‘iperattivi’; il risultato causa pertanto uno scompenso della secrezione dell’ormone che regola la glicemia.

A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica PNAS e condotto presso l’Istituto Karolinska di Stoccolma.

Gli esperti hanno visto che se questi canali di trasporto della membrana cellulare, chiamati CaV3.1, sono presenti in numero elevato, entra troppo calcio nelle cellule e, conseguentemente, queste vedono ridursi la propria capacità di rilasciare insulina. Secondo gli scienziati, infatti, bloccare questi canali, potrebbe rappresentare una nuova via nel trattamento del diabete.

Gli esperti hanno lavorato su modelli animali di diabete sia di tipo 1, sia di tipo 2 e su cellule beta (quelle che producono insulina) e documentato il coinvolgimento di un eccessivo funzionamento di questi canali di membrana.

Comportamenti strani del cane, che cosa ci fanno capire?

Pubblicato il 27 Dic 2019 alle 6:06am

Se il cane si comporta male o in modo molto strano, mettendo in atto comportamenti aggressivi, fobici, di iperattività o depressione, potrebbe essere stato colpito da problemi o patologie di vario tipo.

Le possibilità sono a dir poco infinite: si potrebbe trattare di disfunzioni tiroidee, alimentazione sbagliata, reazioni avverse a medicinali o vaccini. Prima di rivolgersi a un esperto nel comportamento canino, potrebbe essere necessario agire sulla salute di Fido: scopriamo insieme come.

Se il cane cambia comportamento per una disfunzione tiroidea

Le malattie della tiroide sono tra le principali cause correlate alla salute che causano cambiamenti nel normale comportamento del cane. I segnali più comuni includono comportamenti di svariato genere che spesso si alternano in modo confuso e disordinato, tra cui: aggressività verso persone e altri animali, disturbi convulsivi in età adulta, disorientamento, temperamento triste, iperattività, fobie, ansia, sottomissione, depressione.

Di solito, dopo un episodio di comportamento anomalo legato a un problema di salute tiroidea, il cane appare disorientato e non capisce cosa è appena accaduto.

Se il cane soffre di allergie Alcuni cani mostrano comportamenti insoliti e spesso anche indesiderati in concomitanza di una reazione allergica ad antiparassitari per pulci e zecche: in questi casi, il cane mostra malattie della pelle o del pelo, alopecia, dermatite allergica e piodermite.

Reazione avversa alle vaccinazioni nel cane Il cane può mostrare comportamenti indesiderati anche nel caso di una reazione avversa ad alcune tipologie di vaccinazioni: che possono scatenare gravi infiammazioni come ad esempio encefalite. Nel momento in cui le sostanze avverse contenute nella vaccinazione raggiungono il cervello, si mostrano anche cambiamenti di natura comportamentale.

A seguito delle prime vaccinazioni, i cuccioli spesso cambiano il loro comportamento abituale. Se prendiamo ad esempio gli studi sulla vaccinazione contro la rabbia, si riscontrano episodi di aggressività, paura, mancanza di controllo degli impulsi. Per ridurre questi effetti collaterali, è possibile ricorrere ad alcuni rimedi omeopatici per cani da somministrare sotto consiglio del veterinario.

I sonniferi fanno bene o fanno male?

Pubblicato il 27 Dic 2019 alle 6:04am

I sonniferi per regolare il sonno fanno bene o fanno male? (altro…)