gennaio 1st, 2020

Aceto di mele, gli 8 benefici per la salute

Pubblicato il 01 Gen 2020 alle 7:29am

L’aceto di mele, ottimo alleato in cucina è ideale anche per il benessere fisico, in quanto possiamo apprezzarne benefici e proprietà. (altro…)

Pennichella, fa bene alla memoria

Pubblicato il 01 Gen 2020 alle 7:08am

La pennichella, per chi non dorme a sufficienza, diventa un sostegno fondamentale quando occorre “fissare” il ricordo nella memoria a lungo termine. (altro…)

Fiction d’autore del 2020, dai Papi alle Amiche geniali

Pubblicato il 01 Gen 2020 alle 6:52am

Queste le più importanti fiction che vedremo nei primi mesi del 2020

Gennaio d’autore

La prima fiction che va in onda, è l’opera kolossal del premio Oscar Paolo Sorrentino, che dal 10 gennaio approda su Sky Atlantic con l’attesissima The New Pope e che esplora di nuovo i misteri del Vaticano mettendo insieme due pontefici, Jude Law (protagonista di The young Pope) e John Malkovich. Guest star Sharon Stone e Marilyn Manson. Scritta da Paolo Sorrentino con Umberto Contarello e Stefano Bises, è prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside, parte di Fremantle, e co-prodotta da Haut et Court Tv e The Mediapro Studio.

Il 13 gennaio su Rai 1 andrà in onda La guerra è finita, la serie creata da Sandro Petraglia diretta da Michele Soavi. Il racconto inizia poco dopo la Liberazione, nei mesi in cui i sopravvissuti alle deportazioni tornano a casa. Tra questi, anche bambini e adolescenti che non troveranno nessuna famiglia ad accoglierli. Prodotta da Palomar con Rai Fiction è interpretata, tra gli altri, da Michele Riondino, Isabella Ragonese, Valerio Binasco, Andrea Bosca, Carmine Buschini.

13 e 20 gennaio vanno in onda su Sky Cinema Uno, disponibili anche on demand su Sky e Now Tv, due nuovi episodi de I delitti del BarLume di Roan Johnson, ispirati dal libri di Marco Malvaldi. Torna a casa il “barrista” Massimo Viviani (Filippo Timi) e ritrova gli amici di sempre: Alessandro Benvenuti, Stefano Fresi, Corrado Guzzanti, Lucia Mascino e Enrica Guidi.

Febbraio

Dopo che i primi due episodi della nuova stagione saranno presentati in anteprima nelle sale il 27, 28 e 29 gennaio, distribuiti in esclusiva da Nexo Digital, il 10 febbraio su Rai 1 L’amica geniale – Storia del nuovo cognome di Saverio Costanzo con Alice Rohrwacher che firma due puntate. Lila (Gaia Girace) ed Elena (Margherita Mazzucco) hanno sedici anni e si sentono in un vicolo cieco. Lila si è appena sposata ma, nell’assumere il cognome del marito, ha l’impressione di aver perso se stessa. Elena è ormai una studentessa modello ma, durante il banchetto di nozze dell’amica, ha capito che non sta bene né nel rione né fuori. In vacanza a Ischia le ragazze ritrovano Nino Sarratore (Francesco Serpico), amico d’infanzia diventato studente universitario di belle speranze. L’incontro cambierà per sempre la natura del loro legame, proiettandole in mondi completamente diversi. Scritta da Elena Ferrante con Francesco Piccolo, Laura Paolucci e Saverio Costanzo, la serie è prodotta da The Apartment e Wildside, parte di Fremantle e Fandango in collaborazione con Rai Fiction, in collaborazione con Hbo Entertainment e in co-produzione con Umedia.

14 febbraio debutta su Sky Atlantic il kolossal crime della stagione, ZeroZeroZero di Stefano Sollima dal libro di Roberto Saviano, produzione girata in tre continenti. Otto episodi – interpretati da Andrea Riseborough, Dane DeHaan, Gabriel Byrne, Harold Torres, Giuseppe De Domenico e Adriano Chiaramida – che raccontano il narcotraffico, i sistemi criminali e familiari violenti, la sete di potere. Ma soprattutto come i cartelli messicani, la ‘ndrangheta e uomini d’affari americani corrotti si contendano la supremazia delle rotte della merce più distribuita al mondo: la cocaina. Dai villaggi più poveri ai grattacieli di New York, quasi un anno di riprese (dietro la macchina da presa Sollima, Janus Metz e Pablo Trapero) per la serie prodotta da Cattleya – parte di Itv Studios – e Bartlebyfilm per Sky, Canal+ , Amazon Prime Video e Studiocanal Tv.

Primavera con Camilleri Il marzo di Rai 1 è nel segno di Andrea Camilleri con tre nuovi episodi del Commissario Montalbano, alla quattordicesima stagione. Nella trama di Il metodo Catalanotti, Salvo Montalbano (Luca Zingaretti) indaga su un delitto, e nel paese arriva l’impresario teatrale Carmelo Catalanotti, personaggio ambiguo. Mentre un doppio mistero è al centro di La rete di protezione, con Vigàta in agitazione per le riprese di una fiction ambientata nel 1950. In Salvo amato, Livia mia, Montalbano deve riuscire a risolvere a distanza l’omicidio di una cara amica della sua compagna Livia. Cast: Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo e Sonia Bergamasco. Il 6 aprile andrà in onda il film di Roan Johnson tratto dal romanzo storico di Camilleri, il suo preferito: La concessione del telefono con Alessio Vassallo nei panni di Genuardi, povero commerciante di legnami schiacciato dalla burocrazia per aver richiesto una linea telefonica. Grande cast: Corrado Guzzanti, Fabrizio Bentivoglio, Thomas Trabacchi.

Storie di donne e altri racconti Da tenere d’occhio su Rai1 le storie al femminile: Elena Sofia Ricci è la protagonista di Vivi e lascia vivere di Pappi Corsicato, che firma la sceneggiatura con Monica Rametta, Valia Santella, Giulia Calenda, Marco Pettenello e Camilla Paternò. Interpreta il ruolo di Laura, cuoca in una mensa, due figli adolescenti e un’altra figlia più grande con la quale ha un rapporto conflittuale. Il marito suona a bordo delle navi da crociera. Una vita apparentemente come tante fino al giorno in cui, di ritorno da un misterioso viaggio, convoca i figli per annunciare che l’uomo è morto a Tenerife. Laura si reinventa un lavoro, che trasforma in un’impresa al femminile, ma il passato ritorna. Nel cast Antonio Gerardi, Silvia Mazzieri, Carlotta Antonelli, Giampiero De Concilio e Massimo Ghini. Ricci è anche protagonista della biografia dedicata alla scienziata Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina nel 1986. Una piccola grande donna: Rita Levi Montalcini, prodotto da Cosmo Production, è diretto da Alberto Negrin. Andrea Molaioli firma la regia di Bella da morire scritto da Filippo Gravino, Flaminia Gressi, Davide Serino. L’ispettrice di polizia Eva Cantini indaga sulla morte di Gioia Scuderi, la reginetta dai sogni infranti, la più bella del paese trovata morta in fondo al lago. Un’alleanza tra donne diverse – un detective, un magistrato e un medico legale – per cercare la verità e dare giustizia a una ragazza diversa da tutte le altre, la cui unica colpa era amare e voler essere amata. Grande cast: Cristiana Capotondi, Matteo Martari, Lucrezia Lante della Rovere, Margherita Laterza, Benedetta Cimatti, Gigio Alberti, Elena Radonicich, Paolo Sassanelli, Anna Ferruzzo, Fausto Maria Sciarappa, Denis Fasolo. La serie è prodotta da Cattleya con Rai Fiction.

Poliziotti in cerca di giustizia Valerio (Alessandro Gassmann) è un ex poliziotto disilluso, espulso dalla Polizia in circostanze poco chiare; lavora come benzinaio e indaga sul presunto suicidio del figlio.

Io ti cercherò di Gianluca Maria Tavarelli – interpretata da Maya Sansa, Andrea Sartoretti, Luigi Fedele – è scritta da Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli, Monica Rametta, Massimo Bavastro. La serie è una coproduzione Rai Fiction-Publispei. Tratta dai romanzi di Maurizio de Giovanni (editi da Einaudi) la serie del Commissario Ricciardi è diretta da Alessandro D’Alatri con Lino Guanciale è una delle più attese del 2020. Napoli, 1932. Luigi Alfredo Ricciardi ha trent’anni ed è commissario della Mobile. Si porta dentro un terribile segreto, una maledizione ereditata dalla madre: vede il fantasma delle persone morte in modo violento. Come si può invitare una donna a condividere la vita con un uomo tormentato dai fantasmi dei morti, che gli sussurrano per giorni il loro ultimo pensiero? Coproduzione Clemart-RaiFiction, la serie è scritta da De Giovanni con Salvatore Basile, Doriana Leondeff, Viola Rispoli. Nel cast oltre a Guanciale, Serena Iansiti, Maria Vera Ratti, Antonio Milo, Enrico Ianniello, Fabrizia Sacchi, Nunzia Schiano, Peppe Servillo, Mario Pirrello, Adriano Falivene, Massimo De Matteo, Susy Del Giudice, Marco Palvetti.

Sanremo 2020, ecco chi sono i cantanti in gara annunciati da Amadeus

Pubblicato il 01 Gen 2020 alle 6:40am

Amadeus, sarà il conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo 2020, e in un’intervista rilasciata a Repubblica ha annunciato i nomi dei cantanti in gara per l’edizione 70esima nella storia del più importante concorso canoro italiano. I cantanti saranno divisi tra 22 “Big” e 8 “Nuove proposte”, a differenza dell’anno passato quando le due sezioni erano state accorpate. Nell’intervista Amadeus ha detto di aver scelto i cantanti badando «soltanto alle canzoni, che fossero dei pezzi radiofonici, delle potenziali hit».

Amadeus ha inoltre annunciato che tra gli ospiti ci saranno Fiorello, Roberto Benigni, Salmo e Tiziano Ferro (quest’ultimo tutte e cinque le serate), mentre non si sa ancora chi sarà l’ospite internazionale. Amadeus ha anche detto che non ci saranno co-conduttrici fisse, come nelle passate edizioni, ma diverse donne che si alterneranno nelle varie puntate: tra queste, la giornalista Rula Jebreal.

I “Big” in gara

– Marco Masini – Alberto Urso – Elettra Lamborghini – Achille Lauro – Anastasio – Bugo e Morgan – Diodato – Elodie – Enrico Nigiotti – Francesco Gabbani – Giordana Angi – Irene Grandi – Le Vibrazioni – Levante – Junior Cally – Michele Zarrillo – Paolo Jannacci – Piero Pelù – Pinguini Tattici Nucleari – Rancore – Raphael Gualazzi – Riki

Le “Nuove Proposte”

– Eugenio in Via Di Gioia – Fadi – Fasma – Gabriella Martinelli e Lula – Leo Gassmann – Marco Sentieri – Matteo Faustini – Tecla Insolia