gennaio 20th, 2020

Quando la sepsi causa una morte su 5

Pubblicato il 20 Gen 2020 alle 8:41am

Sembra assurdo, ma il 20% dei decessi è causato proprio dalla sepsi. L’allarme è stato lanciato da uno studio condotto dall’Università di Washington negli Stati Uniti d’America, che ha annunciato che i numeri sono il doppio di quello stimato fino al momento dello studio. La maggior parte dei casi avviene nei Paesi poveri o in via di sviluppo, ma anche il ricco Occidente deve fare i conti con la sepsi.

Cos’è la sepsi? Killer nascosto, spesso difficile da identificare, è una malattia caratterizzata dalla presenza di batteri nel sangue, che una volta entrati in circolo attraverso i vasi sanguigni cominciano a crescere e a proliferare, causando una grave infezione. Sono maggiormente esposte le persone che hanno un sistema immunitario compromesso. Anziani e bambini i più colpiti.

Nella maggior parte dei casi accade che subentri, perché si cura male o non si cura proprio un processo infiammatorio di origine batterica, come ad esempio nel caos di un ascesso dentale.

Tra i sintomi principali, febbre elevata, pressione bassa, aumento della frequenza respiratoria, violenti brividi e confusione mentale.

Lo studio in questione, si è concentrato su 195 Paesi, dimostrando che i casi di sepsi sono quasi 50.000.000 l’anno e precisamente 49.000.000. I morti salgono così a 11.000.000. Questo significa che il 20% delle morti ogni anno si devono proprio a questa malattia.

Chi sono i più colpiti? Le persone più colpite quelle fragili, come anziani, bambini e persone allettate o comunque a lungo degenza in ospedale. Dal punto di vista geografico l’85% dei casi avviene nei Paesi poveri o in via di sviluppo. Ma anche in Italia, Gran Bretagna, Francia, Spagna e Canada la sepsi rappresenta una sfida per le autorità sanitarie. Nel nostro Paese nel 2016 – è questo l’ultimo dato raccolto – 49.301 le persone che hanno perso la vita per questa malattia e il dato è in forte espansione.

Terapie antisepsi Accanto alla terapia antibiotica e alla nutrizione per via endovenosa possono possibili:

– emodialisi, – assistenza respiratoria anche artificiale, – farmaci per sostenere la pressione, – emotrasfusione.

Aspirina, una valida alleata della pelle

Pubblicato il 20 Gen 2020 alle 7:42am

All’aspirina è un’ottima alleata anche della nostra pelle oltre che del raffreddore. L’acido acetilsalicilico fa bene alla salute della pelle. Quella pastiglia bianca che tutti possediamo in casa, possiede grandi potenzialità per quanto riguarda la bellezza della nostra pelle. Vi state chiedendo come? Vediamo subito. (altro…)

Birds of Prey, al cinema dal 6 febbraio

Pubblicato il 20 Gen 2020 alle 6:52am

Arriva al cinema, il prossimo 6 febbraio “Birds of Prey” (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn), un film di genere Azione, Fantastico, Avventura, Poliziesco del 2020 diretto da Cathy Yan con Margot Robbie e Mary Elizabeth Winstead. Distribuito in Italia da Warner Bros. Paese di produzione: USA.

La trama

Harley Quinn unisce le forze con Black Canary, Barbara Gordon/Batgirl e Huntress per combattere il pericoloso criminale Black Mask. A quattro anni di distanza dagli eventi raccontati in Suicide Squad, Harley Quinn ha ormai abbandonato Joker e cerca di superare la rottura annegando i dispiaceri nel cibo spazzatura e in qualche… emozione scoppiettante. A Gotham per la prima volta da sola, Harley inizia a gradire il gusto piacevole dell’indipendenza. Il suo passato sentimentale le ha procurato però non pochi nemici: anche la nuova Harley è perseguitata da un sacco di gente che vuole farla fuori, ad iniziare dal nuovo re del crimine, Black Mask. Nel frattempo escono allo scoperto altre tre donne tutto fuoco: Black Canary, il cui vero nome è Dinah Lance, dotata di un potente urlo ultrasonico; Huntress, ovvero Helena Bertinelli, un’eccellente combattente discendente di una famiglia mafiosa italoamericana; e l’agente di polizia Renée Montoya. Black Mask dà la caccia a ognuna di loro e, in virtù di tale certezza, Harley metterà in pratica una delle sue fantasmagoriche idee: perché non fare squadra tutte insieme e sconfiggere il nemico? Nonostante l’iniziale disaccordo, quando anche la vita della giovanissima Cassandra Cain viene minacciata dal cattivo, le tre donne decidono di unirsi ad Harley. Nascono così le Birds of Prey, un team di vigilanti tutto al femminile. Questa sembra essere anche un’ottima occasione per dimenticare per sempre il Joker perduto…

Super antibiotici, riducono la mortalità dal 50% al 10%

Pubblicato il 20 Gen 2020 alle 6:28am

Sono stati sperimentati con successo, i nuovi super-antibiotici: in grado di ridurre la mortalità causata da infezioni resistenti dal 50-55% al 10-15%, una diminuzione di un terzo che equivarrebbe a evitare circa 3.000 morti l’anno in Italia causati dai super batteri anche spesso volte molto resistenti.

A dimostrarlo, degli studi clinici recenti, internazionali, di fase tre presentati al convegno sull’antibioticoresistenza organizzato a Genova dalla Fondazione internazionale Menarini.