Coronavirus, orari ridotti, acquisti e uscite: cosa cambia al supermercato

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 19 Mar 2020 alle ore 6:32pm

Arriva la stretta per corsette e passeggiate all’aria aperta, ammesse solo per “comprovate necessità”. Stop anche a supermercati sempre aperti (specialmente nel week-end) dove le persone passano il tempo per sfuggire alla quarantena.

Per quanto riguarda i negozi di alimentari?

I sindacati stanno pensando di applicare aperture più ridotte.

Un’ordinanza della Regione Lazio comprime già gli orari dei supermercati, aperti tutti i giorni dalle 8.30 fino alle 19 e la domenica fino alle 15. Il provvedimento ribadisce, inoltre, che i gestori delle attività commerciali aperte devono garantire l’accesso agli esercizi con modalità contingentate e che comunque permettano di evitare assembramenti, in modo che sia garantita la distanza interpersonale di almeno un metro, pena la sospensione dell’attività in caso di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, gli esercizi dovranno essere chiusi.

Nelle altre regioni, molti negozi hanno già ridotto l’orario e alcuni hanno deciso di tenere le serrande abbassate tutte le domeniche fino alla fine dell’emergenza sanitaria per poter sanificare gli ambienti di lavoro e, soprattutto, dare riposo ai dipendenti sotto pressione.