aprile 9th, 2020

Grande Fratello Vip, vince Paola Di Benedetto, che dona l’intero montepremi alla protezione civile per emergenza da Covid-19

Pubblicato il 09 Apr 2020 alle 3:30pm

Il Grande Fratello Vip viene vinto da Paola Di Benedetto, ex ‘Madre Natura’, già concorrente dell’Isola dei famosi. La modella, dopo 92 giorni di reclusione, è riuscita ad imporsi con il 56% delle preferenze dei telespettatori. Il reality di Canale 5, condotto da Alfonso Signorini, abbassa il sipario aggiudicandosi la serata degli ascolti con 4.544.000 spettatori pari al 23.17% di share, con una vincitrice che ha atteso la proclamazione per annunciare la cosa più inaspettata: l’intenzione di voler devolvere in beneficenza l’intero montepremi, non solo la metà (come prevede il regolamento Mediaset), per un totale di 100.000 euro, a favore della Protezione civile per fronteggiare l’emergenza da coronavirus.

Medaglia d’argento invece, per Paolo Ciavarro, terzo classificato Sossio Aruta, quarto Patrick Ray Pugliese, dato per favorito alla vigilia.

L’emergenza pandemia ha condizionato anche la finale del programma condotto da Alfonso Signorini, senza pubblico ma con la trovata degli autori di trasmettere fragorosi applausi registrati inviati dagli telespettatori. Paola è fidanzata con Federico Rossi, voce del duo Benji e Fede, ma è anche la seconda donna a vincere l’edizione vip del GF, dopo la prima conquistata da Alessia Macari.

Terapia del diabete tipo 2 ai tempi del Covid-19 “I DDP-4 inibitori proteggono dall’infezione?”

Pubblicato il 09 Apr 2020 alle 6:41am

L’assunzione degli DPP-4, farmaci utilizzati nel diabete di tipo 2, può proteggere da rischio di contrarre l’infezione da nuovo coronavirus? E’ la notizia rimbalzata sulla stampa in questi giorni, in seguito alla pubblicazione di un lavoro sulla rivista ‘Diabetes Research and Clinical Practice’ a firma del professor Gianluca Iacobellis dell’Università di Miami. I pazienti hanno tempestato di telefonate i loro diabetologi, alla ricerca di conferme e di spiegazioni. Ma anche chiedendo la prescrizione di questi farmaci dalle supposte inaspettate performance. Ma è giusto fare un po’ di chiarezza. Per i pazienti innanzitutto. “Alcuni virus della famiglia dei Coronavirus – ricorda il professor Gianluca Perseghin, ordinario di Endocrinologia, Università Milano Bicocca, Medicina Metabolica, Policlinico di Monzae Coordinatore del Comitato Scientifico della Società Italiana di Diabetologia – per poter entrare nelle cellule del nostro polmone potrebbero doversi legare al recettore DPP-4 (che è presente anche nel nostro sistema respiratorio). I farmaci della classe dei DPP4-inibitori quindi si potrebbero opporre in via teorica all’ingresso del virus nelle nostre cellule (Letko M et al Nature Microbiology, Marzo 2020). Attualmente però questa possibilità è stata solo ipotizzata sulla base di dati generati in modelli animali e richiederà diversi studi meccanicistici per essere dimostrata. Nel frattempo potranno solo essere le valutazioni epidemiologiche già in corso in tutto il mondo nei pazienti affetti da diabete, che hanno contratto in queste settimane l’infezione da Covid-19, a sostenere o confutare l’ipotesi della possibile protezione associata all’uso dei DDP4-i, o meno”. “In caso di infezione da coronavirus – affermano il dottor Paolo Di Bartolo, presidente dell’Associazione Medici Diabetologi AMD e il professor Francesco Purrello, presidente della Società Italiana di Diabetologia SID – importante è mantenere un adeguato controllo glicemico, intensificare i controlli della glicemia e se necessario anche dei chetoni nel sangue o nelle urine. Il passaggio da una terapia orale ad una terapia insulinica è opportuno in caso di ospedalizzazione”. I dati epidemiologici disponibili ad oggi si limitano a suggerire che:

1) il diabete non aumenta il rischio di contrarre l’infezione da Covid-19; 2) una volta contratta, l’infezione sembrerebbe associarsi a rischi maggiori di complicanze rispetto alle persone che non hanno il diabete (Fadini GP et al J EndocrinolInvest, Marzo 2020), confermando peraltro quello che già sappiamo in relazione ad altre infezioni più comuni a cui siamo abituati, come ad esempio quella influenzale, per la quale la vaccinazione non a caso è fortemente raccomandata nei pazienti con diabete. “Nel caso in cui il paziente contragga l’infezione da COVID-19 – raccomanda il dottor Marco Gallo, SCU Endocrinologia Oncologica, AOU Città della Salute e della Scienza di Torino–Molinette e componente Comitato Scientifico di AMD – è importante che contatti il medico curante e il suo centro diabetologico, soprattutto nel caso in cui non venga ricoverato in ospedale, ma rimanga presso il proprio domicilio perché affetto da una forma con sintomi lievi; il contatto con il diabetologo infatti, diventa necessario per ottimizzare la sua terapia anti-diabete, come accade anche quando si contrae una malattia infettiva intercorrente più comune”. Dal punto di vista pratico al momento è fondamentale che i pazienti affetti da diabete seguano scrupolosamente le raccomandazioni igieniche e di distanza sociale, volte a minimizzare in rischio di contrarre l’infezione e che proseguano attentamente le raccomandazioni nutrizionali e le terapie farmacologiche in corso, in modo da ottenere e mantenere un buon controllo metabolico.

Cellulite: combatterla è possibile anche da casa!

Pubblicato il 09 Apr 2020 alle 6:19am

La cellulite, è il punto debole di noi donne, per combatterla abbiamo letto articoli, seguito suggerimenti di amiche, visto pubblicità di ogni tipo e provato qualsiasi tipo di crema. (altro…)

Coronavirus: una macchina in grado di sterilizzare le mascherine

Pubblicato il 09 Apr 2020 alle 6:15am

Azienda della provincia di Pavia ha progettato una macchina per sterilizzare le mascherine e poterle riutilizzare in tempi rapidi. La “De Lama”, che ha sede a San Martino Siccomario (Pavia). ditta leader nella produzione di sterilizzatori per l’industria farmaceutica, ha inviato il prototipo all’ospedale Policlinico San Martino di Genova dove verrà sperimentato. A darne notizia è il 6 aprile, “il Ticino”, settimanale della Diocesi di Pavia.

La macchina (creata dopo uno studio effettuato da una team di scienziati e tecnici di diverse industrie e università) è in grado di decontaminare anche migliaia di mascherine in un’ora.

Marco Bianchi, responsabile comunicazione e marketing dell’azienda pavese “In particolare le famose mascherine FFP2 e FFP3 sono diventate un bene raro. La nostra idea è quella di consentire una rapida decontaminazione delle mascherine, per favorirne un rapido rutilizzo negli ospedali”.