aprile 16th, 2020

Paracetamolo, potrebbe portare a conseguenze fatali, soprattutto in questo periodo

Pubblicato il 16 Apr 2020 alle 8:28am

L’uso improprio del paracetamolo potrebbe portare a conseguenze fatali. A dirlo, è Thierry Berney, capo del reparto trapianti degli Ospedali Universitari di Ginevra (HUG). Le raccomandazioni dei farmacisti e dei medici devono quindi essere rigorosamente rispettate. (altro…)

Coronavirus e quei danni a cuore e reni

Pubblicato il 16 Apr 2020 alle 7:15am

La sindrome respiratoria acuta grave, legata al Covid-19 può attaccare anche il miocardio. Studi recenti hanno valutato il livello ematico di marker cardiaci, sostanze normalmente presenti nel muscolo cardiaco, ma che vengono rilasciate nella circolazione solo se il miocardio è danneggiato o necrotico, scoprendo che rispetto ai pazienti senza malattie cardiache, quelli che hanno sviluppato questo tipo di lesione erano più anziani (età media 74 anni contro 60 anni).

La presenza di una patologia preesistente (ipertensione, diabete, malattia coronarica, insufficienza cardiaca, malattia cerebrovascolare) era più frequente nei pazienti che hanno avuto un coinvolgimento cardiaco. Ma soprattutto, i pazienti con patologie cardiache erano quelli (il 58%) che presentavano un disturbo respiratorio acuto rispetto agli altri (4%). Tra questi, il tasso di mortalità era significativamente più alto (51%) rispetto ai pazienti senza coinvolgimento cardiaco (4,5%). Recenti articoli pubblicati su JAMA Cardiology, come quello dell’Università del Texas, hanno inoltre rilevato miocarditi (infezioni al cuore), vasculiti (ai vasi sanguigni), aritmie, insufficienza cardiaca e altre condizioni all’apparato cardiocircolatorio in pazienti affetti da COVID-19, anche in chi aveva un cuore perfettamente sano prima di restare contagiato. E non è un caso che l’ipertensione e le cardiopatie siano associate a un rischio di mortalità più elevato per i pazienti colpiti dal coronavirus.

Altri organi fortemente esposti al coronavirus sono i reni, in particolar modo, i tubuli dei nefroni deputati alla filtrazione del sangue, tanto che i pazienti più gravi possono sviluppare un’insufficienza renale acuta potenzialmente fatale. “Nelle autopsie finora condotte, si è visto che un terzo dei pazienti è deceduto a causa di un’insufficienza renale acuta. Sappiamo che l’infezione determina un aumento della microcoagulazione del sangue nei vari organi. Alcune persone potrebbero essere morte perché i reni si sono bloccati proprio a causa di questo evento”, a spiegarlo il professor Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG).

Fmi: cala del 3% il pil mondiale nel 2020, peggior recessione dal 1930

Pubblicato il 16 Apr 2020 alle 6:01am

Pil in calo del 3% nell’anno corrente, ovvero 6,3 punti percentuali in meno rispetto alle stime fatte a gennaio, ancor prima dell’arrivo del covid-19.

Questo è quanto annuncia Fmi definendo il ‘Great Lockdown’, la grande chiusura, la recessione peggiore dalla Grande Depressione degli anni 1930 e decisamente peggiore anche della crisi del 2008 (pil -0,1%).

Le perdite complessive del pil mondiale per la pandemia da coronavirus ammontano a quasi 9.000 miliardi di dollari fra il 2020 e il 2021, più delle economie del Giappone e della Germania insieme. Il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, sottolinea che per la prima volta dalla Grande Depressione sono in recessione sia le economie avanzate che quelle in via di sviluppo.

Il Fondo prevede per il 2021 un pil in crescita del 5,8%, ma sottolinea… “i rischi sulle prospettive sono al ribasso”. Una contrazione del pil del 3% quest’anno e una parziale ripresa nel 2021 con una crescita del 5,8% sono lo “scenario di base” tenendo conto che la pandemia svanisca nella seconda metà di quest’anno.

“Se la pandemia non si dirada nella seconda parte dell’anno” il pil mondiale potrebbe calare “di più: un ulteriore 3% nel 2020 se la pandemia si protrarrà di più quest’anno. Se la pandemia continuasse nel 2021” il pil “potrebbe calare di un ulteriore 8% rispetto al nostro scenario di base”. “I paesi devono continuare a spendere generosamente sui loro sistemi sanitari. Mentre l’economia è ferma la politica deve anche assicurarsi che la popolazione sia in grado di centrare i proprio bisogni e le imprese siano in grado di partire una volta che la fase acuta della pandemia è passata – mette in guardia ancora, Gopinath -. Le ampie, tempestive e mirate politiche di bilancio e monetarie già prese sono state ancora di salvezza per le famiglie e le imprese. Questo sostegno deve continuare durante la fase del contenimento per minimizzare le cicatrici che potrebbero emergere dai deboli investimenti e dalle perdite di posti di lavoro”. “Siamo di fronte a una forte incertezza su quanto accadrà. Le risposte politiche nazionali e internazionali devono essere forti, dispiegate rapidamente e ricalibrate con l’emergere dei dati”.

E per quanto riguarda l’economia italiana, l’Fmi stima che si contrarrà quest’anno del 9,1% a causa del covid-19 dopo essere cresciuta dello 0,3% nel corso del 2019. Secondo il Fondo nel 2021 ci sarà poi una sottile ripresa, con il pil in aumento del 4,8%. Rispetto a gennaio 2020, quando le previsioni per l’Italia nel 2020 sono state riviste al ribasso del 9,6%, mentre quelle per il 2021 sono state alzate del 4,1%.