maggio 4th, 2020

Sterilizzazione delle mascherine con raggi Uv

Pubblicato il 04 Mag 2020 alle 7:16am

In Sicilia la prima mascherina in gomma riutilizzabile all’infinito e a Bergamo la Bergamask, sterilizzabile in microonde. (altro…)

Coronavirus, studio australiano: contagio in scuole “straordinariamente” basso, si consiglia distanza di 1,5 mt .

Pubblicato il 04 Mag 2020 alle 6:52am

Secondo lo studio Morrison il tasso di trasmissione nelle scuole del coronavirus è “straordinariamente” basso.

Lo studio in questione, svolto nel New South Wales, si è incentrato su studenti e personale scolastico positivi al Covid-19.

La ricerca del National Centre for Immunisation Research and Surveillance ha studiato i 18 casi di Covid-19 riscontrati nello Stato, in 15 delle 3000 scuole pubbliche.

Da qui è emerso che per 28 giorni i nove insegnanti e nove alunni contagiati e i loro 863 avevano contatti ravvicinati. Due soli casi di contagio, entrambi di alunni, e non risulta che alcuno di loro lo abbia trasmesso ad altri. “La nostra investigazione non ha trovato evidenze di alunni che abbiano infettato insegnanti”, ha sottolineato la responsabile della ricerca, l’immunologa Kristine Macartney.

“Abbiamo rilevato un tasso straordinariamente basso di trasmissioni nelle scuole ed è stata una sorpresa nella comunità pediatrica, perché siamo così abituati a vedere i bambini come ‘super diffusori’ di altri virus, specie dell’influenza”, ha aggiunto Macartney.

“Questo virus sembra diffondersi principalmente fra adulti. Non si è trasmesso fuori controllo nelle scuole perché i sistemi immunitari reagiscono differentemente quando la persona è giovane”. Il governo federale sta aumentando la pressione sugli stati perché facciano tornare le scuole alla normalità al più presto possibile, mentre le giurisdizioni statali continuano a adottare una varietà di approcci. Il primo ministro Scott Morrison ha detto che la consulenza medica al governo conferma che non è necessario applicare i requisiti di distanziamento sociale alle aule scolastiche, il che apre la strada al ritorno degli alunni a scuola. “La consulenza ricevuta è chiara: la distanza di 1,5 metri non è un requisito raccomandato nelle aule scolastiche”, ha dichiarato la specialista.

Studio cinese su Covid-19: tutti i malati sviluppano gli anticorpi

Pubblicato il 04 Mag 2020 alle 6:00am

I malati da Covid-19 sviluppano sempre anticorpi protettivi al virus. La conferma arriva da uno studio condotto dalla Chongqing Medical University, pubblicato sulla rivista Nature Medicine, che ha rilevato come nel 100% dei casi, i pazienti analizzati (285) presentano anticorpi IgG, cioè quelli prodotti durante la prima infezione e che proteggono a lungo termine. Ciò significa che il test sierologico può essere utile per diagnosticare i pazienti sospetti, risultati negativi al tampone, e identificare quelli asintomatici.

Finora non era stato ancora chiaro… se la risposta degli anticorpi al virus SarsCov2 durasse nel tempo e se il test sierologico potesse essere utile. In questa ricerca, guidata da Ai-Long Huang, si è visto che tutti i 285 pazienti studiati avevano sviluppato gli anticorpi specifici per il virus dopo circa 17-19 giorni dalla comparsa dei sintomi, mentre quelli con gli anticorpi IgM (quelli cioè che si attivano subito quando l’organismo entra in contatto con una nuova infezione, dando una protezione di breve durata) erano il 94,1%, dopo 20-22 giorni dall’inizio dei sintomi. Nelle prime 3 settimane dalla comparsa dei sintomi, c’è stato dunque un aumento di entrambi i tipi di anticorpi, anche se quelli IgM hanno mostrato un lieve calo nella terza settimana. Non sono stati invece trovati legami tra le caratteristiche cliniche di ogni paziente e il diverso livello di anticorpi.

Lo studio ha dimostrato inoltre l’utilità del test sierologico come metodo di sorveglianza su un gruppo di 164 contatti stretti dei pazienti positivi al Covid-19. Di queste persone, 16 erano risultate positive al tampone, di cui tre asintomatiche. Le altre 148 erano negative al tampone e non avevano sintomi. L’esame sierologico per gli anticorpi è stato fatto 30 giorni dopo l’esposizione al virus. Sedici persone positive al tampone avevano tutte gli anticorpi, mentre 7 dei 148 negativi al tampone avevano gli anticorpi specifici per il virus: ciò significa che il 4,3% dei contatti stretti era sfuggito al tampone. Inoltre, 10 dei 164 contatti stretti di chi aveva gli anticorpi, era asintomatico.