giugno 6th, 2020

La nuova “normalità”: gli occhi dietro la mascherina

Pubblicato il 06 Giu 2020 alle 12:00pm

Agli inizi degli anni Settanta, lo psicologo Philip Zimbardo divenne famoso per un esperimento di psicologia sociale condotto all’Università di Stanford. L’esperimento consisteva nel reclutare 24 volontari in modo del tutto casuale e studiare il loro comportamento in base al ruolo che veniva loro assegnato. Metà di loro avevano il ruolo di prigionieri e l’altra metà quello di carcerati. A gran sorpresa e contro ogni aspettativa furono costretti ad interrompere dopo 6 giorni l’esperimento perché ognuno di loro si era fin troppo bene immedesimato nella propria parte. L’essere umano in soli 6 giorni era diventato un prigioniero maltrattato o una guardia aggressiva adattandosi senza esitazione ad una situazione a lui sconosciuta in un contesto del tutto nuovo. (altro…)

Zenzero, alleato anti-age

Pubblicato il 06 Giu 2020 alle 7:34am

Secondo un recente studio, lo zenzero, è in grado di contrastare l’infiammazione e lo stress ossidativo. Lo studio in questione è stato pubblicato sul Journal of Herbal Medicine. (altro…)

Radio Italia Ora, il 27 e 28 Giugno un evento unico: gli artisti italiani prendono il comando della radio

Pubblicato il 06 Giu 2020 alle 7:13am

RADIO ITALIA ORA il 27 e 28 giugno 2020

ORA è un evento unico voluto e promosso da Radio Italia per ripartire con una nuova veste, una nuova energia e con tutti i colori della musica “sempre al tuo fianco”.

ORA perché è la fotografia della musica oggi, ORA perché ogni artista avrà a disposizione 60 minuti, ORA perché dopo un periodo complesso è arrivata l’ORA di ripartire.

ORA è un evento esclusivo, che nasce da qualcosa che non si è mai visto: un’esplosione di creatività attraverso la voce, la personalità e il talento di tutti gli artisti italiani che portano con orgoglio la bandiera della musica italiana, storicamente al centro della scena mondiale.

La radio, nata nel 1982 per una felice intuizione del Fondatore e Presidente Mario Volanti, dal 27 giugno cambierà tutta la sua immagine a cominciare dal logo disegnato da Sergio Pappalettera per arrivare a tutte le sue declinazioni.

Per l’occasione, per sottolineare la costante centralità nel sistema dei network e per confermare che appartiene alla musica italiana e a tutti coloro che la amano, Radio Italia ha chiesto agli artisti del nostro Belpaese di prendere per un’ORA il comando della radio e di trasformarla in un proprio spazio.

Ciascun artista sarà infatti libero di dialogare, di suonare, di portare amici, di proporre una selezione dei brani che più lo hanno colpito o dei brani più significativi del proprio repertorio. Ciascuno con una propria idea, ciascuno con un vero e proprio programma firmato e voluto da lui. Una nuova forma di personalissimo “set radio” per raccontare ai milioni di ascoltatori il talento dei nostri artisti e le mille sfumature della nostra musica.

Hanno aderito tutti! E il 27 e il 28 giugno in onda ci sarà una sorta di rivoluzione, una vera e propria “occupazione” del palinsesto che per la prima volta offrirà spazio a tanti programmi firmati.

I “programmi d’autore” saranno poi resi disponibili sul sito in una speciale collezione di podcast, a disposizione dei fan e per tutti coloro che in Italia e nel mondo, si riconoscono in quelli che hanno cantato dai balconi e che intendono ripartire verso un’estate piena di musica. L’evento vivrà sui profili social ufficiali di Radio Italia con l’hashtag #radioitaliaora.

La Svizzera apre le frontiere all’Italia il prossimo 15 Giugno

Pubblicato il 06 Giu 2020 alle 6:00am

La Svizzera aprirà ai suoi confini all’Italia il prossimo 15 giugno. Lo stesso vale anche verso tutti gli altri Paesi Ue e Efta. In un primo momento la libera circolazione era prevista solo verso l’Austria, la Germania e la Francia. Il Consiglio federale svizzero giustifica questo provvedimento con il buon andamento epidemiologico.

“Credo che torneremo al pieno funzionamento dell’area Schengen non più tardi di fine giugno”. Ha annunciato ieri la commissaria Ue dell’interno, Ylva Johansson, al termine della videoconferenza dei ministri dell’interno europei.

La commissaria ha sottolineato anche che per molti Paesi le restrizioni ai movimenti interni all’Ue saranno tolte già il 15 giugno, ma alcuni “dicono di non essere pronti a farlo” e di aver bisogno di valutare ulteriormente la situazione epidemiologica. I ministri dell’interno europei hanno raggiunto “un accordo globale” sulla richiesta di estendere fino a fine giugno la chiusura delle frontiere esterne dell’Ue, misura che altrimenti scadrebbe il 15 giugno.

Credit photo Primalavaltellina.it