Estate: i cibi di stagione che riducono lo stato infiammatorio dell’organismo favorendo la fertilità

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 Giu 2020 alle ore 8:57am

L’infiammazione è un naturale meccanismo di difesa del corpo, ma uno stato infiammatorio cronico può favorire l’insorgere di patologie che influenzano negativamente la fertilità femminile, come ad esempio endometriosi, sindrome dell’ovaio policistico, aborti ricorrenti.

I fattori che possono scatenare una risposta infiammatoria dell’organismo sono numerosi e includono, ad esempio, lo stress e l’inquinamento ambientale. L’adozione di uno stile di vita sano e l’alimentazione svolgono un ruolo importante nella prevenzione e cura delle infiammazioni. Per salvaguardare la fertilità femminile è fondamentale evitare alimenti ricchi di sostanze che possono innescare processi infiammatori, come zuccheri, i carboidrati raffinati e i cibi ricchi di grassi saturi.

Pensando al periodo estivo, il primo alimento che ci viene in mente è sicuramente la frutta – con la sua ampia varietà – e alcuni frutti di stagione, come ad esempio mirtilli e ciliegie, sono alleati particolarmente preziosi nel ridurre lo stato infiammatorio.
Il pesce, ricco di Omega 3, un grasso acido che aiuta a combattere l’infiammazione, abbatte il rischio di malattie croniche.

Ne abbiamo parlato con il Dott. Mario Mignini Renzini, Direttore Medico del Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi e Responsabile dell’Unità Operativa di Ginecologia presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza, del Gruppo San Donato.

I cibi estivi che aiutano a ridurre lo stato infiammatorio
“Pensando al periodo estivo, il primo alimento che ci viene in mente è sicuramente la frutta – con la sua ampia varietà – e alcuni frutti di stagione sono alleati particolarmente preziosi nel ridurre lo stato infiammatorio.” spiega il Dott. Mario Mignini Renzini – Direttore Medico del Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi e Responsabile dell'Unità Operativa di Ginecologia presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza, del Gruppo San Donato. “I mirtilli ad esempio, contengono diversi fitonutrienti che funzionano sia come antiossidanti che come antinfiammatori, riducendo i processi infiammatori nei tessuti e aumentando la funzionalità della membrana delle cellule, che permette a importanti sostanze nutritive e processi chimici di raggiungerle. Le ciliegie, altro frutto tipico della stagione estiva, sono ricche di sali minerali e di sostanze antinfiammatorie. Queste proprietà sono presenti in quantità ancora maggiore nelle visciole, un tipo di ciliegia ritenuto più povero, ma in realtà più ricco di proprietà nutrienti.

L’ananas, frutto ricco di vitamina C che evoca immediatamente il periodo estivo, contiene la bromelina, un enzima che aiuta a stimolare la digestione delle proteine, riducendo lo stato infiammatorio e migliorando le difese immunitarie”.

Tra gli alimenti che aiutano a ridurre e prevenire lo stato infiammatorio vi sono inoltre mele, propoli, bacche, grano saraceno, semi di chia, semi di canapa, liquirizia, semi di lino, papaia, curcuma, aglio, zenzero, tè verde, cipolla, rosmarino. Fortunatamente si tratta, in gran parte, di alimenti tipici della cucina italiana o facilmente combinabili in ricette estive quali insalate fredde miste per arricchirle e conferire ancora più gusto. I grassi non sono da demonizzare, piuttosto è importante inserire nella dieta grassi non saturi derivanti da alimenti quali olio extravergine di oliva, mandorle, noci e avocado.

La varietà nelle scelte alimentari è alleata della fertilità

“Trascorrere il periodo estivo in località marittime favorisce l’introduzione di pesce nella nostra dieta, con un beneficio significativo per la riduzione degli stati infiammatori.”
prosegue il Dott. Mignini Renzini. “Il pesce è infatti ricco di Omega 3, un grasso acido che aiuta a combattere l’infiammazione, abbattendo il rischio di malattie croniche. Gli alimenti che contengono Omega 3, inoltre, mantengono in ottima forma l’apparato riproduttivo, migliorando la produzione di ovuli”.

“Per una alimentazione in grado di preservare la fertilità e favorire il concepimento è comunque essenziale non demonizzare nessuno degli elementi nutritivi, che devono essere assunti in modo bilanciato. Si deve ridurre l’apporto calorico – in particolare quello dato da cibi grassi – e preferibile i carboidrati semplici a più rapida digeribilità.
Insalata, fiori di zucca, pomodori, zucchine, cetrioli e ancora albicocche, melone, pesche, angurie, prugne, more e susine sono verdure e frutta tipica dei mesi caldi, tutti alimenti di grande importanza per una dieta salutare ed equilibrata”, conclude il Dott. Mignini Renzini.