Scuola, si riparte il 14 settembre, ecco come

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 26 Giu 2020 alle ore 6:38pm

“Le scuole riapriranno il 14 settembre in piena sicurezza“, l’annuncio di poche ore fa del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, affiancato in conferenza stampa dal ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Nel corso dell’incontro con la stampa sono state presentate le linee guida per la ripartenza dell’anno scolastico 2020.

“Chiudere le scuole è stata una scelta sofferta – ha affermato Conte – ma alla fine è stata la soluzione che ha garantito maggiore sicurezza ai nostri figli e a tutti i familiari che convivono con loro. La didattica a distanza ci ha permesso di andare avanti con la formazione, ma siamo consapevoli che è stata una situazione di necessità. Non eravamo preparati per affrontarla con la massima efficacia ed efficienza e siamo consapevoli degli sforzi imposti alle famiglie. La scuola è al centro dell’azione di Governo e continueremo ad investire sempre più“.

Il ministro Azzolina ha poi presentato le linee guida per la riapertura, condivise con il mondo della Scuola, le forze sociali e gli Enti Locali e che saranno immediatamente operative. Un miliardo di euro in più a favore del settore, oltre ai 4,6 miliardi stanziati da gennaio ad oggi.

Gli studenti che dovranno recuperare o potenziare inizieranno già dal 1° settembre, mentre la riapertura ufficiale è prevista per il 14. Le scuole dovranno essere igienizzate, si dovrà mantenere il metro di distanziamento grazie anche ad ingressi scaglionati. Il personale scolastico formato attraverso i webinar così come le famiglie e gli studenti. Si lavorerà sull’edilizia scolastica, anche grazie al contributo degli Enti Locali, e verranno recuperati edifici dismessi.

“A settembre la scuola deve essere più inclusiva – ha evidenziato la Azzolina – e si potrà fare scuola anche nei cinema, nei teatri, nelle biblioteche per far respirare cultura ai nostri studenti. Abbiamo bisogno di più spazi ma anche di più docenti e personale non docente. Possiamo assumere fino a 50mila persone tra docenti e personale ATA a tempo determinato, in più rispetto al solito organico di fatto e di diritto. Questa estate assumeremo a tempo indeterminato sulla base dei pensionamenti che ci saranno. A luglio gli stipendi del personale docente cresceranno tra gli 80 e i 100 euro“.