Utilizzare padelle antiaderenti può comportare la comparsa di una serie malattie cardiache, in quanto, contengono i PFAS (perfluoroalchiliche), sostanze chimiche sintetiche utilizzate nell’industria per produrre insetticidi, vernici, rivestimenti e altro ancora.

Negli anni ’50 si è scoperto che hanno proprietà emulsionanti e tensoattive rendendo i materiali resistenti all’acqua e ai grassi. Per questo sono state impiegate nella produzione delle pentole antiaderenti.

I PFAS, però, si suddividono in due gruppi: l’acido perfluoroottanoico (PFOA) e l’acido perfluoroottansulfonico (PFOS).

Attraverso l’aria e l’acqua possono essere dannose per la salute delle persone, ad esempio.

A sostenerlo anche il sito del Ministero della Salute che i PFAS sono ritenuti responsabili di svariate problematiche legate alla salute come:

– compromissione della crescita
– riduzione della fertilità femminile
– malfunzionamenti della tiroide
– colite
– problemi cardiovascolari
– potenzialmente cancerogeni

Le concentrazioni massime tollerabili di PFOA e PFOS nell’acqua potabile sono state fissate a livello internazionale dall’OMS a 0,2-0,4 μg/L per esposizioni di periodo limitato.

Tali sostanze tossiche influenzano la normale funzionalità delle piastrine nel sangue rendendole incapaci di coagulare come dovrebbero: con il passare degli anni potrebbero insorgere delle malattie cardiache.

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato il PFOA come 2B (possibilmente cancerogeno per l’uomo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.