luglio 30th, 2020

Nek è tornato a suonare dal vivo con il primo dei suoi speciali appuntamenti live di quest’estate, “Solo: chitarra e voce”

Pubblicato il 30 Lug 2020 alle 6:17am

Martedì 28 luglio, nella suggestiva cornice dell’Anfiteatro Fonte Mazzola a PECCIOLI (PI), NEK Filippo Neviani è tornato a suonare dal vivo con il primo dei suoi speciali appuntamenti live di quest’estate, “SOLO: CHITARRA E VOCE”. (altro…)

Dermatiti e psoriasi, colpita il 10% della popolazione

Pubblicato il 30 Lug 2020 alle 6:00am

Sempre più italiani soffrono di malattie infiammatorie della pelle, come dermatite atopica e psoriasi. Il 10% della popolazione ne è colpita. Le malattie della pelle sono le più numerose e colpiscono almeno una volta nella vita di ogni persona. Interessano in totale circa il 25% della popolazione italiana. (altro…)

Come prevenire un ictus in Italia

Pubblicato il 30 Lug 2020 alle 6:00am

L’ictus cerebrale, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Dei 150.000 italiani circa che ne vengono colpiti ogni anno, la metà rimane con problemi di disabilità di varia entità; attualmente sono circa 1 milione i sopravvissuti con esiti di ictus più o meno invalidanti. Da A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione Italiana per la Lotta all’Ictus Cerebrale) alcuni consigli per prevenire l’ictus in estate.

Mangiare cereali, frutta, olio di oliva, legumi e pesce. Una alimentazione povera di carni grasse, tuberi, grassi animali e insaccati. Un’alimentazione sana e variegata di questo genere, può ridurre il rischio di ictus sino ad arrivare al 20%.

Consumare agrumi, mele, pere, verdure a foglia larga, contribuisce molto alla protezione: un incremento di circa 200 grammi al giorno, di frutta e di verdura, fa diminuire il rischio di ictus rispettivamente del 32% e dell’11%. L’olio di oliva extravergine, uno dei pilastri della dieta mediterranea, contribuisce notevolmente a proteggere il sistema cardiovascolare: un aumento di 23 grammi al giorno di consumo di olio di oliva è stato inversamente associato all’incidenza dell’ictus (riduzione del rischio del 20%) e alla mortalità (riduzione del rischio dell’11%).

Se da una parte ci sono sostanze da consumare con moderazione, come sodio, alcol e grassi saturi perché aumentano il rischio vascolare, dall’altra, viene sottolineato l’effetto protettivo di omega3, fibre, vitamina B6 e B12, così come l’assunzione di calcio e potassio che diminuiscono il rischio di ictus cerebrale.