Crampi alle gambe, cosa fare?

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Set 2020 alle ore 6:00am

I crampi muscolari sono dei veri e propri spasmi della muscolatura striata. In realtà, oltre alle cellule muscolari (parzialmente coinvolte) sono responsabili dei crampi anche i motoneuroni.
Si tratta di contrazioni involontarie tipicizzate da violenza e comparsa improvvisa.
In parole povere, i crampi (muscolari) determinano la contrazione involontaria della muscolatura, che invece “dovrebbe” dipendere dalla volontà.
L’eziologia dei crampi è multifattoriale, anche se la loro comparsa non richiede obbligatoriamente la compresenza di tutti i fattori potenzialmente responsabili; i più rilevanti sono:

– Malnutrizione.
– Alcolismo.
– Attività fisica intensa e/o prolungata svolta in ambienti caldo umidi.
– Aumento della diuresi.
– Patologie varie.
– Forma fisica insufficiente per la prestazione fisica.
– Temperature molto rigide.
– Assunzione di determinati farmaci.
– Accumulo di acido lattico e altri cataboliti.

Ma come prevenirli e cosa fare?
Ecco alcuni conigli utili.

– Rispettare l’equilibrio nutrizionale della dieta e adeguarla alle necessità specifiche (sport, sudorazione ecc).
– Non mangiare troppo prima dell’attività fisica motoria più intensa e impegnativa.
– Saper gestire la sudorazione.
– Evitare di bere alcolici.
– Sostenere prestazioni adeguate al proprio livello di allenamento.
– Rispettare il recupero dopo gli sforzi.
– Eseguire un riscaldamento motorio, defaticamento e stretching.
– Scaldare o mantenere calda la muscolatura prima di ogni prestazione.
– Curare malattie responsabili dei crampi.
– Assumere integratori alimentari specifici.
– Bere tanta acqua per idratarsi.
– Sospendere l’utilizzo del distretto muscolare coinvolto.
– Praticare allungamento muscolare specifico.
– Massaggiare la zona interessata.
– Applicare impacchi caldi.