Coronavirus creato in laboratorio a Wuhan: la denuncia arriva da una virologa cinese

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Set 2020 alle ore 6:00am

“Il Coronavirus è stato creato dall’uomo in un laboratorio a Wuhan”. A dirlo è Li-Meng Yan, virologa cinese, dipendente della Hong Kong School of Public Health, durante una puntata di Loose Women, un talk show britannico molto seguito, trasmesso dal canale Itv.

Secondo la virologa, sia Pechino che l’Oms sapevano della trasmissione da uomo a uomo del nuovo ceppo di Sars-Cov-2, da molto tempo prima che si diffondesse a macchia d’olio da Wuhan e poi in tutto il mondo.

Li-Meng, ha fatto questa dichiarazione, accusando la Cina apertamente, da una località americana tenuta segreta per impedire che su di lei ci possano essere possibili ritorsioni. La virologa sostiene di avere le prove della natura sintetica del virus e che presto sarà in grado di pubblicarle. “Tutti, anche chi non è uno scienziato e non ha conoscenze di biologia, sarà in grado di capirle”, ha assicurato.

La dottoressa già a luglio aveva denunciato che Pechino era a conoscenza della portata del nuovo coronavirus, che aveva nascosto al mondo intero per “paura di rivolte”. La virologa ha detto anche che dei suoi colleghi in Cina, avevano saputo di casi di contagio da uomo a uomo già il 31 dicembre scorso.