“Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto questa mattina al Quirinale il professore Mario Draghi al quale ha conferito l’incarico per la formazione del governo. Draghi si è riservato di accettare”. Alle 13.15 ad annunciare il nuovo presidente del Consiglio incaricato è il segretario generale della presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti. Alle 11.55 Draghi arriva al Quirinale: più di un’ora di colloquio con il capo dello Stato, Sergio Mattarella e poi si presenta davanti alla stampa per riferire la sua decisione. “Ringrazio il presidente della Repubblica per la fiducia che mi ha voluto accordare. È un momento difficile, dobbiamo essere all’altezza – dice l’ex presidente della Bce – Vincere la pandemia, completare la campagna vaccinale, offrire risposte ai problemi quotidiani, rilanciare il Paese sono le sfide. Abbiamo a disposizione le risorse straordinarie dell’Ue, abbiamo la possibilità di operare con uno sguardo attento alle future generazioni e alla coesione sociale”.

Draghi annuncia poi: “Con grande rispetto mi rivolgerò al Parlamento, espressione della sovranità popolare. Sono fiducioso che dal confronto con i partiti, con i gruppi parlamentari e le forze sociali emerga unità e capacità di dare una risposta responsabile”. Mezz’ora la sua visita a Montecitorio con il presidente della Camera, Roberto Fico, e poi al Senato con la presidente Elisabetta Casellati. E, infine, l’incontro a Palazzo Chigi con l’ex premier Conte, durata più di un’ora.

“Non voteremo per Draghi”, è l’annuncio che viene dato dal capo del Movimento 5 Stelle Vito Crimi. Concordano con lui anche Di Battista e Taverna, nonché i ministri uscenti Patuanelli e Bonafede. Ma tar di loro c’è anche chi sostiene che “bisogna pensare al Paese”.

Matteo Renzi scrive: “Draghi va sostenuto, è l’ora dei costruttori”, mentre Zingaretti, dichiara: “Con Draghi inizia una fase nuova, siamo pronti a contribuire con le nostre idee a questa sfida. Chiedo un incontro con M5S e Leu”.

Dal centrodestra, si continua a invocare il voto, anche se c’è attesa per la decisione che prenderà Forza Italia su un eventuale sostegno al nuovo esecutivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.