Fino al 5 aprile l’Italia è tutta in zona rossa. Ecco le regole previste nei tre giorni di festività di Pasqua:

– ATTIVITÀ MOTORIA E SPORT – E’ possibile fare sport all’aperto, ma solo in prossimità della propria abitazione.

L’attività sportiva all’aperto è consentita ma in forma individuale e stando a due metri di distanza gli uni dagli altri. Al mare si potrà nuotare ma è vietato prendere il sole. Molti comuni hanno deciso la chiusura delle spiagge. Chiusi anche i circoli sportivi.

– VISITE AD AMICI – Nel weekend di Pasqua si potrà andare a trovare parenti e amici una volta al giorno e in massimo due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi).

– SECONDE CASE – E’ possibile raggiungere le seconde case, a condizione che non ci siano ordinanze emesse dai presidenti di Regione che impongono regole più restrittive: come ad esempio la regione Campania, la Puglia o la Liguria, che hanno posto il divieto di accesso alle seconde case per residenti e non residenti. Per quest’ultima ‘categoria’ il divieto è imposto anche in Piemonte, Valle d’Aosta, Alto Adige, Trentino, Toscana, Marche, Calabria e Sardegna. E nell’Isola – così come in Sicilia – si entra solo con tampone negativo effettuato 48 ore prima dell’arrivo.

– SHOPPING Chiusi, come tutti i week end in zona rossa, i centri commerciali e le grandi e medie strutture. Aperti farmacie e parafarmacie, edicole e tabacchi, anche nei centri commerciali. Molte regioni hanno deciso di tenere aperti i supermercati solo con la chiusura domani, Pasqua, e il lunedì di Pasquetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.